Ricerca personalizzata

sabato 16 febbraio 2008

il primo utile azzurro: ma i debiti salgono

Liberomercato 30 dicembre 2007 pag.43

La serie A porta il club all'utile

Sale a 45 milioni l'indebitamento del Napoli

Marco Liguori

Il presidente Aurelio De Laurentiis ha mantenuto prima del previsto la promessa fatta nel bilancio 2004/05 del nuovo Napoli, nato dopo il fallimento dell'estate 2004. In esso era riportato che la società avrebbe conseguito l'utile in tre anni. Invece, dopo due anni in rosso la società ha chiuso l'esercizio 2006/07, in cui ha partecipato al campionato di serie B con promozione in A, con un utile di 1,42 milioni di euro. Nello stato patrimoniale si nota però un aumento del 24,26% dei debiti, passati da 36,38 a 45,21 milioni e uno squilibrio di 35,84 milioni rispetto ai 9,37 milioni di crediti (+100%). Inoltre, secondo le visure camerali chieste venerdì scorso da Liberomercato, il capitale sociale è di 500mila euro: domani è il termine per completare la ricapitalizzazione sino a 5 milioni deliberata nel dicembre 2005.
Ritornando al risultato al 30 giugno scorso, si legge nella relazione sulla gestione che «il passaggio di serie (dalla C1 alla B ndr) ha espresso tutto il suo potenziale in termini di risultati sul fatturato sul fronte promo-pubblicitario e della licenza dei diritti televisivi». E le cifre del conto economico lo dimostrano. Il valore della produzione (41,41 milioni) è lievitato del 243% rispetto all'esercizio precedente ed ha superato i costi (38,22 milioni, +87,85%) di 3,19 milioni. All'interno dei ricavi l'aumento più consistente (+221,46%) si è registrato nei diritti radio-tv (8,69 milioni). Seguono gli abbonamenti (+161%, 4,96 milioni) e i biglietti venduti (+75,72%, 4,96 milioni). Incrementi cospicui anche per i proventi da sponsorizzazione (+5,14 milioni) e cartellonistica a bordo campo (+2,22 milioni). Il salto di categoria ha avuto effetto anche sui costi, dove si nota il +128,1% per i tesserati, passato da 6,53 milioni a 14,90 milioni. Gli ammortamenti, pari 7,26 milioni, sono cresciuti del 46,63% e composti soprattutto da quelli dei diritti alle prestazioni dei calciatori.
Passando allo stato patrimoniale, si nota che è stato drasticamente ridotto il debito della linea di fido aperta nel 2004 con Unicredit da 27,24 a 7,03 milioni. La nota integrativa spiega che «una consistente parte di tale riduzione è legata a un anticipato incasso conseguito attraverso la concessione in licenza dei diritti di sfruttamento economico delle immagini relative alle gare interne della prima squadra». La nota integrativa specifica che questo anticipo è di 10,3 milioni, segnato anch'esso tra i debiti: sono soldi già spesi dal Napoli, relativi alla «stagione 2007/2008», che non specifica se dati da Mediaset, Sky o da entrambi. Inoltre, si notano 10,66 milioni di debiti con la controllante Filmauro con cui è consolidata fiscalmente: nella nota integrativa si segnala «che la società prevede di ricoprire la posizione entro il termine di approvazione del presente bilancio per almeno euro 5 milioni». Infine, si registra anche il +379% dei debiti tributari, passati da 381mila a 1,82 milioni: 1,27 milioni sono per «Irap dell'esercizio» e 485mila per «ritenute su retribuzioni».

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati