Ricerca personalizzata

lunedì 18 febbraio 2008

l'uscita di scena dei figli di Cragnotti, Tanzi e del socio occultato da Romafides

il manifesto
Domenica 21 dicembre 2003 - 3^ puntata

I misteri «gialloblù» della Gea

Negli ultimi mesi l'azionariato della società di procuratori più discussa d'Italia è cambiato: sono usciti Andrea Cragnotti, Francesca Tanzi e un socio misterioso e sono entrati il direttore generale della Lazio, Giuseppe De Mita, e Oreste Luciani, sindaco del Parma calcio, legato a doppio filo alla famiglia Tanzi. Il conflitto d'interessi dell'accolita dei figli famosi resta sul tavolo

MARCO LIGUORI
SALVATORE NAPOLITANO

Da pochi mesi la famiglia Tanzi, al centro della crisi che ha coinvolto la Parmalat, sembra essere uscita dall'azionariato della Gea: ma è proprio così? Il dubbio è più che lecito e gira intorno alla figura di un socio subentrato da pochi mesi: Oreste Luciani. E' un nome sconosciuto agli addetti ai lavori del calcio, ma è un professionista molto famoso, dal momento che è sindaco di numerose società. Qualcuna di esse versa peraltro in cattive condizioni, come la Gandalf, dove ricopre l'incarico di presidente del collegio sindacale: è una piccola compagnia aerea, quotata al Nuovo Mercato di Piazza Affari, il cui bilancio 2002, agli inizi di dicembre, è stato impugnato dalla Consob, la commissione di controllo delle società di Borsa, davanti al Tribunale. Che cosa ci fa dunque uno come Luciani nel variegato mondo del pallone? Per capire meglio la questione, occorre fare un passo all'indietro. La Gea è una famosa società di procuratori, che controlla circa 150 tra giocatori e allenatori di serie A e B, ed è etichettata come un'accolita di pargoli celebri. E' nata nell'ottobre 2001, il suo presidente è Alessandro Moggi, figlio del direttore generale della Juventus, Luciano, ed i suoi azionisti alla pari sono la Football Management e la General Athletic, che detengono ciascuna il 45%. Il restante 10% è nelle mani di Riccardo Calleri, figlio dell'ex presidente di Torino e Lazio, Gian Marco. A sua volta, la Football Management è posseduta per il 60% dallo stesso Alessandro Moggi e per il 40% da Francesco Zavaglia. L'azionariato della General Athletic è stato invece una lunga fonte di misteri. E continua ad esserlo: fino all'aprile 2003, il 60% era suddiviso in parti uguali tra Chiara Geronzi, giornalista del Tg5 e figlia del numero uno della galassia bancaria Capitalia, Cesare, Andrea Cragnotti, figlio di Sergio, ex numero uno della Cirio e della Lazio, e Francesca Tanzi, figlia di Calisto, fino all'altro ieri presidente del gruppo Parmalat. L'altro 40% era in mano ad una fiduciaria di Capitalia: la Romafides. Quale irriferibile segreto celava il socio che si è sempre voluto mimetizzare dietro lo schermo della fiduciaria?
Nessuno dei figli famosi aveva ritenuto necessario nascondersi, nonostante gli intrecci evidenti con i padri, ed i relativi conflitti di interesse: ma un socio sì. Nemmeno alcune interpellanze parlamentari, sia della Lega che dell'Ulivo, sono riuscite a far luce sulla vicenda. Da fine aprile, l'azionariato è cambiato. Il piccolo colpo di scena ha mandato in tilt anche la Camera di Commercio, perché la General Athletic aveva presentato due documenti contrapposti: in uno si sosteneva che i soci fossero gli stessi, nell'altro che fossero cambiati. Sciolto il dilemma, la nuova composizione azionaria della società vede la scomparsa di Romafides e del suo mistero, di Andrea Cragnotti e di Francesca Tanzi: al loro posto, Chiara Geronzi, che ha incrementato la sua quota al 46%, e tre neo-entrati. Giuseppe De Mita ha il 26%, ma era già consigliere della Gea: tutttavia, il figlio dell'ex segretario democristiano, Ciriaco, resta contemporaneamente direttore generale della Lazio, nonostante l'evidente conflitto di interessi. Riccardo Calleri ha il 2% e proprio Oreste Luciani ha il 26%: egli era fra l'altro già consigliere della General Athletic. Ma i suoi legami con la famiglia Tanzi sono più d'uno: a cominciare da quello evidentissimo nella Chiori s.r.l., che ha sede a Parma, dove Luciani è socio insieme a Francesca Tanzi. Egli ne detiene il 49%, mentre la figlia di Calisto il 51%. Di questa società, Luciani è anche l'amministratore unico. I conti della Chiori non brillano affatto: essa ha un capitale sociale di 21mila euro, e svolge, o almeno dovrebbe in base alle dichiarazioni allegate al bilancio, attività di acquisto, detenzione, vendita e gestione di partecipazioni in altre società. Ma non c'è traccia di dinamismo nell'operatività: l'unico pacchetto detenuto è quello di controllo della Valorizzazioni Turistiche s.r.l., che non ha distribuito dividendi né durante il 2001 e neppure nel 2002.
Morale della favola, la Chiori ha chiuso entrambi gli esercizi senza incamerare un solo euro di fatturato. E ha totalizzato piccole perdite, pari rispettivamente a 2.063 e a 1.453 euro. Ma Luciani non è solo socio con la Tanzi junior, ma è anche sindaco di diverse società del gruppo Parmalat: del Parma Calcio, della Panna Elena C.P.C., della Saral s.r.l., della Streglio Spa e della Interlatte Spa. Dulcis in fundo, le attività ricreative: Luciani e Calisto Tanzi sono tra i numerosi soci di un circolo esclusivo, il La Rocca Golf. Chissà se si saranno mai sfidati a chi fa buche con il minor numero di colpi: e soprattutto sarebbe interessante sapere chi ha vinto.

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati