Ricerca personalizzata

giovedì 20 marzo 2008

Il Tar boccia Moggi: fu vero illecito

Paolo Ziliani spiega come i giudici amministrativi del Lazio hanno smontato l'ipotesi del complotto e delle macchinazioni sostenute dall'consigliere di amministrazione con poteri esecutivi, nonché direttore generale, della Juventus.

http://www.paoloziliani.it/news.asp?id=404

Giovedì, 20 Marzo 2008
Ma come! Sono due anni che Moggi, affacciato ora ad una ora ad un'altra delle rilucenti e rutilanti tribune mediatiche che fanno a gara per ospitarlo, ci urla in faccia – un giorno sì e l'altro pure - che lui è una povera vittima innocente, l'agnello sacrificale di un'invenzione chiamata Calciopoli; sono due anni che Big Luciano racconta in giro che non c'è traccia, nella condanna che la giustizia sportiva gli ha inflitto, di sospetto alcuno di “illecito sportivo”; sono due anni che il grande vecchio della pedata italica sparge a piene mani accuse di macchinazioni ordite ai suoi danni dai Grandi Cattivi dell'Inter, della Telecom, dei Palazzi del calcio e della politica e via straparlando; sono due anni che vediamo l'ex dirigente fortissimamente voluto alla Juventus da Umberto Agnelli scrivere editoriali per Libero, tenere lezioni alle università, presenziare a convegni politici, fare lingua in bocca con Mastella, Casini e compagnia cantante; sono due anni che mezza Italia gli si stringe attorno, gli apre le porte, si scappella e stende tappeti rossi al suo passaggio; e dopo tanto dibattersi e tanto sfinimento che cosa succede? Succede che il Tar del Lazio, l'organo che Moggi ha indicato, da sempre, come suo rifugio e sicura àncora di salvezza, respinge in toto il suo ricorso amministrativo contro i 5 anni di squalifica inflittigli dalla giustizia sportiva e motivi la decisione tracciando di lui, e della Juventus che per 12 anni Moggi guidò in compagnia di Giraudo e Bettega, un quadro che definire fosco, desolante e avvilente è dire poco.

Come sempre in questi casi, giornali e tivù abituati e sparare titoli a 9 colonne e a imbandire trasmissione non stop se solo a Moggi viene il ghiribizzo di dire amenità tipo: “Non solo io, ma tutti telefonavano a Bergamo & Pairetto”, dedicano oggi ben poco spazio alle motivazioni con cui il Tar del Lazio, nelle 33 pagine ricche, profonde e articolate della sua sentenza, rimette alla gogna Moggi, i suoi metodi e la sua Juventus di 12 anni di malaffare. E però, prima che qualcuno arrivi a beatificarlo in vita – come noto, le entrature di Big Luciano in Vaticano sono a prova di bomba - è forse il caso di sottolineare alcuni passi della sentenza del tribunale romano (Italo Riggio presidente del collegio giudicante, Giulia Ferrari relatrice).

1) È una panzana, una colossale balla, ciò che Moggi va ripetendo dal day after della sua condanna (con proposta di radiazione che giace, inevasa, nel cassetto del procuratore Palazzi), e cioè che la squalifica di 5 anni gli è stata inflitta solo per violazione dell'articolo 1, cioè per “slealtà sportiva”. Nella sentenza della Corte Federale ci si occupa anche del ben più grave articolo 6, ossia l'illecito sportivo, e il Tribunale del Lazio lo ricorda e lo ribadisce: “Per illecito sportivo – spiega il Tar – si è inteso qualificare e severamente sanzionare non solo l'avvenuta alterazione, con mezzi fraudolenti, del risultato di una partita, ma a monte e INNANZITUTTO, LA CREAZIONE DI UNA STRUTTURA SAPIENTEMENTE ARTICOLATA E FONDATA SI INTERESSATI RAPPORTI CON I CENTRI DECISIONALI DELLA FEDERAZIONE E DELLA CLASSE ARBITRALE” (il maiuscolo è nostro, n.d.r. ).

2) Quando il Tar parla di “struttura sapientemente articolata”, non fa altro che parlare della famigerata Cupola: che non è una creazione fantastica, una sorta di Sarchiapone del pianeta-calcio, ma il Centro di Inquinamento che ha avvelenato il calcio italiano dal giorno dell'avvento, nella stanza dei bottoni della Juventus, della leggendaria Triade composta da Moggi, Giraudo e Bettega. Funzione della struttura (leggi: Cupola) è stata quella, secondo il Tar, “di ingenerare a suo favore una situazione di sudditanza psicologica da parte sia degli arbitri, condizionandone l'operato a mezzo dello strumento delle designazioni affidate a persone facenti parte della struttura sopra citata, che delle altre società, boicottandole non solo sul piano strettamente competitivo ma anche su quello del mercato e delle acquisizioni”. Il tutto assicurando alla Juventus “la consapevolezza che in caso di bisogno non mancheranno tempestivi interventi idonei a fronteggiare eventuali situazioni di pericolo”.

3) A chiare lettere, il Tar spiega che Moggi aveva gli arbitri a proprio favore grazie al lavoro di vero e proprio lavaggio del cervello portato avanti, sui malcapitati, dai designatori Bergamo e Pairetto: insomma, l'aiuto arbitrale alla Juve non mancava mai. “Questa situazione – continua il Tar – è agevolmente realizzabile con il concorso di un arbitro compiacente e disponibile a non vedere all'occorrenza falli compiuti sul campo da giocatori della società protetta e a intervenire con severità su quelli, esistenti o no, imputati ai giocatori della squadra avversaria”. Il Tribunale fa chiaro riferimento alle “ammonizioni ad orologeria” distribuite scientificamente agli avversari più temuti, o a quelli sotto diffida, alla vigilia delle partite contro la Juventus. “In sostanza – spiega il Tar – l'illecito sportivo si configura come illecito di pericolo, a consumazione anticipata, concretandosi nel compimento, con qualsiasi mezzo, di atti funzionalmente preordinati ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara ovvero ad assicurare un vantaggio che si rifletterà nella classifica”.

4) Quante volte abbiamo sentito Moggi dire: “Hanno intercettato solo me e hanno manipolato strumentalmente il contenuto delle intercettazioni”? Ebbene, per i giudici del tribunale di Roma, “le intercettazioni hanno un inequivoco tenore”, sono “certamente sufficienti a supportare l'intero impianto probatorio” e “l'interpretazione del significato delle intercettazioni coinvolgenti Moggi è adeguatamente e logicamente motivata nelle decisioni degli organi federali”.

5) Il Tar dà torto a Moggi su tutti i fronti. E a proposito del presunto difetto di giurisdizione, il tribunale di Roma spiega che “le sanzioni in questione per la loro natura assumono rilevanza anche al di fuori dell'ordinamento sportivo ove solo si considerino non soltanto i riflessi sul piano economico (il ricorrente potrebbe essere chiamato a rispondere, a titolo risarcitorio, sia alla Juventus, società quotata in Borsa, che ai singoli azionisti), ma anche e soprattutto il giudizio di disvalore che da detta sanzione discende sulla personalità del soggetto in questione in tutti i rapporti sociali”.

Insomma, per farla breve: fermo restando il diritto di considerare Big Luciano, nonostante tutto, la Santa Maria Goretti del calcio italiano, per il Tar del Lazio Moggi e la Cupola sono stati la cancrena del calcio italiano e a buona ragione sono stati smascherati, squalificato (Moggi) e smantellata (la Cupola). Malavitosi che è meglio perdere che trovare.

Paolo Ziliani

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati