Ricerca personalizzata

lunedì 31 marzo 2008

Pompei-Nocera: incidenti e squalifiche d'altri tempi, ma attuali

Questo passo degli Annali di Tacito sembra scritto ai nostri giorni. Al posto dei gladiatori ci sono i calciatori, ma la deemenza degli spettatori è rimasta intatta dopo 2000 anni: probabilmente è stata sepolta anch'essa dall'eruzione del Vesuvio del 79 d.c.
Tuttora quando ci sono partite di calcio tra le squadre dell'area vesuviana e quelle dell'agro nocerino-sarnese i disordini sono la regola fissa, ma non solo in questa zona! Il fenomeno, come si nota ormai troppo spesso, si ripete in tutti gli stadi italiani: come domenica scorsa, prima di Juventus-Parma.

Tratto da http://www.latin.it/autore/tacito/annales/!14!liber_xiv/17.lat


Tacito - Annales - Liber XIV - 17

[17] Sub idem tempus levi initio atrox caedes orta inter colonos Nucerinos Pompeianosque gladiatorio spectaculo, quod Livineius Regulus, quem motum senatu rettuli, edebat. quippe oppidana lascivia in vicem incessente[s] probra, dein saxa, postremo ferrum sumpsere, validiore Pompeianorum plebe, apud quos spectaculum edebatur. ergo deportati sunt in urbem multi e Nucerinis trunco per vulnera corpore, ac plerique liberorum aut parentum mortes deflebant. cuius rei iudicium princeps senatui, senatus consulibus permisit. et rursus re ad patres relata, prohibiti publice in decem annos eius modi coetu Pompeiani collegiaque, quae contra leges instituerant, dissoluta; Livineius et qui alii seditionem conciverant exilio multati sunt.

TRADUZIONE LETTERALE
17. Pressappoco in quel periodo, futili incidenti diedero origine a violenti scontri, con morti, tra gli abitanti di Nocera e quelli di Pompei, durante uno spettacolo di gladiatori, organizzato da Livineio Regolo, espulso, come già riferito, dal senato. Cominciarono, con l'intemperanza tipica delle cittadine di provincia, a scambiarsi insulti, poi sassi, per finire col mettere mano alla spada; ebbero la meglio quelli di Pompei, presso i quali si dava lo spettacolo. Molti di Nocera furono riportati nella loro città col corpo mutilato o segnato da ferite, e parecchi piangevano la morte di figli o genitori. Il principe affidò l'inchiesta sugli incidenti al senato e il senato ai consoli. Poi, quando la faccenda ritornò al senato, ai Pompeiani furono vietate per dieci anni simili riunioni e vennero sciolte le associazioni costituitesi in modo illegale. A Livineio e a quanti avevano provocato i disordini fu comminato l'esilio.

TRADUZIONE CON RIFERIMENTI STORICI
In quel medesimo tempo (durante il principato di Nerone, nel 59 d.C.) futili incidenti diedero origine a violenti scontri, con morti, tra gli abitanti di Nocera e quelli di Pompei, durante uno spettacolo di gladiatori, organizzato da Livineio Regolo, che ho già detto essere stato espulso dal senato. Cominciarono, con l’intemperanza tipica delle cittadine di provincia, a scambiarsi insulti, poi sassi, per finire col mettere mano alla spada; ebbero la meglio quelli di Pompei, presso i quali si dava lo spettacolo. Molti di Nocera furono riportati nella loro città col corpo mutilato o segnato da ferite, e parecchi piangevano la morte di figli o genitori. Il principe affidò l’inchiesta sugli incidenti al senato e il senato ai consoli. Poi, quando la faccenda ritornò al senato, ai Pompeiani furono vietate per dieci anni simili riunioni e vennero sciolte le associazioni costituitesi in modo illegale. A Livineio e a quanti avevano provocato i disordini fu comminato l’esilio.

"BUONA DOMENICA NON E' UN'ARENA ANTIGOVERNO"

RISPONDE CESARE LANZA, AUTORE DI BUONA DOMENICA
da www.lamescolanza.com

Come autore responsabile di Buona Domenica protesto contro i contenuti dell'articolo "E a Buona Domenica c'è l'arena antigoverno." Si tratta di una insinuazione falsa e grossolana: nessuno, né dall'interno né dall'esterno di Mediaset, ci ha mai chiesto o suggerito di seguire un indirizzo politico di qualsiasi tipo. Le scelte dei contenuti sono, sul piano politico, assolutamente indipendenti. Non partecipiamo alla campagna elettorale: facciamo un programma che incontra il consenso del pubblico, e questo è il mio unico movente. Rispondo al pubblico, che potrebbe bocciarmi, all'editore, alle leggi e alla mia coscienza. A nient'altro. E' stupefacente che i politici interpellati da Repubblica si lamentino di ciò che mandiamo in onda, ovvero le opinioni della gente che protesta per i tanti problemi (discusse da importanti opinion-leaders, in ogni puntata) anziché occuparsi di quei problemi e concentrarsi a risolverli, secondo il mandato che li ha eletti per questo compito. Inoltre le cosiddette "invettive" contro i politici (non solo di governo, peraltro) sono rarissime e non rappresentano certo la spina dorsale né l'identità di quel pezzo del programma.

La Repubblica 26-03-08

venerdì 28 marzo 2008

Ma quanti soci importanti, oltre al Cavaliere

http://qn.quotidiano.net/conti_del_pallone_2007/2007/04/30/9014-piccoli_azionisti.shtml

I CONTI DEL PALLONE / MILAN

I piccoli azionisti

Bologna, 30 aprile 2007 - Benvenuti nel club privée Milan, circolo elitario presieduto da Silvio Berlusconi. Secondo l’ultimo elenco dei soci disponibile presso la Camera di Commercio, oltre alla controllante Fininvest sono presenti 108 piccoli azionisti nella società rossonera: sono detentori dalla quota simbolica di un titolo, fino al più “facoltoso “di essi che ne possiede 8mila. Alcuni di essi risultano essere nomi note alle cronache finanziarie, mondane o sportive.

E’ il caso di Paolo Scaroni, attuale amministratore delegato dell’Eni, che risulta possessore di 10 azioni per un controvalore di 5,20 euro: secondo il sito della compagnia petrolifera, dopo aver ricoperto l’incarico di amministratore delegato dell’Enel dal maggio 2002 al 2005, nel giugno 2005 è approdato nella società del cane a sei zampe. Entrambi gli incarichi sono stati assunti durante il governo Berlusconi.

Altra illustre personalità della compagine sociale è Gian Gerolamo Carraro, figlio di Nicola Carraro. Quest’ultimo è il nipote dell’editore Angelo Rizzoli, fondatore della omonima casa editrice: i suoi genitori erano Pinuccia Rizzoli e Gian Gerolamo Carraro. Nicola, produttore cinematografico balzato alle cronache mondane per il matrimonio nel giugno 2006 con la presentatrice Mara Venier, ha ceduto nel 2005 le sue 200 azioni del valore di 104 euro al figlio Gian Gerolamo: l’annotazione nel libro soci del Milan risale al 31 ottobre di due anni fa. Forse questo è un residuo della partecipazione della grande dinastia Rizzoli: l’altro figlio di Angelo, Andrea, fu indimenticato presidente rossonero.

Scorrendo l’elenco, risalta all’occhio il nome di Sergio Brambilla Pisoni, commercialista, sindaco e amministratore di diverse società quotate a Piazza Affari, molto vicino al presidente del Milan. Egli possiede 7 azioni, per un controvalore di 3,64 euro. Altro commercialista è Giorgio Ghizzoni, ex sindaco supplente di Generali: in suo possesso risultano 75 azioni da 39 euro.

Tra i soci rossoneri, c’è anche una celebre dinastia industriale milanese, titolare della Nardi Elettrodomestici. Vi è presente Gianni Nardi, vicepresidente del Milan, con 125 azioni per 65 euro totali. Ci sono anche sette suoi parenti: curiosamente ciascuno di essi possiede 225 azioni (controvalore 117 euro), quantitativo superiore al dirigente rossonero.

Non mancano anche i giornalisti. C’è infatti un volto noto di Mediaset, Carlo Pellegatti, possessore di 20 azioni, pari a nominali 10,40 euro.

Non tutto però sembra scorrere liscio tra i piccoli azionisti del Milan e la Fininvest. La società rossonera, a pagina 56 del bilancio 2006, dà notizia di un contenzioso civile. «In relazione all’impugnativa di quanto deliberato dall’assemblea straordinaria del 18 aprile 1996 – si legge nella nota integrativa – operata dai signori Angelo Lo Porto, Enrico Canzi, Enzo Lamanuzzi, Luigi Malgrati, Palga srl, nel mese di gennaio 2003 è stato respinto l’appello presentato dalla società, che ha presentato nuovo ricorso nuovo ricorso presso la Corte di Cassazione». Qual è l’oggetto del contendere? Il Milan non lo spiega.
di Marco Liguori

Campagna acquisti

http://qn.quotidiano.net/conti_del_pallone_2007/2007/04/30/9013-milan_plusvalenze_minusvalenze.shtml


I CONTI DEL PALLONE

Milan, plusvalenze e minusvalenze


Bologna, 30 aprile 2007 - Il Milan ha incassato 44,81 milioni di euro di plusvalenze dalle campagne acquisti effettuate nel corso del 2006. Oltre a quella di oltre 42 milioni per Shevchenko ci sono state altre 5 operazioni. La prima di rilevante entità è quella della cessione del ventiduenne Martino Olivetti al Chievoverona per ben 2 milioni, con una plusvalenza di quasi 1,5 milioni: il prezzo pagato è di rilevante entità, se si considera che l’acquirente non è una società che possegga grandi mezzi finanziari. In precedenza Olivetti è stato mandato dal Milan in prestito in giro per l’Italia: è stato nel 2004/05 nella Vis Pesaro, dove giocava anche Simone Brunelli uno dei protagonisti dello scambio degli otto giocatori a prezzi gonfiati tra Inter e Milan nel giugno 2003. Olivetti ha giocato anche nella Spal e nella Fermana. Adesso è in forza al Prato in C2.

Anche un’altra “piccola” del nostro campionato, l’Empoli, ha pagato al Milan ben 1,5 milioni per l’attaccante Nicola Pozzi, con una plusvalenza pari a 1,47 milioni, dove gioca titolare. Le altre cessioni riguardano quella di Carlo Emanuele Ferrario al Chievo (plusvalenza di mille euro), di Machado Dos Santos al Varese (plusvalenza di mille euro) e di Mattia Graffiedi alla Triestina (plusvalenza di 600mila euro).

I “diavoli” berlusconiani hanno anche incassato 673mila euro dal prestito di tre giocatori. Si tratta di Cristian Abbiati al Torino per 373mila euro, Samuele Dalla Bona alla Sampdoria e Pasquale Foggia (poi ceduto definitivamente lo scorso gennaio) alla Lazio, ciascuno per 150mila euro.

Invece, le minusvalenze della società rossonera sono ammontate a 4,37 milioni. Fra esse spiccano quella per Jaap Staam per 1,06 milioni: il difensore olandese è stato ceduto all’Ajax per 2,5 milioni, contro un valore di libro pari a 3,56 milioni. Una consistente perdita di 600mila euro è stata conseguita con la cessione di Christian Vieri al Monaco, a cui è stato ceduto gratuitamente. A costo zero è risultato il passaggio del verntinovenne Johann Vogel al Betis Siviglia: in questo modo il Milan ha perso altri 359mila euro. Risulta strano il passaggio a titolo gratuito del ventiseienne Samuele Dalla Bona al Napoli, con una minusvalenza di 271mila euro: come si è visto, il centrocampista aveva fruttato 150mila euro per una cessione temporanea alla Sampdoria.

Curiosa anche l’operazione di vendita del ventisettenne Andrea Rabito all’Albinoleffe, club di serie B. Il Milan ha voluto disfarsene per mille euro, ottenendo una minusvalenza di 956mila euro.
di Marco Liguori

Se non ci fosse la Fininvest...

http://qn.quotidiano.net/conti_del_pallone_2007/2007/06/25/9009-milan_ringrazia_shevchenko.shtml


I CONTI DEL PALLONE

Il Milan ringrazia Shevchenko
e Abramovich per l’utile 2006,
ma i debiti pesano sui conti


La società rossonera deve anche alla sua appartenenza alla galassia Fininvest (da cui è posseduto al 99,93%) se riesce a ottenere lauti contratti di diritti tv: una strapotenza contro cui nessuna società di serie A può competere, eccezion fatta per Inter e Juventus

Bologna, 30 aprile 2007 - Il Milan deve ringraziare Andrij Shevchenko (nella foto) e il patron russo del Chelsea, Roman Abramovich, se ha chiuso l’esercizio al 31 dicembre 2006 con un utile di 2,48 milioni di euro, contro un passivo di 4,58 milioni registrato nel 2005. Ma deve anche alla sua appartenenza alla galassia Fininvest (da cui è posseduto al 99,93%) se riesce a ottenere lauti contratti di diritti tv: una strapotenza contro cui nessuna società di serie A può competere (eccezion fatta per Inter e Juventus) e che riesce a far superare al club rossonero qualsiasi problema economico-finanziario.

Tra questi ultimi, l’enorme squilibrio debiti-crediti per oltre 220 milioni di euro, in crescita del 40% rispetto al bilancio alla fine del 2005. Ad ogni modo, se il Milan avesse chiuso in perdita anche l’ultimo esercizio non costituirebbe un problema per le casse del gruppo berlusconiano: il Milan, come evidenziato dal documento contabile, fa parte del consolidato fiscale Fininvest: per questo motivo la società chiude dal 2005 gli esercizi al 31 dicembre, in modo da collimare con quelli della controllante. Quest’ultima utilizzerà l’eventuale perdita fiscale della società rossonera ottenendo un beneficio tributario pari a circa il 33% rappresentato dall’Ires.

Ma torniamo all’attaccante ucraino, che fu al centro la scorsa estate di futili polemiche riguardo alle motivazioni della sua cessione. Proprio la vendita al Chelsea ha fatto conseguire alle casse rossonere una plusvalenza di 42,03 milioni. Stando al prospetto delle cessioni pubblicato nella nota integrativa milanista, il suo valore contabile, al netto degli ammortamenti, era di 1,85 milioni, mentre il prezzo pagato dalla società londinese del magnate petrolifero Abramovich è stato di 43,88 milioni. Ma la cessione di un calciatore, seppure di livello internazionale, è un fatto straordinario che non rientra nell’ordinaria gestione: inoltre, sono ben poche le società in Europa ad avere la disponibilità economica del Chelsea.

Senza la plusvalenza su Shevchenko, il bilancio si sarebbe concluso con un risultato prima delle imposte negativo per 18,53 milioni. La differenza positiva rispetto al valore di libro del calciatore ucraino è reale. Invece, quella pari a 183,7 milioni evidenziata nel bilancio 2005, riguardante il conferimento alla sua controllata al 100% Milan Entertainment dei marchi rossoneri, ricalca da vicino lo schema del “contratto con se stesso” visto in occasione dell’operazione similare compiuta dall’Inter (si legga http://qn.quotidiano.net/conti_del_pallone_2007/2007/04/27/1797-inter_2006_profondo_rosso.shtml) che per legge è nullo. Il ricavato di questa operazione è servito a ripianare gli oltre 181 milioni residui provenienti dall’eliminazione della legge 27 del 2003 detta “spalmadebiti”, rinvenienti nell’esercizio 2005.

Il Milan ha comunicato anche un utile consolidato di gruppo pari a 11,8 milioni. Tuttavia, questa cifra è solo accademica poiché, come si è stato scritto a pagina 38 del bilancio dal vicepresidente vicario e amministratore delegato, Adriano Galliani, la società "è esonerata dal redigere un proprio bilancio consolidato ai sensi dell’art. 27, 3° comma, D.Lgs. 127/91". E a proposito di amministratori, il cda del Milan è stato confermato in blocco il 27 aprile scorso nell’assemblea di approvazione del bilancio 2006: restano quindi in carica tra i big rossoneri, oltre a Galliani, il presidente Silvio Berlusconi, i vice presidenti Paolo Berlusconi e Gianni Nardi, i consiglieri Leandro Cantamessa, Francesco Formenton Mondadori e Paolo Ligresti. Stando al rendiconto 2006 e a quello precedente, l’ammontare complessivo dei compensi per i 12 consiglieri è aumentato da 1,71 a 2,05 milioni, pari a un incremento del 19,70%. Anche se non è stata comunicata la cifra singola per ciascun componente, si può tranquillamente affermare che è molto redditizio essere consigliere di amministrazione rossonero.

IL “VIZIETTO” SALVACONTO
Restando sempre in tema di plusvalenze calciatori, si nota nel conto economico che esse ammontano a 44,8 milioni e sono state inserite tra i ricavi. Anche il Milan partecipa al “vizietto” evidenziato già con Inter, Catania, Parma e Napoli. Il club berlusconiano fa presente nella nota integrativa che "le voci di conto economico sono state riclassificate in ossequio a quanto disposto dal Comunicato Ufficiale della Federazione Italiana Giuoco Calcio n. 58, pubblicato in data 5 settembre 2006". In quest’ultimo, scivolato nel silenzio generale, il commissario straordinario Guido Rossi ha approvato, quattordici giorni prima delle sue dimissioni, la revisione dei criteri della stesura dei bilanci: in essa sono state inserite le plusvalenze e le minusvalenze da calciatori nel conto economico. Parafrasando una celebre espressione del grande uomo politico inglese William Gladstone, la plusvalenza è stata "eretta a sistema di governo".

Peccato che ciò confligga con quanto stabilito dal Codice Civile: la vendita di un bene, com’è appunto la cessione di un calciatore (che è classificato sia dal Codice che dalla disposizione Figc tra le immobilizzazioni), deve essere iscritta tra le componenti straordinarie. Anche i 4,4 milioni di minusvalenze, al contrario del dettato legislativo, sono state inserite tra i costi ordinari. Com’è stato per le altre società le differenze risultano notevoli. Inserendo plusvalenze e minusvalenze la differenza tra il valore e i costi della produzione risulta positiva per 31,5 milioni. Invece escludendole secondo la stesura del Codice, il risultato risulta negativo per 8,9 milioni: quindi, la gestione ordinaria è in perdita.

GRAZIE MEDIASET
Ricalcolando il fatturato secondo il Codice, esso è pari a 248,3 milioni (+7,53% rispetto al 2005). In esso si nota innanzitutto il calo dei ricavi da gare in casa (- 4,83%, e da abbonamenti (- 8,28%) calati di oltre 1,11 milioni. In discesa del 3,36% le entrate da sponsorizzazioni ammontate a 29,7 milioni: tra le principali si segnalano i 5 milioni di BetandWin, i 12,66 milioni versati da Adidas "per l’acquisto del diritto ad apporre il proprio marchio sulle divise da gioco ufficiali"sino al 30 giugno 2010 e i 4,5 milioni del gold sponsor Pagine Gialle. Nella voce “sponsorizzazioni” sono anche inclusi circa 3 milioni versati da sponsor istituzionali (tra essi il colosso bancario IntesaSanpaolo), partner commerciali e fornitori tecnici e ufficiali: in quest’ultima categoria, secondo quanto illustrato sul sito internet del Milan (http://www.acmilan.com/InfoPage.aspx?id=13430), c’è anche “La Gazzetta dello Sport”. Il primo quotidiano sportivo italiano è anche fornitore ufficiale dell’Inter (si veda il sito http://www.inter.it/aas/sponsor/home?L=it).

In caduta libera (-75%) è la voce “proventi commerciali e royalties” ammontata ad appena 4,04 milioni, che si riferisce all’attività di merchandising e licencing, in particolare con Adidas. Questa raffica di segni negativi è stata compensata dalle voci relative ai diritti tv, ammontati a 127,99 milioni (+30,33%), a quelli della partecipazione alla Champions League (27,78 milioni, +12,98%) e dai ricavi vari (12 milioni, +38,07%) riguardanti per 8,96 milioni "proventi derivanti dai riaddebiti operati nei confronti di Milan Entertainment".

I proventi televisivi per il campionato e del Trofeo Berlusconi si riferiscono per 90,82 milioni ai contratti stipulati con Sky per la sola cessione dei diritti: a questa cifra bisogna aggiungere 2,1 milioni del premio riconosciuto dall’emittente satellitare al Milan per il secondo posto ottenuto in campionato, prima del processo sportivo che l’ha penalizzata di 30 punti portandola al quarto posto. Il riconoscimento è stato oggetto di trattative con Inter e Roma che hanno avanzato la posizione in classifica.

Ma non è finita qui: ci sono 33,76 milioni provenienti da gruppo Mediaset, di cui 27 milioni derivanti dal diritto di opzione per la stagione 2009/10 previsto nel contratto stipulato nel febbraio 2006. Si tratta di un primo congruo anticipo da parte di una delle principali società del gruppo Fininvest, poiché nella stessa data è stato firmato un contratto per le stagioni 2007/08 e 2008/09 "per la cessione dei diritti televisivi in chiaro e/o a pagamento e/o accesso condizionato in qualsiasi forma o qualsiasi modalità" per "un complessivo ammontare pari a euro 198 milioni"che sarà contabilizzato negli esercizi di competenza. Davvero un bel “tesoretto”, che le maggior parte delle squadre del campionato di A non possono usufruire: non a caso i risconti passivi (anticipo di ricavi futuri), riguardanti principalmente la fatturazione anticipata dei diritti tv per le partite a San Siro per la stagione 2006/07 e di alcuni contratti commerciali, si è dimezzato da 66,66 a 32,84 milioni.

Con il fiume di danari freschi proveniente da Mediaset c’è decisamente meno bisogno di ottenere somme in acconto. Piccola osservazione: se il Milan fa parte di un gruppo dov’è presente la principale società televisiva privata, ossia Mediaset, che bisogno ha di stipulare contratti con diritti di opzione con essa? E’ improbabile che l’amministratore delegato Galliani stipuli una simile scrittura con un concorrente.

LIEVITAZIONE DEI COSTI
Nel 2006 spese del Milan sono lievitate rispetto al 2005 dell’1,24% a 257,2 milioni. Ciò nonostante il calo del monte salari e stipendi dell’8,35%, passato da 141,19 a 129,41 milioni. I compensi contrattuali ai calciatori (la cui rosa è aumentata da 47 a 53) sono diminuiti da 117,26 a 109,29 milioni: è stata tagliata anche la quota variabile legata ai risultati sportivi da 8,55 a 7,24 milioni. Quest’ultima "si riferisce principalmente ai premi relativi ai passaggi – si legge nella nota integrativa – di turno Champions League e al raggiungimento del secondo posto nel campionato 2005/2006, in quanto la società ha voluto premiare l’effettivo risultato ottenuto sul campo". Sono stati inoltre drasticamente tagliati gli emolumenti agli altri dipendenti da 9,34 a 5,32 milioni. Curiosamente sono invece aumentate le retribuzioni per gli allenatori, che assieme agli altri tecnici sono 38 (in precedenza 32), da 5,22 a 5,76 milioni.

L’incremento complessivo dei costi è stato causato dal +30,82% (47,08 milioni) e dal +28,59% (14,07 milioni) rispettivamente per i “servizi” e per gli “altri oneri diversi di gestione”. Nella prima voce, si evidenzia l’esplosione dei costi specifici tecnici da 4,95 a 9,02 milioni: essi "sono composti da consulenze tecnico-sportive prestate in fase di acquisizione dei calciatori e da costi per l’osservazione dei calciatori". Oltre a ciò "l’importo comprende inoltre i costi connessi a transazioni di contratti derivanti dalla campagna trasferimenti".

Insomma, i procuratori e gli osservatori sono ben retribuiti dal Milan. Hanno fatto boom, con un incremento di 9,9 milioni, anche i “servizi vari da società controllate” che hanno raggiunto i 13,80 milioni: essi si riferiscono al "contratto di servizi stipulato tra l’Ac Milan e la Milan Entertainment in forza della quale la stessa rende alla controllante Ac Milan i servizi commerciali, marketing e vendite, i servizi di gestione e amministrazione del personale, i servizi gestione stadio, i servizi amministrativi e quelli logistici".

La società rossonera spiega che "l’incremento dei costi contabilizzato nell’anno 2006, è dovuto al fatto che si riferisce a dodici mesi di attività operativa, rapportati ai soli tre mesi dell’esercizio 2005". Ciò non toglie il fatto che, se il Milan ha ottenuto una significativa plusvalenza con la cessione dei marchi alla Milan Entertainment, i costi annuali per i servizi da essa resi dovrebbero mantenersi su livelli abbastanza sostenuti e occupare una parte di rilievo sul totale. La stessa società controllata ha pesato per 8,96 milioni, pari al 63,66% del totale di oltre 14 milioni, nella voce “altri oneri diversi di gestione” per "oneri derivanti da riaddebiti per competenze".
Di minimo rilievo l’incremento (+2,63%) delle spese per gli ammortamenti, pari a 25,77 milioni, quasi interamente composte da quelle per i diritti alle prestazioni dei calciatori.

QUANTI DEBITI!
Se il Milan non avesse alle spalle la solida potenza del gruppo Fininvest, i suoi oltre 289,70 milioni di debiti costituirebbero un macigno come quello di Sisifo. Per giunta, l’importo è in crescita del 19,06% rispetto al 2005: inoltre, gli oltre 248 milioni di ricavi non riescono a coprire tutta l’esposizione. Spicca su tutti la cifra dovuta alle banche pari a 95,7 milioni (+7,5%). Seguono i 36,54 milioni verso gli altri finanziatori (+8,41%): si riferiscono "a debiti verso società di factoring per anticipazioni di crediti futuri in riferimento a contratti di natura commerciale". Il Milan possiede una forte esposizione di circa 43 milioni con le controllate, di cui ben 38,32 milioni verso la solita Milan Entertainment: quest’ultimo deriva "dall’attività di tesoreria svolta da Ac Milan formalizzata nel maggio 2006 attraverso un contratto di conto corrente finanziario di corrispondenza intercompany". La società rossonera ha anche un debito di 4,42 milioni con Fininvest, in crescita dai 3,64 milioni dell’anno precedente: la controllante deve anche ricevere altri 11 milioni per finanziamenti a titolo oneroso. Non mancano anche le somme arretrate dovute al fisco, pari a 19,82 milioni, in aumento del 15,78%. Sono costituiti per 13,45 milioni da debiti per Irpef: nella nota integrativa la società spiega che "il debito nei confronti dell’Erario per le ritenute Irpef maturate su stipendi è stato regolarmente saldato alle scadenze previste".

Il Milan possedeva al 31 dicembre scorso debiti per 33,92 milioni (29,55 nel 2005) con società di calcio. La cifra si compone di 15,63 milioni relativi al "saldo della campagna trasferimenti 2006/2007 al 31 dicembre 2006 ed il residuo"con la Lega Calcio. Gli altri 14,68 milioni si riferiscono al debito verso al Real Betis per l’acquisto di Ricardo Oliveira e per quello con il Rennes per l’acquisizione di Yohann Gurcouff.

E a proposito di calciatori, nel bilancio è evidenziato un ulteriore consistente "fardello" di 22,93 milioni, in crescita dai precedenti 21,69, di debiti verso fornitori. Il Milan non specifica quali siano: in questa cifra potrebbero essere compresi anche eventuali somme dovute ai procuratori sportivi.
Infine, la società aveva anche ulteriori debiti per 13,78 milioni, per la quasi totalità verso tesserati. Nella nota integrativa si sottolinea che "il debito verso tesserati da riferimento a mensilità regolarmente pagate nei mesi di gennaio e febbraio 2007 e a risoluzioni contrattuali aventi scadenze rispettate regolarmente secondo quanto stabilito da ogni contratto".
di Marco Liguori

martedì 25 marzo 2008

Per copia conforme

Ovvero come appropriarsi del lavoro altrui e vivere felici...

Domenica 23 marzo ho letto sulla rassegna stampa del Comune di Torinohttp://rassegnastampa.comune.torino.it/orazionet/main.aspx?CodCli=2&cliente=COMUNE%20TORINO&CodiceLogin=2 
un articolo, siglato M. S., del quotidiano Tuttosport intitolato "La Juve tratta per evitare una disputa-stadio al Tar". E' una copia evidente del mio articolo pubblicato il giorno prima "Lo stadio della Juventus rischia lo stop del Tar". In esso sono riportate a firma dell'articolista una serie di dichiarazioni rilasciate in esclusiva a me e al mio quotidiano Liberomercato dal sindaco di Venaria Reale, Nicola Pollari, a proposito del tentativo di accordo tra la sua amministrazione e la Juventus. Addirittura c'è l'indicazione della distanza tra il centro commerciale dello stadio delle Alpi e quello di Venaria (90 metri) che avevo scritto nel mio pezzo. Un vero esempio di "giornalismo" che non ha avuto neanche il coraggio di firmare per esteso: complimenti!!! Non si capisce cosa costava citare Liberomercato: forse avevano timore che citare costa...
Questo fenomeno degli "amanuensi" è una piaga che si sta ripetendo troppo spesso: l'Ordine di giornalisti dovrebbe debellarla definitivamente. Come si può leggere in questo blog alla voce "avviso a quelli che copiano i miei articoli senza citare", già nello scorso ottobre un mio articolo sugli orologi di Moggi fu copiato da diversi quotidiani come "Il Sole 24 Ore", La Stampa" e la "Gazzetta dello Sport". Episodio censurato dal mio direttore Oscar Giannino.
In attesa di eventuali decisioni in merito da parte dell'editore di Liberomercato, pubblico in questo post l'articolo di Tuttosport e il mio in modo da chiarire meglio ai lettori cosa voglia dire copiare il lavoro altrui.

Tuttosport 23 marzo 2008
Il club vende la sua quota di Semana
La Juve tratta per evitare una disputa-stadio al Tar
TORINO Prima di avviare la costruzione del nuovo Delle Alpi la Juventus spera di risolvere i contenziosi amministrativi che gravano sull'area attorno all'impianto. E' di qualche anno fa, infatti, il ricorso del Comune di Venaria, centro limitrofo a Torino e confinante con lo stadio, per impedire l'attivazione dei due centri commerciali che dovrebbero sorgere nell'area della Continassa, a 90 metri da un altro ipermercato situato nel territorio di Venaria. Lo stesso comune ha poi impugnato l'approvazione della variente al Pec (Piano esecutivo convenzionato) legata al Delle Alpi. Entrambe le controversie sono state trasferite al Tar. In attesa del pronunciamento del Tribunale Amministrativo, i cui tempi sono decisamente lunghi, la Juventus sta cercando di trovare un accordo con il Comune di Venaria. Il club di Corso Galileo Ferraris sarebbe disposto a accollarsi i costi indotti, come quelli della raccolta rifiuti, pagandoli di fatto sia al Comune di Torino sia a quello di Venaria.
DISMISSIONE Dopo aver ceduto a ottobre la Campi di Vinovo, il 4 marzo il club bianconero ha perfezionato la vendita della sua quota (il 30 per cento del capitale sociale) della Semana, società i gestione e manutenzione di impianti e immobili, quali lo Stadio delle Alpi, l'Olimpico, il centro sportivo di Vinovo, il Golf Club del parco La Mandria (di cui è presidente Allegra Agnelli, vedova di Umberto). La Juventus ha incassato 100mila euro, con una plusvalenza di 70mila, dalla Ese, già detentrice del 70 per cento della Semana, e in mano alle due fiduciarie (Nomenfid e Simonfid) della famiglia Grande Stevens. Con queste dismissioni la Juventus non ha più compartecipazioni in altre società: la volontà del club è quella di concentrarsi solo sull'aspetto sportivo e sullo stadio.


Liberomercato 22 marzo 2008

Ostacoli al piano bianconero

Lo stadio della Juventus
rischia lo stop del Tar


Ricorso del comune di Venaria Reale contro l’impianto:
non si può realizzare, a 90 metri c’è un centro commerciale


Marco Liguori
Lo Stadio delle Alpi torna sotto i riflettori. Nell’ultima semestrale della Juventus si legge infatti che la società ha venduto il 4 marzo scorso per 100mila euro (con plusvalenza di 70mila) la propria quota del 30% nella Semana, società di “guardiania e conservazione” dell’impianto torinese, alla Ese, già detentrice del 70%. Inoltre, il progetto dello Stadio delle Alpi da 105 milioni annunciato martedì scorso dalla Juventus (su cui ha il diritto di superficie) è a rischio. Secondo quanto ricostruito da Liberomercato è tuttora pendente un contenzioso amministrativo presso il Tar Piemonte iniziato nel maggio del 2006 dal Comune di Venaria Reale, il cui confine territoriale è prospiciente all’impianto sito nella periferia a nord di Torino. Stando al prospetto dell’aumento di capitale del maggio 2007 della società bianconera quotata a Piazza Affari, la città della celebre reggia ha promosso un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica contro la Juve, la Regione Piemonte (che stando alla voce “sponsor” del sito internet del club della Famiglia Agnelli è un suo “official supplier”), la Provincia e il Comune di Torino (“commercial partner” della Juve) “per ottenere l’annullamento, previa sospensione, dei provvedimenti del 22 dicembre 2005 con i quali la conferenza dei servizi aveva accolto la richiesta di autorizzazione per l’attivazione di un centro commerciale classico e di un centro commerciale sequenziale e delle relative autorizzazioni commerciali rilasciate dal Comune di Torino”. Il Comune di Venaria, guidato dal centrosinistra, ha anche promosso un secondo ricorso con cui “ha impugnato – si legge sempre nel prospetto – con istanza di sospensione, la deliberazione n.132 dell’11 aprile 2006 di approvazione della variante al piano esecutivo convenzionato relativo a “Ambito 4.23 Stadio Delle Alpi”. La Juventus si è opposta e ha ottenuto il trasferimento di entrambi al Tar.
Il tutto nasce principalmente dal fatto che ad appena 90 metri dallo stadio, nel territorio venariese, c’è un centro commerciale. “Nel momento in cui verranno accolte le nostre richieste – ha spiegato a Liberomercato il sindaco di Venaria Reale, Nicola Pollari – l’amministrazione comunale ritirerà il ricorso pendente”. Da alcuni mesi è in corso una trattativa tra il Comune di Venaria, la società bianconera e gli altri enti per dirimere la questione. “La Juventus propone di coprire i costi indotti – prosegue il sindaco – che ora cadono sulla comunità venariese come quelli della raccolta rifiuti e della pulizia strade, pagando di fatto la tariffa igiene ambientale per Venaria e Torino”. Con il comune del sindaco Sergio Chiamparino “abbiamo cercato di realizzare un testo di accordo che risolva le problematiche edilizie, urbanistiche, ambientali, di viabilità e di trasporto pubblico” spiega Pollari.
Tornando alla Semana, gli azionisti della sua controllante Ese si trincerano dietro Nomenfid e Simonfid, le due fiduciarie della famiglia Grande Stevens. Secondo la semestrale bianconera, Semana ha anche la “conduzione dello Stadio Olimpico di Torino” (di proprietà comunale) dove gioca la Juve con il Torino, la gestione del centro allenamento di Vinovo e del Golf Royal Park parco La Mandria. Secondo l’ultima visura della Camera di Commercio, presidente di quest’ultimo è Allegra Caracciolo di Castagneto, moglie del defunto Umberto Agnelli, mentre il figlio Andrea Agnelli è consigliere delegato: ne è consigliere Romy Gai, ex direttore marketing juventino. Chi sono gli azionisti di questa srl senza scopo di lucro con interessi immobiliari? Non è dato conoscerli: si celano dietro la fiduciaria torinese Crf, proprietaria del 99,99%.

sabato 22 marzo 2008

Guerre di confine per Delle Alpi

Liberomercato 22 marzo 2008

Ostacoli al piano bianconero

Lo stadio della Juventus
rischia lo stop del Tar


Ricorso del comune di Venaria Reale contro l’impianto:
non si può realizzare, a 90 metri c’è un centro commerciale


Marco Liguori
Lo Stadio delle Alpi torna sotto i riflettori. Nell’ultima semestrale della Juventus si legge infatti che la società ha venduto il 4 marzo scorso per 100mila euro (con plusvalenza di 70mila) la propria quota del 30% nella Semana, società di “guardiania e conservazione” dell’impianto torinese, alla Ese, già detentrice del 70%. Inoltre, il progetto dello Stadio delle Alpi da 105 milioni annunciato martedì scorso dalla Juventus (su cui ha il diritto di superficie) è a rischio. Secondo quanto ricostruito da Liberomercato è tuttora pendente un contenzioso amministrativo presso il Tar Piemonte iniziato nel maggio del 2006 dal Comune di Venaria Reale, il cui confine territoriale è prospiciente all’impianto sito nella periferia a nord di Torino. Stando al prospetto dell’aumento di capitale del maggio 2007 della società bianconera quotata a Piazza Affari, la città della celebre reggia ha promosso un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica contro la Juve, la Regione Piemonte (che stando alla voce “sponsor” del sito internet del club della Famiglia Agnelli è un suo “official supplier”), la Provincia e il Comune di Torino (“commercial partner” della Juve) “per ottenere l’annullamento, previa sospensione, dei provvedimenti del 22 dicembre 2005 con i quali la conferenza dei servizi aveva accolto la richiesta di autorizzazione per l’attivazione di un centro commerciale classico e di un centro commerciale sequenziale e delle relative autorizzazioni commerciali rilasciate dal Comune di Torino”. Il Comune di Venaria, guidato dal centrosinistra, ha anche promosso un secondo ricorso con cui “ha impugnato – si legge sempre nel prospetto – con istanza di sospensione, la deliberazione n.132 dell’11 aprile 2006 di approvazione della variante al piano esecutivo convenzionato relativo a “Ambito 4.23 Stadio Delle Alpi”. La Juventus si è opposta e ha ottenuto il trasferimento di entrambi al Tar.
Il tutto nasce principalmente dal fatto che ad appena 90 metri dallo stadio, nel territorio venariese, c’è un centro commerciale. “Nel momento in cui verranno accolte le nostre richieste – ha spiegato a Liberomercato il sindaco di Venaria Reale, Nicola Pollari – l’amministrazione comunale ritirerà il ricorso pendente”. Da alcuni mesi è in corso una trattativa tra il Comune di Venaria, la società bianconera e gli altri enti per dirimere la questione. “La Juventus propone di coprire i costi indotti – prosegue il sindaco – che ora cadono sulla comunità venariese come quelli della raccolta rifiuti e della pulizia strade, pagando di fatto la tariffa igiene ambientale per Venaria e Torino”. Con il comune del sindaco Sergio Chiamparino “abbiamo cercato di realizzare un testo di accordo che risolva le problematiche edilizie, urbanistiche, ambientali, di viabilità e di trasporto pubblico” spiega Pollari.
Tornando alla Semana, gli azionisti della sua controllante Ese si trincerano dietro Nomenfid e Simonfid, le due fiduciarie della famiglia Grande Stevens. Secondo la semestrale bianconera, Semana ha anche la “conduzione dello Stadio Olimpico di Torino” (di proprietà comunale) dove gioca la Juve con il Torino, la gestione del centro allenamento di Vinovo e del Golf Royal Park parco La Mandria. Secondo l’ultima visura della Camera di Commercio, presidente di quest’ultimo è Allegra Caracciolo di Castagneto, moglie del defunto Umberto Agnelli, mentre il figlio Andrea Agnelli è consigliere delegato: ne è consigliere Romy Gai, ex direttore marketing juventino. Chi sono gli azionisti di questa srl senza scopo di lucro con interessi immobiliari? Non è dato conoscerli: si celano dietro la fiduciaria torinese Crf, proprietaria del 99,99%.

Fisco in comode rate

Liberomercato 22 marzo 2008

Calcio e tasse

La Roma triplica la rateizzazione con il Fisco: in aumento di 7,5 milioni il debito Irap

Marco Liguori
La Roma ha triplicato le rateizzazioni con il fisco. Nel comunicato dell’ultima semestrale consolidata è evidenziato che il 14 febbraio scorso «è stata ottenuta la dilazione di pagamento, in 46 rate mensili, con decorrenza dal 31 marzo 2008 di imposte dirette iscritte a ruolo, per 7,7 milioni di euro». Questa cifra riguarda il «debito Iva sorto nei primi mesi del 2004, oltre ai relativi interessi, che risultava accantonato nei debiti tributari in esercizi precedenti». Ciò si aggiunge alla dilazione di pagamento di imposte iscritte a ruolo per 1,3 milioni in 56 rate mensili del settembre 2006, di cui sono state versate 14 rate, e un’altra di 54 mensilità con decorrenza 30 giugno scorso per 2,8 milioni (finora pagate sei rate) relativa a sanzioni e interessi su debiti Iva sorti nel 2004 e 2005. La società rende noto che nel primo semestre sono state versate imposte e ritenute per 33,1 milioni.
Dopo i primi sei mesi, le somme dovute al fisco dalla “magica” quotata in Borsa toccano i 22,1 milioni: lo scaduto è pari a 8,1 milioni. A fine gennaio ammontano a 22,3 milioni, in aumento dai 15,1 milioni del 2006/07. Spiccano 7,9 milioni per Irap, in aumento di 7,5 milioni nel semestre «dovuto alla riclassificazione del fondo rischi – si legge nel comunicato – del debito di 4,9 milioni di euro, a seguito della notifica di una cartella esattoriale, avvenuta nel mese di gennaio». Il pregresso tributario è una delle voci che compongono i 164,5 milioni di passività correnti (124,6 milioni a fine giugno e nel precedente primo semestre) che, sovrastando i 49,5 milioni di attività correnti, hanno portato il capitale corrente netto al valore negativo di 115 milioni. Tale valore è nettamente superiore a –79,7 del 2006/07 e a –33,8 milioni al 31 dicembre 2006. Nelle passività si segnalano debiti commerciali per 40,1 milioni, di cui 20,7 milioni verso società di calcio per acquisto calciatori. Vi sono 90,1 milioni per altre passività: 11,8 milioni dovuti al personale (11,3 ai tesserati) e 62,3 milioni di risconti passivi.

Battaglia impari contro il calcio a scopo di lucro

Liberomercato 22 marzo 2008

A rischio liquidazione

Corsa contro il tempo
per salvare lo Spezia


Marco Liguori
“Lo Spezia siamo noi”. Il grido dei tifosi dello Spezia Calcio 1906, militante in serie B, è diventato il nome di un comitato per raccogliere fondi per la società ligure in gravi difficoltà economiche. Ad esso hanno anche aderito due romani doc: l’allenatore giallorosso Luciano Spalletti e l’attore Carlo Verdone. Stando al sito della società spezzina finora sono stati raccolti 300mila euro. Anche il sindaco Massimo Federici sta cercando di coinvolgere le aziende locali. Un progetto che si scontra contro la condizione essenziale dell’era del calcio a scopo di lucro: per sopravvivere, ogni club deve avere un grande gruppo industriale alle spalle. E’ anche una impari lotta contro il tempo: sempre secondo il sito dello Spezia, il prossimo 28 marzo si terrà a Milano l’assemblea dei soci, che esaminerà i conti semestrali con il neopresidente Cristina Cappelluti. Le ultime visure della Camera di Commercio riportano che gli azionisti degli “aquilotti” sono tre: le Gestioni sportive e immobiliari dell’ex numero uno Giuseppe Ruggieri al 70%, l’imprenditore Andrea Ermelli al 20% e l’Inter di Massimo Moratti al 10%.
Stando alla semestrale, messa on line dallo Spezia senza nota integrativa, la perdita è di 3,7 milioni di euro, circa la metà (6,25 milioni) di quella complessiva del 2006/07. Essa ha portato il patrimonio netto al valore negativo di 3,2 milioni (-2,9 milioni a fine giugno scorso). Secondo il Codice Civile il capitale deve essere quindi ridotto e riportato al minimo legale: se ciò non accadesse, si aprirebbero le porte della messa in liquidazione. Ma anche se si effettuassero gli adempimenti di legge, lo Spezia deve evitare assolutamente la retrocessione in C1: significherebbe perdere gli introiti da diritti tv criptati e da sponsorizzazioni, riaprendo così la crisi.
Al 31 dicembre si registrano 10,3 milioni di debiti (11,1 nel 2006/07), che hanno sovrastato i 2,72 milioni di crediti (2,91 milioni) per 7,3 milioni (8,2). Nelle passività spiccano 1,74 milioni di arretrati con il fisco (precedenti 1,77 milioni), 1,97 milioni con le banche (2,25 milioni), 1,77 milioni (2,35 milioni) con enti settore specifico e risconti passivi (anticipi ricavi futuri) per 1,33 milioni. Passando al conto economico, lo squilibrio costi-ricavi ha raggiunto i 3,41 milioni: nel primo anno tra i cadetti era stato di 6,15 milioni. Nel valore della produzione spicca la cifra molto ridotta dei diritti tv per 12.500 euro, a fronte dei precedenti 1,74 milioni. Ridotte le plusvalenze da cessione calciatori, appena 541mila euro. Nei costi dominano quelli del personale con 3,93 milioni, pari al 53% della cifra totale di 7,5 milioni. Secondo il bilancio depositato in camera di commercio, l’anno precedente avevano toccato i 7,93 milioni, quasi tutti per i tesserati.

Viva l'Europa!

Liberomercato 22 marzo 2008

Spicca la super cessione di Tavano

Plusvalenze e qualificazione Uefa
spingono gli utili dell’Empoli


Marco Liguori
Il piccolo Empoli deve gran parte del suo risultato positivo di bilancio alla gestione calciatori. Infatti, nella stagione 2006/07, culminata con la prima storica qualificazione in Coppa Uefa, la società toscana ha ottenuto un utile di poco più di un milione di euro, in netto aumento rispetto ai 25.500 euro dell’esercizio precedente, che ha contribuito il rafforzamento del patrimonio netto a oltre 11 milioni. I risultati raggiunti hanno consentito agli amministratori di aumentarsi lo stipendio: il monte emolumenti è passato dai 15mila del 2005/06 a oltre 36mila euro. La società ha ottenuto laute entrate dai calciatori: a cominciare dalle ricche plusvalenze per 10,3 milioni (+19,2%) che hanno irrobustito i ricavi (31,42 milioni, +4,2%) superando i costi (28,28 milioni, -8,9%) di 3,14 milioni. Se la società presieduta da Fabrizio Corsi avesse seguito i criteri del Codice Civile, che iscrivono le plusvalenze calciatori tra le componenti straordinarie, i ricavi sarebbero ammontati a 18,99 milioni e i costi avrebbero superato i ricavi di 9,3 milioni. La più consistente è stata quella della cessione dell’attaccante Francesco Tavano alla squadra spagnola del Valencia per 8,9 milioni: il prezzo stabilito era di 9 milioni. La seconda plusvalenza più importante riguarda la vendita dell’attaccante Mirko Gasparetto al Genoa: 613mila euro su un milione. A ciò si devono aggiungere i 464mila euro per Paolo Zanetti all’Ascoli e i 275mila del passaggio del difensore brasiliano Carlos Rincon all’Inter. Al contrario, si notano minusvalenze da cessioni di atleti per appena 69mila euro. Oltre a ciò, nei “proventi e oneri finanziari” si notano 995mila euro per comproprietà giocatori, consentendo a questa voce di essere in attivo per 1,01 milioni. Dopo la chiusura dell’esercizio sono stati ceduti Sergio Almiron alla Juventus per 9 milioni e Francesco Lodi al Frosinone in comproprietà per 1,4 milioni.
Tra gli altri ricavi si segnalano l’aumento di sponsorizzazioni (+42,5%), proventi telefonici per diffusione di immagini e notizie (+69,2%) e diritti tv (+44%). In calo invece i ricavi da gare da 3,21 a 2,12 milioni. Tra i costi spicca il +13,5% di quelli del personale, che hanno superato i 10,2 milioni: boom da 341mila a 1,17 milioni per i salari degli altri dipendenti, mentre quelli dei tesserati sono passati da 7,54 a 7,87 milioni. In discesa da 4,2 a 3,4 milioni gli ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali: 2,5 milioni quelle dei diritti pluriennali calciatori.
Infine, lo stato patrimoniale presenta una sorpresa positiva: i crediti (14,07 milioni, +1,3%) hanno superato i debiti (6,97 milioni, -49,55%) di 7,11 milioni.

giovedì 20 marzo 2008

Ritorna il Caso Unità - terza puntata

EDITORIA: 'PANORAMÀ, GIAN GAETANO CASO INTERESSATO A 'L'UNITA

= Roma, 20 mar. - (Adnkronos) - L'imprenditore campano Gian Gaetano Caso sarebbe interessato a comprare 'L'Unita», secondo quanto riporta 'Panoramà nel numero di domani in edicola. Caso è il patron della Hopit Spa, 50 milioni di euro di capitale dichiarato, «ma -scrive il settimale- nel 2006 ha chiuso il bilancio con meno di mezzo milione in attivo». Il settimanale diretto da Maurizio Belpietro riferisce, inoltre, altri particolari sull'imprenditore campano: «Nel 2002 Caso, allora patron della Globo News, giornale romano free press, ha chiamato i carabinieri per cacciare dalla redazione i distributori del quotidiano, un gruppo di extracomunitari in attesa da mesi del giusto compenso. I giornalisti che avevano osato manifestare solidarietà sono stati licenziati in blocco. Messi alla porta nel 2007, con un cartello appeso alla porta della redazione, anche i redattori di 'Diecì, quotidiano sportivo free press». (Pol/Pn/Adnkronos) 20-MAR-08 17:38 NNN

Il Tar boccia Moggi: fu vero illecito

Paolo Ziliani spiega come i giudici amministrativi del Lazio hanno smontato l'ipotesi del complotto e delle macchinazioni sostenute dall'consigliere di amministrazione con poteri esecutivi, nonché direttore generale, della Juventus.

http://www.paoloziliani.it/news.asp?id=404

Giovedì, 20 Marzo 2008
Ma come! Sono due anni che Moggi, affacciato ora ad una ora ad un'altra delle rilucenti e rutilanti tribune mediatiche che fanno a gara per ospitarlo, ci urla in faccia – un giorno sì e l'altro pure - che lui è una povera vittima innocente, l'agnello sacrificale di un'invenzione chiamata Calciopoli; sono due anni che Big Luciano racconta in giro che non c'è traccia, nella condanna che la giustizia sportiva gli ha inflitto, di sospetto alcuno di “illecito sportivo”; sono due anni che il grande vecchio della pedata italica sparge a piene mani accuse di macchinazioni ordite ai suoi danni dai Grandi Cattivi dell'Inter, della Telecom, dei Palazzi del calcio e della politica e via straparlando; sono due anni che vediamo l'ex dirigente fortissimamente voluto alla Juventus da Umberto Agnelli scrivere editoriali per Libero, tenere lezioni alle università, presenziare a convegni politici, fare lingua in bocca con Mastella, Casini e compagnia cantante; sono due anni che mezza Italia gli si stringe attorno, gli apre le porte, si scappella e stende tappeti rossi al suo passaggio; e dopo tanto dibattersi e tanto sfinimento che cosa succede? Succede che il Tar del Lazio, l'organo che Moggi ha indicato, da sempre, come suo rifugio e sicura àncora di salvezza, respinge in toto il suo ricorso amministrativo contro i 5 anni di squalifica inflittigli dalla giustizia sportiva e motivi la decisione tracciando di lui, e della Juventus che per 12 anni Moggi guidò in compagnia di Giraudo e Bettega, un quadro che definire fosco, desolante e avvilente è dire poco.

Come sempre in questi casi, giornali e tivù abituati e sparare titoli a 9 colonne e a imbandire trasmissione non stop se solo a Moggi viene il ghiribizzo di dire amenità tipo: “Non solo io, ma tutti telefonavano a Bergamo & Pairetto”, dedicano oggi ben poco spazio alle motivazioni con cui il Tar del Lazio, nelle 33 pagine ricche, profonde e articolate della sua sentenza, rimette alla gogna Moggi, i suoi metodi e la sua Juventus di 12 anni di malaffare. E però, prima che qualcuno arrivi a beatificarlo in vita – come noto, le entrature di Big Luciano in Vaticano sono a prova di bomba - è forse il caso di sottolineare alcuni passi della sentenza del tribunale romano (Italo Riggio presidente del collegio giudicante, Giulia Ferrari relatrice).

1) È una panzana, una colossale balla, ciò che Moggi va ripetendo dal day after della sua condanna (con proposta di radiazione che giace, inevasa, nel cassetto del procuratore Palazzi), e cioè che la squalifica di 5 anni gli è stata inflitta solo per violazione dell'articolo 1, cioè per “slealtà sportiva”. Nella sentenza della Corte Federale ci si occupa anche del ben più grave articolo 6, ossia l'illecito sportivo, e il Tribunale del Lazio lo ricorda e lo ribadisce: “Per illecito sportivo – spiega il Tar – si è inteso qualificare e severamente sanzionare non solo l'avvenuta alterazione, con mezzi fraudolenti, del risultato di una partita, ma a monte e INNANZITUTTO, LA CREAZIONE DI UNA STRUTTURA SAPIENTEMENTE ARTICOLATA E FONDATA SI INTERESSATI RAPPORTI CON I CENTRI DECISIONALI DELLA FEDERAZIONE E DELLA CLASSE ARBITRALE” (il maiuscolo è nostro, n.d.r. ).

2) Quando il Tar parla di “struttura sapientemente articolata”, non fa altro che parlare della famigerata Cupola: che non è una creazione fantastica, una sorta di Sarchiapone del pianeta-calcio, ma il Centro di Inquinamento che ha avvelenato il calcio italiano dal giorno dell'avvento, nella stanza dei bottoni della Juventus, della leggendaria Triade composta da Moggi, Giraudo e Bettega. Funzione della struttura (leggi: Cupola) è stata quella, secondo il Tar, “di ingenerare a suo favore una situazione di sudditanza psicologica da parte sia degli arbitri, condizionandone l'operato a mezzo dello strumento delle designazioni affidate a persone facenti parte della struttura sopra citata, che delle altre società, boicottandole non solo sul piano strettamente competitivo ma anche su quello del mercato e delle acquisizioni”. Il tutto assicurando alla Juventus “la consapevolezza che in caso di bisogno non mancheranno tempestivi interventi idonei a fronteggiare eventuali situazioni di pericolo”.

3) A chiare lettere, il Tar spiega che Moggi aveva gli arbitri a proprio favore grazie al lavoro di vero e proprio lavaggio del cervello portato avanti, sui malcapitati, dai designatori Bergamo e Pairetto: insomma, l'aiuto arbitrale alla Juve non mancava mai. “Questa situazione – continua il Tar – è agevolmente realizzabile con il concorso di un arbitro compiacente e disponibile a non vedere all'occorrenza falli compiuti sul campo da giocatori della società protetta e a intervenire con severità su quelli, esistenti o no, imputati ai giocatori della squadra avversaria”. Il Tribunale fa chiaro riferimento alle “ammonizioni ad orologeria” distribuite scientificamente agli avversari più temuti, o a quelli sotto diffida, alla vigilia delle partite contro la Juventus. “In sostanza – spiega il Tar – l'illecito sportivo si configura come illecito di pericolo, a consumazione anticipata, concretandosi nel compimento, con qualsiasi mezzo, di atti funzionalmente preordinati ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara ovvero ad assicurare un vantaggio che si rifletterà nella classifica”.

4) Quante volte abbiamo sentito Moggi dire: “Hanno intercettato solo me e hanno manipolato strumentalmente il contenuto delle intercettazioni”? Ebbene, per i giudici del tribunale di Roma, “le intercettazioni hanno un inequivoco tenore”, sono “certamente sufficienti a supportare l'intero impianto probatorio” e “l'interpretazione del significato delle intercettazioni coinvolgenti Moggi è adeguatamente e logicamente motivata nelle decisioni degli organi federali”.

5) Il Tar dà torto a Moggi su tutti i fronti. E a proposito del presunto difetto di giurisdizione, il tribunale di Roma spiega che “le sanzioni in questione per la loro natura assumono rilevanza anche al di fuori dell'ordinamento sportivo ove solo si considerino non soltanto i riflessi sul piano economico (il ricorrente potrebbe essere chiamato a rispondere, a titolo risarcitorio, sia alla Juventus, società quotata in Borsa, che ai singoli azionisti), ma anche e soprattutto il giudizio di disvalore che da detta sanzione discende sulla personalità del soggetto in questione in tutti i rapporti sociali”.

Insomma, per farla breve: fermo restando il diritto di considerare Big Luciano, nonostante tutto, la Santa Maria Goretti del calcio italiano, per il Tar del Lazio Moggi e la Cupola sono stati la cancrena del calcio italiano e a buona ragione sono stati smascherati, squalificato (Moggi) e smantellata (la Cupola). Malavitosi che è meglio perdere che trovare.

Paolo Ziliani

mercoledì 19 marzo 2008

Ritorna il Caso Unità - seconda puntata

http://dagospia.excite.it/articolo_index_38959.html

ACQUISTI PER CASO – A FINE MESE POTREBBE CHIUDERSI LA TRATTATIVA TRA I SOCI DELL’“UNITÀ” E LA FAMIGLIA CASO (10 MILIONI PER IL 70% DELLE QUOTE) – E IL CDR ADESSO QUASI RIMPIANGE GLI ANGELUCCI…

Jarvis Macchi per “Italia Oggi”

Prosegue la trattativa per l'acquisto da parte della famiglia Caso dell'Unità, che, secondo le indiscrezioni raccolte da “ItaliaOggi”, sarebbe vicina alla conclusione. Un accordo potrebbe essere raggiunto in tempi brevi nonostante l'assemblea di ieri dei soci della Nie, la società Nuove iniziative editoriali che controlla il capitale del quotidiano fondato da Antonio Gramsci, non abbia ancora deliberato quell'aumento di capitale necessario per far entrare Gian Gaetano e Fabio Caso in possesso del pacchetto di maggioranza del quotidiano. I soci non hanno ancora stabilito nemmeno la data del cda della Nie che avallerà l'acquisizione, che dovrebbe comunque svolgersi entro fine mese.

IN ATTESA DEL CDA
Sarà quello l'appuntamento per sapere se i Caso saranno o meno i nuovi proprietari della testata diretta da Antonio Padellaro. Intanto gli avvocati delle due parti stanno lavorando per mettere a punto i dettagli dell'operazione: l'avvocato Giovanni Frau a rappresentare la Nie guidata da Marialina Marcucci e lo studio Adoninno Ascoli Cavasola per i Caso. Sempre secondo le ultime indiscrezioni, si vanno delineando quelli che sarebbero i particolari della cessione: i Caso rileverebbero il 70% delle quote della Nie per un prezzo di 10 milioni di euro. A questo bisognerebbe aggiungere una cifra compresa tra i 7-8 milioni di euro come aumento di capitale, prioritario rispetto al pagamento delle quote agli azionisti.

IL PIANO INDUSTRIALE
L'Unità perde oggi circa 4,7 milioni di euro l'anno e usufruisce di un contributo per l'editoria da parte dello stato pari a 6,4 milioni di euro l'anno. Il valore del contributo sarebbe garantito dai soci attuali, qualora venisse a mancare, fino al 2010. Il piano industriale per il rilancio dell'Unità prevedrebbe una politica di allegati e speciali per aumentare sia le vendite sia la raccolta pubblicitaria per arrivare a break even in 24-36 mesi senza tuttavia ridurre gli organici redazionali.

I TIMORI DEL CDR
La notizia dell'interessamento di Gian Gaetano e Fabio Caso aveva spinto il cdr dell'Unità a convocare un'assemblea nella giornata di lunedì, che è stata aggiornata a domani. Dopo l'anticipazione di “ItaliaOggi” di venerdì scorso sullo stato della trattativa della famiglia Caso con la Nie, il cdr aveva chiesto alla proprietà «garanzie chiare circa un passaggio cruciale nella vita del giornale»; esortando Francesco Di Stefano, l'editore di Europa 7 che si era detto in più occasioni disponibile a rilevare “l'Unità”, di «andare oltre le parole e di esprimere in tempi rapidi atti espliciti che dimostrino nei fatti la volontà di diventare editore del giornale fondato da Antonio Gramsci».
Fatti che non sono arrivati così come chiarificatore non è stato l'incontro avuto tra il cdr e la proprietà del quotidiano. E c'è chi in redazione «si pente» delle barricate erette, non ufficialmente ma nei fatti, di fronte all'arrivo degli Angelucci, che hanno fatto naufragare la trattativa. Non solo. La domanda che più gira tra le postazioni dei redattori è come mai Walter Veltroni, ex direttore dell'Unità e da sempre interessato alle sorti del giornale, a maggior ragione durante questa campagna elettorale, non abbia trovato un imprenditore di area disposto a rilanciare il quotidiano? Il timore di molti redattori è infatti quello di un «disimpegno» del Pd nei confronti del giornale.

Dagospia 19 Marzo 2008

lunedì 17 marzo 2008

Risultati sondaggio moviola in campo

Secondo voi, dopo l'ennesimo errore in Napoli-Roma occorre la moviola in campo?


sì, senza limitazioni (54%)

sì, ma limitata a due/tre volte come nel basket (40%)

no (5%)

il transatlantico affonda...ma nessuno se ne importa

http://www.diario.it/home_diario.php?page=cn03110006

Diario 26 settembre 2003

Il Nostro Inviato dopo il novantesimo minuto
Titanic Calcio
Sperando che tutto non si trasformi in sangue e botte, il nostro football si avvia comunque al disastro. Un caso aziendale da studiare
di Marco Liguori e Salvatore Napolitano

Siete un po’ a disagio per gli scontri di Avellino, per il ripescaggio della Fiorentina, per il disservizio di Sky, oltreché per le prestazioni della vostra squadra? Tranquillizzatevi: non avete ancora visto niente. Il calcio prossimo venturo vedrà sempre di più l’intervento di polizia antisommossa, tifosi «professionisti», presidenti «politici», giudici e avvocati. Tutto deriva, spiegano i nostri autori, dal perverso intreccio tra una legge che definisce le società di calcio come «società per azioni a fine di lucro»; le illusioni del mercato televisivo e la fine, prevedibile, di un concetto noto come «clausola compromissoria», ovvero una sorta di gentlemen’s agreement ormai destinato ad essere sbranato dalle mute della giustizia ordinaria. Leggere per credere. Una casistica possibile.

Assomiglia sempre di più al Titanic. Mentre il transatlantico si avvicina pericolosamente agli scogli, che fra l’altro lasciano morti giovani tifosi, a bordo si continua a far festa: tanto la nave è indistruttibile. È questo ciò che pensano, con encomiabile ottimismo, il comandante ed i suoi tanti attendenti. Franco Carraro (presidente della Figc, il governo del calcio), Adriano Galliani (amministratore delegato del Milan, ma anche presidente della Lega calcio, la Confindustria del pallone), Antonio Matarrese (vicepresidente della Lega calcio), Antonio Giraudo (amministratore delegato della Juventus), Massimo Moratti (presidente dell’Inter), Franco Sensi (presidente della Roma) appaiono imperturbabili. Il loro atteggiamento si basa sui tanti pericolosi scogli evitati di recente: il doping, i passaporti falsi, gli orologi d’oro regalati agli arbitri, i bilanci taroccati, le fidejussioni false. Qualcuno della ciurma ha però cominciato, sia pure con grave ritardo, a preoccuparsi. Ma nessuno gli dà ascolto. Come è possibile che un transatlantico di tal genere, che rappresenta una delle maggiori industrie del Paese, stia puntando diritto verso l’autoaffondamento? Come è possibile che i dirigenti calcistici, che sono tutti imprenditori di primo piano, sottovalutino a tal punto il problema?

Il cambiamento di rotta probabilmente decisivo è cominciato attorno alla metà degli Anni Novanta. Certo, già una decina di anni prima il calcio aveva cominciato a trasformarsi sempre più in un fenomeno televisivo. Accadde quando Silvio Berlusconi divenne proprietario del Milan e cominciò a trasmettere in diretta sulle sue reti televisive le amichevoli estive: costava molto meno che produrre un qualunque varietà di quart’ordine e otteneva più ascolti e, dunque, più pubblicità. Ossia, più soldi. Ma la spinta finale venne con il varo delle televisioni a pagamento. Le società più ricche decisero che era giunto il momento di smettere sia di vendere in modo collettivo i diritti di trasmissione delle partite, che di ripartire proporzionalmente gli introiti tra le 38 società di A e B. Così ebbe inizio la contrattazione singola, in modo che ciascuno intascasse i soldi relativi ai suoi diritti. Arrivò un fiume di denaro, ma non per tutti: com’era ampiamente prevedibile, i grandi arraffarono quasi tutta la torta, mentre i piccoli si sono accontentati delle briciole. In cifre, ciò vuol dire che nella scorsa stagione agonistica la Juventus ha incassato da Tele+ per la cessione dei diritti criptati delle sue 17 partite casalinghe circa 55 milioni di euro, Inter e Milan circa 50 ciascuno. Mentre Como, Empoli, Modena e Piacenza ne hanno ricevuti appena 5,6 a testa. Ma i presidenti, con lungimiranza pari a zero, hanno sempre versato tutti i maggiori ricavi nelle tasche dei calciatori e dei loro procuratori, per strapparsi a prezzi folli degli onesti pedatori. Il risultato è che il cospicuo incremento del fatturato è servito soltanto ad aggravare i buchi di bilancio del sistema. Al termine della stagione 1995-1996 la perdita operativa della serie A sfiorava i 150 milioni di euro. Due anni dopo era salita a 222 milioni. Al termine della stagione 1999-2000 era balzata a 406 milioni, per poi quasi raddoppiare in una sola stagione: 710 milioni al 30 giugno 2001. Come è noto, le società di calcio chiudono il loro esercizio al 30 giugno e non al 31 dicembre. Nel frattempo, esse erano state trasformate in «società per azioni con fini di lucro», in seguito alla legge Veltroni del 1996. Questa trasformazione, una prova di forza con il governo dell’Ulivo e di Rifondazione, fu una prova ampiamente vinta. All’uopo, per la prima volta nella storia del calcio, le società di A e B decisero di varare un calendario dei campionati monco: soltanto dieci giornate. Il governo corse frettolosamente ai ripari, varando addirittura un decreto legge per accontentare i due principali assertori della necessità di introdurre il «fine di lucro»: Antonio Giraudo e Adriano Galliani.

Il decreto 485 fu varato il 20 settembre del 1996 e convertito nella legge 586 il 18 novembre. Quanto ai presidenti delle società minori, bastò l’evocazione del termine «lucro» per farne brillare gli occhi. Ma la trasformazione in società a fini di lucro ha di fatto reso vano qualunque strumento che voglia impedire il ricorso alla giustizia ordinaria per difendere i propri interessi. Nell’ordinamento calcistico tale strumento si chiama «clausola compromissoria». Quest’estate tutti si sono resi conto che tale clausola non è altro che una sorta di patto tra gentiluomini, che dunque funziona se nessuno riceve qualche danno vero. E in un settore in cui i costi sono esorbitanti, i soldi finiti e le manovre dei dirigenti niente affatto limpide, non c’è nulla di più semplice che essere danneggiati. Qual è la soluzione che la Federcalcio ha escogitato e che vorrebbe attuare, assecondata in questo suo piano squinternato da qualche autorevole firma del giornalismo sportivo? È il rafforzamento della clausola compromissoria: ossia, se ricorri al giudice ordinario, ti penalizzo in classifica. Farebbe ridere se non fosse un piano nel quale i vertici del calcio credono: peccato che l’articolo 24 della Costituzione, che vale più di qualunque norma che possa essere varata, sancisce che chiunque può agire in giudizio per la tutela dei propri diritti ed interessi legittimi. Vediamo dunque ciò che potrebbe accadere in un futuro neanche tanto lontano, ipotizzando casi non così distanti dalla realtà.

RETROCESSIONE? NO, GRAZIE! Nulla di più facile che si riproponga una situazione non dissimile da quella verificatasi quest’anno all’Atalanta, quart’ultima e retrocessa in B come da regolamento. Ipotizziamo che la federazione accetti l’iscrizione di un’altra squadra, nonostante essa non soddisfi i parametri stabiliti dalle norme calcistiche, obbligatori per poter partecipare al campionato di competenza. Il danno economico per la retrocessa è immediato: meno diritti tv, meno sponsorizzazioni, meno incassi. Una circostanza tale da poterne mettere in discussione la sopravvivenza stessa. Citare per il risarcimento dei danni davanti al giudice ordinario la federazione potrebbe essere considerata la strada ultima e obbligata per tutelare il patrimonio.

IL CONFLITTO DI INTERESSI DEL GIOCATORE-AZIONISTA. Saadi Al Gheddafi è il figlio trentenne del colonnello libico: è un giovanotto simpatico, laureato in ingegneria, che da questa stagione gioca nel Perugia. Ma è anche azionista della Juventus con il 7,5 per cento tramite la finanziaria di famiglia Lafico, nonché membro del consiglio di amministrazione dei bianconeri. Immaginiamoci cosa succederebbe se, per un malaugurato caso, si giocasse un Perugia-Juventus decisivo per gli umbri ai fini di un’ipotetica qualificazione ad una coppa internazionale, e i giocatori del Perugia si mostrassero morbidi tanto da perdere l’incontro. Il presidente Luciano Gaucci potrebbe intentare una causa per danni. Resta un dubbio: solo a Gheddafi junior, oppure a tutti i suoi giocatori o anche all’intero cda della Juventus, ritenendolo corresponsabile?

IN COPPA CI VADO IO. NO, TU NO! L’ipotesi è aggrovigliata: la squadra vice-campione d’Italia è qualificata di diritto per la Coppa dei Campioni. Ma la Covisoc, la Commissione della federazione che vigila sui bilanci delle società calcistiche e che deve verificare il rispetto dei criteri obbligatori per l’ammissione, chiude un occhio e la iscrive al campionato dell’anno successivo, nonostante non soddisfi i parametri richiesti dalle norme federali. Non si fa qui riferimento alla Lazio soltanto perché non è arrivata seconda. La terza classificata subisce un danno immediato per la mancata qualificazione diretta alla Coppa dei Campioni (vi accedono solo le prime due del campionato): infatti corre il rischio di essere eliminata al turno preliminare e deve anticipare la preparazione perché tale turno si gioca a metà agosto. Ma anche la quinta classificata subisce un danno perché non ha affatto la possibilità di accedere alla Coppa dei Campioni (per l’Italia sono previsti al massimo quattro posti). E tale partecipazione vale, solo come ingresso alla prima fase, almeno una quindicina di milioni di euro. Non è mica finita: anche l’ottava classificata subisce un danno, perché il settimo posto le avrebbe dato il diritto di partecipare alla Coppa Uefa. E naturalmente riceve un danno anche la quart’ultima, perché eviterebbe la retrocessione in serie B. Si aprirebbe così la via di una serie di richieste di risarcimenti a catena nei confronti della federazione.

UN AGGIOTAGGIO PARTICOLARE. L’aggiotaggio è un tipo di reato che riguarda le società quotate in Borsa e si riferisce all’utilizzazione di notizie riservate o alla diffusione di notizie false per indirizzare l’andamento del titolo sul mercato di Piazza Affari. Ma c’è un caso limite che li supera tutti: ipotizzando che i calciatori di una società siano azionisti e stiano per disputare una partita decisiva, essi stessi potrebbero decidere a priori il risultato negativo per la propria squadra e speculare al ribasso con le azioni in loro possesso, traendone profitto. Infatti, le quotazioni di Borsa dipendono strettamente dall’andamento sportivo, in quanto esso influenza a sua volta, e in modo consistente, il fatturato della società. In tal caso, si configurerebbe non tanto l’utilizzazione di notizie riservate, ma addirittura la creazione della notizia. Se tale circostanza venisse alla luce, è facile ipotizzare il ricorso alla magistratura da parte di un azionista che lamentasse il danno patrimoniale.

IL CALCIOMERCATO DIVENTA UNA VIA CRUCIS. Un’altra questione giuridica riguarda il rapporto tra le numerose notizie, vere o false che siano, della campagna acquisti e vendite dei giocatori. Ciò tocca direttamente le società calcistiche quotate in Borsa, che attualmente sono tre: Lazio, Roma e Juventus. Ogni informazione pubblicata dalle pagine sportive dei giornali riguardante le possibili acquisizioni oppure cessioni di giocatori può influenzare notevolmente i corsi dei titoli sul listino. Nel caso in cui tali notizie non siano rispondenti al vero, non faranno soltanto sparire i sogni dei tifosi, ma alleggeriranno i portafogli degli azionisti. Per tutte le società quotate a Piazza Affari vige il divieto di divulgare notizie riservate, riguardanti eventuali trattative: le società di calcio non sfuggono a questa regola e sono tenute ad emettere un comunicato solo nel momento dell’effettiva conclusione degli affari. Violare questa norma può costare molto caro: si può infatti incorrere nell’articolo 501 del codice penale, che contempla il reato di aggiotaggio. Tale norma prevede che «chiunque al fine di turbare il mercato interno dei valori o delle merci, pubblica o altrimenti divulga notizie false, esagerate o tendenziose o adopera altri artifici atti a cagionare un aumento o una diminuzione del prezzo delle merci, ovvero dei valori ammessi nelle liste di Borsa o negoziabili nel pubblico mercato, è punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa da 516 a 25.822 euro». In questo caso potrebbe essere ipotizzata una doppia responsabilità: quella del giornale e quella della società calcistica. La Consob, l’organo di vigilanza dei mercati finanziari, è deputata a verificare gli andamenti anomali dei titoli e a denunciarne le ipotesi di reato alla Procura della Repubblica competente. Ma l’eventuale ipotesi di reato potrebbe essere denunciata anche da un piccolo azionista, allo scopo di rivalersi per il risarcimento del danno in solido verso il giornale e la società. Ipotizziamo a tal riguardo che un quotidiano riporti la notizia riguardante le trattative di una squadra quotata per l’acquisto di un plurititolato e celeberrimo calciatore straniero. Il titolo della società salirebbe rapidamente sul listino, invogliando numerosi risparmiatori all’acquisto. In seguito, la notizia si rivela completamente falsa e il valore delle azioni crolla. Chi avesse acquistato sulle voci false riportate dal quotidiano potrebbe citarlo per farsi risarcire il danno.

SONO EXTRACOMUNITARIO E ME NE VANTO. Ogni tanto, la federazione e la Lega assurgono a legislatori e danno vita a mostri giuridici: era già successo negli anni Novanta con il blocco dell’utilizzazione dei calciatori stranieri. Arrivò un giorno un carneade di nome Bosman, ricorse alla giustizia europea ed ebbe ragione. Pare che la lezione non sia servita. Adesso c’è il blocco totale dell’utilizzo di nuovi extracomunitari. Fino agli ultimi mondiali del 2002 non se ne potevano tesserare più di tre per squadra. Supponiamo che un calciatore, a seguito di questo blocco, sia costretto ad andarsene dalla squadra in cui milita, perché, nel frattempo, è stato acquistato un nuovo extra-comunitario. Se non si volesse ridurre la questione come nel passato, e cioè trovandogli rapidamente un avo comunitario, il calciatore potrebbe ricorrere tranquillamente alla giustizia ordinaria: vale ancora l’articolo 3 della Costituzione che sancisce che tutti «hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali».

LA NEBBIA MI DANNEGGIA. È già accaduto in passato, e c’è da scommettere che accadrà nuovamente, che si siano giocate partite in condizioni di visibilità non regolamentari. Soprattutto a causa della nebbia. Eppure dovrebbe essere impossibile sbagliare: la norma dice che l’arbitro, posizionandosi sulla linea di porta, debba vedere l’altra porta del campo di gioco. Da quando il calcio è diventato un fenomeno essenzialmente televisivo, e da quando c’è chi paga per vedere le partite tramite le trasmissioni criptate, è fiorita una nuova attività: i locali pubblici possono proiettare la partita su grandi schermi. Per farlo, devono abbonarsi alla tv, fino all’anno passato Tele+ o Stream, da quest’anno Sky, pagando un canone annuo. In cambio aumentano la clientela, interessata al calcio. Ma se la partita venisse disputata nonostante la nebbia fuori dai limiti, il locale pubblico ne riceverebbe un danno economico perché nessun cliente pagherebbe dei soldi per non vedere nulla. Ne scaturirebbe una reazione a catena: causa per danni del locale a Sky, che a sua volta si dovrebbe rivalere sulla federazione, dalla quale dipendono gli arbitri.

LA CLAUSOLA COMPROMISSORIA TI COMPROMETTERÀ. Il governo del pallone sta lavorando al rafforzamento della clausola compromissoria: chi ricorrerà al giudice ordinario sarà penalizzato in classifica. E’ il solito tentativo velleitario di risolvere i problemi. Non esiste alcuna costrizione, né alcuna forma coercitiva che possa impedire a chicchessia di adire al giudice ordinario quando si tratti di difendersi da un danno patrimoniale. Ipotizzando, dunque, che qualche società ricorra e venga colpita dalla giustizia sportiva con una penalizzazione in classifica, il caso più usuale è facilmente intuibile: se tale penalizzazione dovesse modificare in modo sostanziale la classifica, facendo ad esempio retrocedere una squadra e non un’altra, o qualificando per una coppa internazionale una squadra in luogo di un’altra, la federazione verrebbe sommersa di cause per danni.


E dalla «trasferta di Avellino» comincerà un nuovo mito...

Lunedì pomeriggio, mentre chiudevamo questo articolo, è stata data la notizia della morte di Sergio Ercolano, giovane tifoso del Napoli, precipitato da una fragile tettoia di plexiglas allo stadio Partenio di Avellino, prima della partita. Come tutti ormai sanno, centinaia
di tifosi del Napoli in trasferta organizzata su diversi pullman che evidentemente la polizia non aveva notato, avevano cercato, come molto spesso succede, di entrare allo stadio senza biglietto. E, come tutti ormai sanno, quel corpo precipitato e l’ambulanza che non arrivava hanno dato origine a furiosi scontri con la polizia, che è battuta in ritirata. La partita non si è giocata, la Lega Calcio l’ha rivinviata «a data da destinarsi», ma il presidente ombra dell’Avellino, Pasquale Casillo, rivendica i tre punti a tavolino. (La speculazione sui morti è uno degli aspetti del calcio moderno, inaugurato dalla Juventus allo stadio Heysel nel 1985, quando
una partita che chiunque avrebbe sospeso venne fatta giocare e vincere, in nome dei morti juventini).
Commentando l’episodio di Avellino, tutti i giornali e le trasmissioni televisive hanno bollato i tifosi del Napoli come «bestie» e «delinquenti», chiedendo pene severe e rievocando il pugno duro dell’inglese Margaret Thatcher contro gli hooligans. Ma sarà difficile che questo succeda, perché nel mondo del calcio (e del governo dei ripescaggi) nessuno ha più autorità per imporre alcunché. Continueranno quindi le «trasferte organizzate» e si scontreranno con la subcultura delle caserme delle Squadre mobili della polizia (che hanno avuto nell’ultimo campionato 612 feriti, raddoppiati dall’anno prima), in un circolo non virtuoso in cui si rivaleggia a chi è più macho e più fascista. Ci saranno altre tacche sui manganelli e sulle bandiere, e tanto pane per i sociologi e per Porta a Porta. Avellino non è altro di uno dei tanti risultati del «calcio che cambia»; quello che bada solo ai soldi e che usa i tifosi come salariati precari: utilissimi, ma ignobili.
In questo articolo Marco Liguori e Salvatore Napolitano raccontano le trasformazioni di questo sport e prevedono un futuro di bancarotte, contenziosi, liti giudiziarie, pressioni politiche. In mezzo a tutto ciò, ogni tanto qualcuno crepa. Di Sergio Ercolano, e delle colpe della sua morte, sentiremo parlare a lungo. Forse non in tutta Italia, ma sicuramente in Campania.

Scompare nel 2003 il pegno Capitalia sul Perugia

http://www.fiorentina.it/notizia.asp?IDNotizia=23041

2/7/2004

"Gaucci dei misteri" continua l'inchiesta di M.Liguori


Che fine ha fatto il 99,53% dell’Associazione Calcio Perugia detenuto in pegno da Capitalia? Guardando la tabella delle “partecipazioni rilevanti in società non quotate” posta a pagina 148 del bilancio 2003 del gruppo bancario presieduto da Cesare Geronzi, ci si accorge che tale quota è scomparsa. Questo pegno connesso ad operazioni di credito, compariva almeno dal bilancio del 1999 della Banca di Roma, uno degli istituti che sono confluiti in Capitalia nel 2002 e a cui la banca capitolina lo ha portato in “dote”. Fino a due anni fa era presente nel documento imposto alle società quotate dalla delibera 11971/99 della Consob: nell’ultimo esercizio finanziario della banca è invece svanito d’incanto.
Sulla vicenda della quota di maggioranza del Perugia, Capitalia mantiene il più stretto riserbo. Il gruppo bancario, interpellato da Panorama Economy, ha spiegato soltanto che tale partecipazione presa in pegno potrebbe essere stata ridotta oppure dismessa completamente. Infatti, la delibera della Commissione di vigilanza impone di dichiarare solamente le partecipazioni in imprese non quotate superiori al 10%: dunque, non è dato sapere se la quota detenuta nella società calcistica umbra sia stata portata al di sotto di detta soglia oppure sia stata completamente abbandonata dall’istituto, tramite l’eliminazione del pegno. Ma perché la società calcistica presieduta da Luciano Gaucci ha dato in pegno, almeno per quattro anni, il suo pacchetto di controllo? Mistero! Capitalia non ha voluto fornire spiegazioni in merito, adducendo la necessità di tutelare la privacy del proprio cliente. Eppure l’eventuale cancellazione del pegno non è una questione da poco, visto che era legato alla concessione di un prestito bancario rilasciato da una banca quotata a Piazza Affari, che dovrebbe rendere conto, in omaggio al principio della trasparenza borsistica, delle proprie operazoni al mercato. Capitalia non ha voluto neppure rendere noto l’importo della linea di credito concessa a fronte del pegno. Neppure nel bilancio del club perugino, chiuso al 30 giugno 2003, si rilevano tracce dell’eventuale spignoramento.
Ma c’è anche un altro mistero. Ufficiosamente, si individua sempre il presidente Gaucci come l’azionista di riferimento del Perugia. Tuttavia, stando alle visure soci della Camera di Commercio, il suo nome non compare. Infatti, il 99,53% del Perugia, affidato sino al 2002 in pegno a Capitalia, è esattamente la percentuale detenuta dalla Kilpeck Overseas Corp., una società di diritto estero su cui non si può ufficialmente conoscere chi siano i suoi azionisti.

Marco Liguori


La vendita del Catania
Nonostante la fresca retrocessione in serie B, dopo aver perso lo spareggio con la Fiorentina il 20 giugno scorso,Luciano Gaucci non sembrerebbe intenzionato a vendere il Perugia. Di certo c’è solo al momento che alcuni giorni fa il numero uno perugino ha venduto l’intero pacchetto azionario del Calcio Catania alla Finaria, società controllata da Antonino Pulivirenti, attuale presidente dell’Acireale. La Finaria e' la holding che detiene la compagnia aerea siciliana Windjet: inoltre Pulvirenti e' proprietario della Meridi, società operante nella grande distribuzione organizzata. Particolare curioso: anche nel caso del Catania, la famiglia Gaucci non compariva nell'elenco soci della Camera di Commercio. Infatti, la quota di maggioranza venduta, pari al 74,5%, era controllata da una società di diritto estero, la Audette Holdings Corp. Il presidente uscente del Catania era però uno dei figli di Gaucci, Riccardo. Gli altri quattro soci avevano in carico 12.750 azioni: tre di essi sono membri della famiglia Massimino, l'ex proprietario del Catania prima dell'era Gaucci.

M. L.

Fonte settimanale Economy

sabato 15 marzo 2008

Provateci voi ad avere una transazione senza interessi con una banca

Liberomercato 15 marzo 2008

Calcio & Finanza

La Lazio paga a rate e senza interessi i debiti con Profumo, restano quelli con l’Erario

Marco Liguori
La Lazio ha transato con Banca di Roma. Stando alla semestrale al 31 dicembre scorso, la società biancoceleste quotata a Piazza Affari ha sottoscritto il 13 febbraio scorso con Unicredit Banca d’impresa "in qualità di mandatari d’impresa" un accordo riguardante "tutte le posizioni aperte (finanziarie e non) al 31 dicembre 2007. L’importo complessivo è di 6,68 milioni, "con un risparmio di euro 5,18 milioni da pagare in otto rate trimestrali di euro 0,8 milioni ed una di euro 0,42". La transazione è favorevole per la Lazio, poiché è senza interessi. La controllata Lazio Marketing e Communication, proprietaria dei marchi e del ramo commerciale, garantisce l’operazione tramite "la cessione degli incassi futuri rinvenienti dai contratti con la Puma Italia scadenti rispettivamente al 30 giugno 2008 e 30 giugno 2012".
La semestrale presenta un utile civilistico di 860mila euro dovuto ai proventi della Champions league. Quello consolidato è di 4,65 milioni con patrimonio netto negativo di 18,93 milioni. La società ha problemi con il fisco: il 27 dicembre scorso l’Agenzia delle entrate ha notificato un avviso di accertamento a seguito di una verifica iniziata il 10 luglio 2007 sull’Irap dovuta sulle plusvalenze e minusvalenze calciatori. La Lazio spiega che da ciò "è emerso un rilievo consistente nel recupero di base imponibile Irap per 46,82 milioni, pari a imposte per circa 1,91 milioni". Come per altri due analoghi rilievi, sono state accantonate somme a fondo rischi. Il contenzioso Irap ha sospeso il rimborso di un credito Iva del 1998 per 5,42 milioni.
Il 4 ottobre scorso l’ex calciatore Mendieta ha trascinato la sua ex società dinanzi al Tribunale del lavoro di Roma. Egli ha chiesto il pagamento di 6,28 milioni, oltre interessi e rivalutazioni. Ha chiesto in subordine un risarcimento di pari importo per la risoluzione del contratto "viziata da dolo" e la refusione dei danni "per la conclusione del contratto con il Middlesbrough a condizioni deteriori rispetto a quelle esigibili". La Lazio ha giudicato infondate queste asserzioni e resisterà in giudizio.

venerdì 14 marzo 2008

Ritorna il Caso Unità

La Marialina Marcucci, presidente della casa editrice dell'Unità, ha avuto contatti con i Caso, ex editori del quotidiano sportivo Dieci, diretto da Ivan Zazzaroni, che ha chiuso in pochi mesi nel 2007...
Secondo una visura camerale dello scorso giugno, la loro casa editrice, la Hopit, era controllata da due società con sede all'estero, MEDITERRANEA S.A. e la CENTRALE AMERICA ADVENTURES S.A., mentre Gian Gaetano Caso ne possiede solo il 10%: chi c'è dietro a queste società? E soprattutto in quale paese hanno sede, visto che nel "paradisiaco" Lussemburgo esse non sono presenti?

EDITORIA: L'UNITÀ; MARCUCCI, CONTATTI CON I CASO
POL S0A QBXB EDITORIA: L'UNITÀ; MARCUCCI, CONTATTI CON I CASO DI STEFANO RESTA IN CAMPO, MA PRIORITÀ È EUROPA 7 (ANSA) - ROMA, 14 MAR - «Con i Caso ci sono dei contatti ma al momento non vi è nulla di formale. Può darsi che dopo Pasqua ci siano delle opportunità»: così Marialina Marcucci, presidente della Nie (Nuove Iniziative Editoriali, la società che edita l'Unità), reagisce alla notizia pubblicata su Italia Oggi che vedrebbe la famiglia Caso in pole position per diventare la nuova proprietaria del quotidiano fondato da Antonio Gramsci. Secondo il giornale economico, Gian Gaetano e Fabio Caso, che già in passato avevano tentato la strada dell'editoria, rileverebbero non la totalità del pacchetto azionario, bensì una quota di maggioranza vicina al 60%. Resta comunque in campo, come conferma anche la Marcucci, l'imprenditore Francesco Di Stefano, patron di Europa 7, il quale ribadisce il proprio interesse verso l'Unità. «Di Stefano - dice la presidente della Nie - l'ho sentito ieri. Lui è realmente interessato ma in questo momento la sua priorità è la questione di Europa 7». Sarà infatti resa nota a giorni la data della riunione del Consiglio di Stato che deve pronunciarsi sul ricorso dell'emittente per ottenere le frequenze per trasmettere e il risarcimento danni. «Stiamo vedendo i conti del giornale», dice l'imprenditore. «In questo momento - aggiunge - abbiamo problemi più grandi e pressanti anche se l'interesse per l'Unità c'era e rimane».(ANSA). SN 14-MAR-08 18:24 NNN



http://dagospia.excite.it/articolo_index_38842.html

“UNITÀ”, IL CASO È RISOLTO – LA HOPIT DI GIAN GAETANO E FABIO CASO IN POLE PER L’ACQUISTO DEL QUOTIDIANO DI GRAMSCI - TRANSAZIONE DA 3-4 MILIONI (CIFRA BASSA PER LE CAUSE IN CORSO) PER IL 60% DELLA PROPRIETÀ…

Jarvis Macchi per “Italia Oggi”

La famiglia Caso è in pole position per diventare la nuova proprietaria dell'Unità. Dopo una trattativa lunga e difficile, l'accordo potrebbe essere raggiunto e ufficializzato già dopo Pasqua. Secondo quanto risulta a ItaliaOggi infatti, tra i legali delle due parti girerebbero già alcune bozze di lettere d'intenti, pronte per essere firmate dopo la due diligence da parte dei compratori.

Il prezzo? Sempre secondo indiscrezioni, il valore reale della transazione si aggirerebbe intorno ai 3-4 milioni di euro, ma Gian Gaetano e Fabio Caso, attraverso la Hopit, rileverebbero non la totalità del pacchetto azionario, bensì una quota di maggioranza, vicina al 60%. Una cifra così bassa sarebbe motivata dal peso di cause civili in corso stimabili intorno ai 60 milioni di euro.

Una cifra, peraltro, smentita da fonti vicine agli imprenditori che vorrebbero, invece, accreditare la valutazione della testata intorno ai 23 milioni di euro. La voce che l'intesa fosse stata raggiunta è circolata già nella mattinata di ieri anche se non è stata confermata (ma nemmeno smentita) dai vertici dell'Unità. Contattata telefonicamente, Marialina Marcucci, amministratore delegato della Nie, la società che detiene il controllo del quotidiano della sinistra, ha così commentato: «La famiglia Caso è uno dei player che sono interessati all'acquisto del quotidiano, ma non confermo che sia stato raggiunto alcun tipo di accordo». Marcucci ha anche aggiunto: «l'aumento di capitale di due milioni di euro che abbiamo deliberato a luglio sarà sottoscritto dagli attuali soci».

Le trattative tra la Nie e la famiglia Caso sarebbero però già in fase molto avanzata e l'unico ostacolo sarebbe di carattere tecnico: la due diligence da effettuare sui conti del quotidiano. Una formalità che potrebbe essere sbrigata nelle prossime settimane, per arrivare ad una firma dopo Pasqua. Anche nell'ipotesi di ingresso della famiglia Caso, sempre secondo indiscrezioni, Marialina Marcucci resterebbe in sella ai vertici del giornale.

IL CASO DIECI
Quello dei Caso non è un nome nuovo nell'editoria, nella quale avevano già provato a cimentarsi nel 2001, con l'esperienza del Globo, free-press romana fondata grazie a un finanziamento iniziale dell'Unione europea e poi chiusa dopo breve. Ma la loro incursione più famosa nel settore, soprattutto per le polemiche che ha generato, resta quella legata all'avventura di Dieci, il quotidiano sportivo diretto da Ivan Zazzaroni ed edito dai Caso insieme con Alberto Donati. Testimonial del quotidiano era stato Roberto Baggio, ma il progetto era finito rovinosamente, dopo 96 giorni in edicola, nel giugno 2007.
La coppia Caso-Donati scoppio quasi subito (sembra per problemi legati alla ripartizione dei ricavi delle vendite in edicola) e questo fu un primo passo che affossò Dieci, a cui si aggiunsero gli stipendi dei trenta redattori assunti, rimasti bloccati per mesi, e il mancato pagamento degli altri collaboratori. Una vicenda che aveva scatenato non poche polemiche e che aveva visto anche Zazzaroni dimettersi come gesto plateale di difesa nei confronti della redazione. Con ripercussioni sindacali soprattutto per il modo con cui erano stati licenziati i redattori, «rei» di aver scioperato per chiedere il pagamento degli stipendi.
Al loro rientro in redazione avevano trovato una lettera del presidente di garanzia di Editoriale Dieci, Mauro Conta ad attenderli sulla porta: «A seguito», si leggeva nel messaggio, «delle immotivate argomentazioni poste dal comitato di redazione e della conseguente decisione di astenersi dall'attività lavorativa, l'Editore ritiene che si renda necessario procedere al licenziamento per giusta causa di tutta la redazione di Dieci. Si riserva altresì di valutare una richiesta di danni subiti a causa della reiterata posizione assunta da tutta la redazione». Dopo l'uscita di Zazzaroni e il licenziamento dei redattori, il giornale non ha più ripreso le pubblicazioni. E la società è stata messa in liquidazione nell'ottobre scorso.
La cassaforte di famiglia. Se i Caso dovessero ritentare la strada dell'editoria con L'Unità, sicuramente l'operazione passerà attraverso la Hopit, la cassaforte della famiglia. La holding nasce nel 2004 come finanziaria di partecipazione, e si struttura in due subholding: la Nettel spa, società attiva nel campo delle tlc e la Giornali Associati, che serve ai Caso per gli investimenti nell'editoria. Hopit, sul versante internazionale ha interessi in Nicaragua, dove è concessionaria delle ferrovie e dei trasporti intermodali con il Consorcio Ferronica SA; Russia, dove ha una partecipazione in una banca moscovita e in Montenegro.
Quanto vale il gruppo? Ecco qualche numero: il capitale sociale della capogruppo Hopit spa è di 50 milioni di euro e nel 2006 ha registrato un utile netto di 466 mila euro. Utile che però deriva non dalla gestione operativa, il cui risultato è negativo per 481 mila euro, ma da proventi straordinari. Sempre nel 2006 l'intero gruppo ha registrato un utile di 56,4 mila euro a fronte di un risultato operativo negativo per oltre un milione di euro sempre per il motivo citato prima. I debiti consolidati del gruppo sono pari a 14 milioni di euro, di cui 12,7 milioni verso i fornitori.
L'altro pretendente. Il nome dei Caso circolava da tempo nei corridoi dell'Unità, assieme a quello di Francesco Di Stefano, il fondatore di Europa7, anche lui interessato al quotidiano. Dopo l'abbandono della trattativa da parte degli Angelucci, il cdr aveva chiesto all'azienda di «perseguire strade che siano affidabili e che non si perdano altri mesi per non concludere niente».
Lo stesso cdr poco più di dieci giorni fa aveva emesso un comunicato in cui invitata esplicitamente lo stesso Di Stefano in qualche modo a farsi avanti, esprimendo così la sua «preferenza» tra i possibili compratori rimasti. Di certo, fanno sapere dal cdr, «l'Unità non è un giornale che si può vendere a chiunque, a prescindere dalla sua collocazione politica».
Dagospia 14 Marzo 2008


ELENCO SOCI HOPIT
PROT. N. 28579498 19/06/2007
CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI ROMA - UFFICIO REGISTRO DELLE IMPRESE - VISURA SENZA VALORE DI CERTIFICAZIONE DELL'ASSETTO DELLA COMPAGINE SOCIALE DELL'IMPRESA SOTTO INDICATA
DATI IDENTIFICATIVI DELL'IMPRESA
Codice fiscale e numero d'iscrizione: 08462451009
del Registro delle Imprese di ROMA
data di iscrizione: 12/04/2005

Iscritta nella sezione ORDINARIA il 12/04/2005
Iscritta con il numero Repertorio Economico Amministrativo 1095986
Denominazione: HOPIT SOCIETA' PER AZIONI
Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI
INFORMAZIONI PATRIMONIALI E FINANZIARIE
Capitale Sociale in EURO:
deliberato 50.000.000,00
sottoscritto 50.000.000,00
versato 50.000.000,00
conferimenti in DENARO
ELENCO DEI SOCI E DEGLI ALTRI TITOLARI DI DIRITTI SU AZIONI O QUOTE SOCIALI AL 21/10/2006
PROTOCOLLO RM/2006/243003 del 31/10/2006
Capitale sociale dichiarato sul modello con cui è stato depositato l'elenco deisoci: 50.000.000,00 (valuta: EURO)
Quota composta da 22.500 AZIONI ORDINARIE
pari a nominali: 22.500.000,00 (valuta: EURO)
- MEDITERRANEA S.A. C.F. 03173120613
tipo di diritto: PROPRIETA'
Quota composta da 22.500 AZIONI ORDINARIE
pari a nominali: 22.500.000,00 (valuta: EURO)
- CENTRALE AMERICA ADVENTURES S.A. C.F. 03211080613
tipo di diritto: PROPRIETA'
Quota composta da 5.000 AZIONI ORDINARIE
pari a nominali: 5.000.000,00 (valuta: EURO)
- CASO GIAN GAETANO C.F. CSAGGT45B25G596G
tipo di diritto: PROPRIETA'


LA VISURA DELLA HOPIT
PROT. N. 28579487 19/06/2007
CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI ROMA
UFFICIO REGISTRO DELLE IMPRESE –
VISURA SENZA VALORE DI CERTIFICAZIONE ORDINARIA
DATI IDENTIFICATIVI DELL'IMPRESA
Codice fiscale e numero d'iscrizione: 08462451009 del Registro delle Imprese di ROMA data di iscrizione: 12/04/2005
Iscritta nella sezione ORDINARIA il 12/04/2005
Iscritta con il numero Repertorio Economico Amministrativo 1095986
Denominazione: HOPIT SOCIETA' PER AZIONI
Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI
Sede: ROMA (RM) VIA XX SETTEMBRE 5 CAP 00187telefono: 06/42742713
Costituita con atto del 29/03/2005 Durata: INDETERMINATA
Scadenza primo eserc. 31/12/2005 scadenza eserc. successivi: 31/12
Lo statuto prevede proroga di n. 60 giorni dei termini approvazione del bilancio Tipo dell'atto:
ATTO COSTITUTIVO
Notaio PALMIERI PAOLO
Repertorio num. 126355 loc. GENZANO DI ROMA (RM)
Oggetto Sociale:
LA SOCIETA' HA PER OGGETTO: LA SOCIETA' HA PER OGGETTO IL POSSESSO E LA GESTIONE DI PACCHETTI AZIONARI DI SOCIETA' CONTROLLATE O TERZE OLTRE A SVOLGERE ATTIVITA' DI CONSULENZA FINANZIARIA E DI ATTIVITA' DI GESTIONE DI DATI AMMINISTRATIVO-FINANZIARI DI SOCIETA' CONTROLLATE O TERZE. LA SOCIETA' POTRA' PARTECIPARE AD APPALTI PUBBLICI E PRIVATI. LA SOCIETA' POTRA' ASSUMERE PARTECIPAZIONI, INTERESSENZE IN ALTRE SOCIETA' AVENTI SCOPI ANALOGHI, COMPLEMENTARI OD AFFINI AL PROPRIO NON A SCOPO DI COLLOCAMENTO E NON A CARATTERE PREVALENTE E POTRA' COMPIERE TUTTE LE OPERAZIONI FINANZIARIE, BANCARIE, INDUSTRIALI, COMMERCIALI ED IMMOBILIARI, NECESSARIE AL CONSEGUIMENTO DELL'OGGETTO SOCIALE, POTRA' ALTRESI' PRESTARE FIDEJUSSIONI E GARANZIE REALI A FAVORE DI TERZI, ENTI, PERSONE FISICHE, GIURIDICHE E BANCHE AL SOLO FINE DEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI SCOPI SOCIALI POTRA' INOLTRE CONTRARRE MUTUI PASSIVI ED EFFETTUARE OPERAZIONI DI FACTORING ALLO SCOPO DI PROCURARSI MEZZI ECONOMICI PER LA PROPRIA ATTIVITA', NONCHE' STIPULARE CONTRATTI DI LEASING PASSIVI PER LA LOCAZIONE DI IMMOBILI, ATTREZZATURE E MACCHINE CONCEDENDO LE OPPORTUNE E RICHIESTE GARANZIE; SUBORDINATAMENTE ALL'OTTENIMENTO DELLE DEBITE AUTORIZZAZIONI AMMINISTRATIVE E' PURE PREVISTO L'ESERCIZIO NEI CONFRONTI DEL PUBBLICO DELLE ATTIVITA' DI ASSUNZIONE DI PARTECIPAZIONI, DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI SOTTO QUALSIASI FORMA, DI PRESTAZIONE DI SERVIZI DI PAGAMENTO E DI INTERMEDIAZIONE IN CAMBI, RISERVATO AGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ISCRITTI NELL'APPOSITO ELENCO TENUTO DALL'UIC O NELL'ELENCO SPECIALE TENUTO DALLA BANCA D'ITALIA, L'ATTIVITA' DISCIPLINATA DAGLI ARTICOLI 106 E 107 DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA BANCARIA, D.LGS. 01.09.1993, N. 385.
SISTEMA DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO
Soggetto che esercita il controllo contabile: revisore contabile
Forma amministrativa: AMMINISTRATORE UNICO
Numero amministratori in carica: 1
durata in carica: FINO ALLA REVOCA
CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
Numero minimo amministratori: 3
Numero massimo amministratori: 7
Numero amministratori in carica: 3
durata in carica: 3 ANNI
data fine carica: 16/03/2009
Collegio Sindacale: numero effettivi: 3
numero supplenti: 2
numero in carica: 5
data inizio carica: 12/04/2006 data fine carica: 31/12/2006
INFORMAZIONI SULLO STATUTO/ATTO COSTITUTIVO
Poteri da Statuto:
IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E' INVESTITO DEI PIU' AMPI POTERI PER L'AMMINISTRAZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLA SOCIETA' E, PIU' SEGNATAMENTE, HA FACOLTA' DI COMPIERE TUTTI GLI ATTI CHE RITENGA OPPORTUNI PER L'ATTUAZIONE ED IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI SCOPI SOCIALI, ESCLUSO SOLTANTO QUANTO PER LEGGE E PER STATUTO E' RISERVATO ALLA ASSEMBLEA.
AI SENSI DELL'ART. 2365 C.C. SONO ATTRIBUITE AL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, OLTRE A QUANTO GIA' ALTROVE PREVISTO DAL PRESENTE STATUTO, LE DELIBERAZIONI CONCERNENTI LA FUSIONE NEI CASI PREVISTI DAGLI ART. 2505 E 2505 BIS C.C. E L'ADEGUAMENTO DELLO STATUTO SOCIALE A DISPOSIZIONI NORMATIVE. IL CONSIGLIO PUO' DELEGARE PARTE DELLE PROPRIE ATTRIBUZIONI E PROPRI POTERI AL PRESIDENTE O AD ALTRI DEI SUOI MEMBRI (AMMINISTRATORE O AMMINISTRATORI DELEGATI).
IL CONSIGLIO PUO' NOMINARE FRA I SUOI MEMBRI UN COMITATO ESECUTIVO, DELEGANDO AD ESSO ATTRIBUZIONI E POTERI SUOI PROPRI.
IL CONSIGLIO PUO' NOMINARE UNO O PIU' DIRETTORI, VICE DIRETTORI E DIRIGENTI, DETERMINANDONE I POTERI, NONCHE' PROCURATORI AD NEGOTIA PER DETERMINATI ATTI O CATEGORIA DI ATTI. LA RAPPRESENTANZA LEGALE DELLA SOCIETA' DI FRONTE A TERZI, COMPRESA OGNI AUTORITA' GIUDIZIARIA O AMMINISTRATIVA, SPETTA AL PRESIDENTE, O A CHI NE FA LE VECI A SENSI DELL'ART. 17 DEL PRESENTE STATUTO. LA SUDDETTA RAPPRESENTANZA, NONCHE' LA FIRMA SOCIALE, SPETTANO ALTRESI' ALLE PERSONE AUTORIZZATE DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CON DELIBERAZIONE PUBBLICATA A NORMA DI LEGGE E PER GLI OGGETTI PREVISTI NELLA DELIBERAZIONE STESSA.
RIPARTIZIONE DEGLI UTILI E DELLE PERDITE TRA I SOCI DAGLI UTILI NETTI RISULTANTI DAL BILANCIO DEVE ESSERE DEDOTTA UNA SOMMA CORRISPONDENTE AL CINQUE PER CENTO (5%) DA DESTINARE ALLA RISERVA LEGALE FINO A CHE QUESTA NON ABBIA RAGGIUNTO IL QUINTO DEL CAPITALE SOCIALE OPPURE, SE LA RISERVA E'DISCESA AL DI SOTTO DI TALE LIMITE, FINO ALLA REINTEGRAZIONE DELLA STESSA; LA DECISIONE DEI SOCI CHE APPROVA IL BILANCIO DECIDE SULLA DISTRIBUZIONE DEGLI UTILI AI SOCI.
POSSONO ESSERE DISTRIBUITI ESCLUSIVAMENTE GLI UTILI REALMENTE CONSEGUITI E RISULTANTI DA BILANCIO REGOLARMENTE APPROVATO. SE SI VERIFICA UNA PERDITA DEL CAPITALE SOCIALE NON PUO' FARSI LUOGO A DISTRIBUZIONE DEGLI UTILI FINO A CHE IL CAPITALE NON SIA REINTEGRATO O RIDOTTO IN MISURA CORRISPONDENTE. NON E' CONSENTITA LA DISTRIBUZIONE DI ACCONTI SUGLI UTILI.
Modalità di convocazione, intervento e funzionamento dell'assemblea:
ARTICOLO 10 - ARTICOLO 11 - ARTICOLO 12 - ARTICOLO 13
Clausole di recesso:
ART. 9 DELLO STATUTO SOCIALE
Clausole di esclusione:
ART. 10 DELLO STATUTO SOCIALE
INFORMAZIONI PATRIMONIALI E FINANZIARIE
Capitale Sociale in EURO:
deliberato 50.000.000,00
sottoscritto 50.000.000,00
versato 50.000.000,00
conferimenti in DENARO

ADDETTI
Numero addetti dell'impresa rilevati nell'anno 2005
Dipendenti: 2 (informazione di sola natura statistica)
TITOLARI DI CARICHE O QUALIFICHE
1) LUPI ROBERTO
nato a ROMA (RM) il 11/04/1972
codice fiscale: LPURRT72D11H501W
residente a: ROMA (RM) VIA UGO OJETTI 16 CAP 00100
CONSIGLIERE nominato con atto del 16/03/2006 fino al 16/03/2009
Durata in carica: 3 ANNI
3) BASSOLI CARLO
nato a LATINA (LT) il 06/08/1949
codice fiscale: BSSCRL49M06E472X
residente a: LATINA (LT) VIA LUNGA 23 CAP 04100
CONSIGLIERE nominato con atto del 16/03/2006 fino al 16/03/2009
Durata in carica: 3 ANNI
9) DI MATTEO CORRADO
nato a VENAFRO (IS) il 01/05/1943
codice fiscale: DMTCRD43E01L725G
residente a: PIEDIMONTE MATESE (CE) PIAZZA ROMA 1 CAP 81016
PRESIDENTE DEL COLLEGIO SINDACALE nominato con atto del 12/04/2006 fino al 31/12/2005
Data presentazione carica 18/05/2006
ALBO UNICO REVISORI CONTABILI
n. 31 BIS del 12/04/1995
Rilasciata dall'ente MINISTERO DI GIUSTIZIA
10) BERNARDO VINCENZO
nato a PIEDIMONTE MATESE (CE) il 16/03/1964
codice fiscale: BRNVCN64C16G596D
residente a: PIEDIMONTE MATESE (CE) VIA PIZZONE 20 CAP 81016
SINDACO EFFETTIVO nominato con atto del 12/04/2006 fino al 31/12/2008
Data presentazione carica 18/05/2006
ALBO UNICO REVISORI CONTABILI
n. 87 del 15/10/1999
Rilasciata dall'ente MINISTERO DI GIUSTIZIA
11) BLOISI LUCIANO
nato a MILANO (MI) il 19/12/1964
codice fiscale: BLSLCN64T19F205A
residente a: PIEDIMONTE MATESE (CE) VIA ALDO MORO CAP 81016
SINDACO EFFETTIVO nominato con atto del 12/04/2006 fino al 31/12/2008
Data presentazione carica 18/05/2006
ALBO UNICO REVISORI CONTABILI
n. 47 del 06/03/1998
Rilasciata dall'ente MINISTERO DI GIUSTIZIA
12) TRIVELLONE GIACOMO
nato a CASAGIOVE (CE) il 23/07/1962
codice fiscale: TRVGCM62L23B860R
residente a: ALIFE (CE) VIA CADUTI SUL LAVORO 30 CAP 81011
SINDACO SUPPLENTE nominato con atto del 12/04/2006 fino al 31/12/2008
Data presentazione carica 18/05/2006
ALBO UNICO REVISORI CONTABILI
n. 87 del 15/10/1999
Rilasciata dall'ente MINISTERO DI GIUSTIZIA
13) IANUALE RAFFAELE
nato a CASAGIOVE (CE) il 10/10/1964
codice fiscale: NLIRFL64R10B860R
residente a: SAN NICOLA LA STRADA (CE) VIA DUCA D'AOSTA 3 CAP 81020
SINDACO SUPPLENTE nominato con atto del 12/04/2006 fino al 31/12/2008
Data presentazione carica 18/05/2006
ALBO UNICO REVISORI CONTABILI
n. 87 del 15/10/1999
Rilasciata dall'ente MINISTERO DI GIUSTIZIA
14) MELONI MICHELE
nato a GROSSETO (GR) il 04/05/1965
codice fiscale: MLNMHL65E04E202L
residente a: GROSSETO (GR) VIA ARCIDOSSO 46 CAP 58100
PRESIDENTE CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE nominato con atto del 19/02/2007
Durata in carica: FINO ALLA PROSSIMA ASSEMBLEA
Data presentazione carica 22/02/2007
POTERI RELATIVI ALLA CARICA DI
PRESIDENTE CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE
SOLO ED ESCLUSIVAMENTE LA RAPPRESENTANZA LEGALE DELLA SOCIETA'

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati