Ricerca personalizzata

domenica 17 febbraio 2008

inghippi bianconeri

il manifesto 25 agosto 2003

Le plusvalenze immobiliari della Juventus

I nuovi artifici contabili usati dalla vecchia signora

Era il 30 giugno scorso, giorno della chiusura del bilancio. In casa bianconera, la ferita per la sconfitta nella finale della Coppa dei Campioni bruciava ancora, e molto: ma in compenso i dati relativi al fatturato erano davvero ragguardevoli. Le entrate totali erano ammontate a 215 milioni di euro, il 22,9% in più rispetto ai già lusinghieri 175,3 milioni della stagione precedente. Merito soprattutto del lungo cammino di Coppa. Ci sarebbe stato di che brindare in Corso Galileo Ferraris: ma le cose non andarono proprio così. Nonostante il record assoluto del fatturato, i conti volgevano inesorabilmente al rosso: dopo sei anni di utili, alcuni dei quali ottenuti grazie ad eventi irripetibili (le maxi-plusvalenze del 2001-2002 per le cessioni di Zinedine Zidane e Filippo Inzaghi e lo scambio vicendevole di un carneade con il Milan nel 1999-2000), anche in casa bianconera la realtà stava per prendere il sopravvento. Si poteva applicare il cosiddetto decreto spalma debiti, che consente di abbattere il valore del patrimonio giocatori e di spalmare in dieci anni la perdita relativa. La Juventus aveva conferito l'incarico ad un noto professionista per studiarne la fattibilità. Quanto ad immagine, non sarebbe stata però una gran trovata: non si era sempre detto che quell'assurdo decreto era stato tramutato in legge in fretta e furia nel febbraio 2003 dal Parlamento per aiutare società come Lazio e Napoli, inguaiate fino al collo? Meglio dunque soprassedere. Ma, proprio in quell'ultimo pomeriggio, ecco la stupefacente magia: meglio di un numero di Del Piero, o di Trezeguet, o di Nedved. E' la plusvalenza immobiliare: una cosa mai escogitata prima da nessuna società italiana di calcio. E dire che, quanto ad artifici contabili, le nostre società non sono seconde a nessuno. Grazie a quella magia, l'esercizio si è chiuso con 2,2 milioni di utile. E' accaduto tutto in quel fatidico pomeriggio: la Juventus ha venduto il 27,2% della sua controllata Campi di Vinovo Spa, la società che detiene i 500mila metri quadri di terreno nell'area tra Vinovo e Nichelino che sarà utilizzata per il progetto cosiddetto Mondo Juve, alla Costruzioni Generali Gilardi Spa. Prezzo pattuito per la transazione: 37,3 milioni. Prezzo pagato a suo tempo: 4,8 milioni. Dunque, la società dell'amministratore delegato Antonio Giraudo ha realizzato una plusvalenza di 32,5 milioni. Niente di strano, si dirà: accade spesso che le partecipazioni si rivalutino. Non proprio: perché contestualmente alla vendita, la Juventus ha concesso alla Gilardi il diritto di rivendere, proprio ai bianconeri, la stessa quota appena acquistata allo stesso, identico prezzo. In altre parole, ti vendo una qualunque cosa ad una cifra abnorme, guadagno in modo spropositato, ma quando vorrai, dovrò pagare per la stessa cosa la medesima cifra da te pagata. Non è stato il solo aggiustamento provvidenziale: nell'ultimo esercizio sono stati accantonati per svalutazioni e rischi 1,32 milioni a fronte degli 11,53 di quello precedente. I rischi potenziali sono davvero diminuiti di oltre 10 milioni in un anno? Lo si saprà solo a fine settembre, quando l'approvazione del bilancio sarà definitiva e i singoli saldi saranno spiegati in modo approfondito.Ma in casa Juve, si pensa già al futuro: imbellettati in extremis i conti 2002-2003, Antonio Giraudo si è già portato avanti con il lavoro. Il 15 luglio la Juventus ha firmato la convenzione con il Comune di Torino, in base alla quale ha ottenuto il diritto di superficie (ossia la possibilità di edificare sul suolo) valido 99 anni, sull'area del Delle Alpi. Anche qui la Juventus è giunta prima di tutti gli altri: si tratta della minusvalenza per il cittadino che si trasforma in una plusvalenza dei bianconeri. Il Comune ha infatti svenduto l'area alla Juventus, con ciò penalizzando il tifoso bianconero, quello granata e chi di calcio non si interessa affatto. Come definire in altro modo il prezzo di 25 milioni per un'area di 54mila metri quadrati? Si tratta di 4,68 euro per metro quadro all'anno. Installare a Torino un banco per il commercio di libri usati costa mediamente 16 volte di più.
Marco Liguori e Salvatore Napolitano

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati