Ricerca personalizzata

lunedì 3 marzo 2008

Mancini rinuncia, Lavezzi galoppa e il Napoli ringrazia

Senza togliere meriti alla formazione azzurra, l'Inter ha lasciato completamente giocare l'avversario, costruendo poche palle gol. Tra una settimana c'è il Liverpool: riuscirà l'allenatore a svegliare la sua squadra dal suo gioco da "bella addormentata"?

Marco Liguori

Il Napoli ha riaperto il campionato? No, questo prodigio lo ha compiuto l’allenatore dell’Inter, Roberto Mancini, con una sola parola: rinuncio. Senza ovviamente togliere alcun merito alla prestazione della squadra azzurra, vittoriosa nel suo San Paolo (pieno di tifo e calore fondamentali per le riprese tv: capito cari presidenti?) per 1 a 0, in particolare all’inesauribile Lavezzi, al razionale Hamsik, ai lanci di Gargano, alla prestazione maiuscola di Mannini sulla fascia e di Santacroce in difesa. A ciò bisogna aggiungere che il 3-5-2 di Reya è insostituibile: se l’allenatore napoletano sa sole giocare così, va benissimo. E’ un modulo che si è dimostrato ancora una volta efficace con i suoi ripetuti contropiede: un’arma che, dopo Juventus e Roma (che domenica prossima sarà di scena a Fuorigrotta), si è rivelata micidiale anche contro la statica difesa dell’Inter.
Tornando a Mancini, questi ha commesso il più grave errore nella formazione. E’ vero che ha dovuto raschiare il fondo del barile della sua rosa di calciatori: ma aveva ancora uomini di classe e perciò maggiormente utili al proprio gioco. E invece ha alzato bandiera bianca davanti alla gioiosa macchina da guerra napoletana, che, se ha un suo tallone di Achille ben conosciuto: la difesa, che con le sue 40 reti subite (al pari di Atalanta e Palermo e migliore solo di Parma e Cagliari) non è certo brillante. Ma Mancini ha voluto gettare nella mischia l’inesperto Balotelli (il ragazzo ha tanta buona volontà, ma non può essere bruciato in partite delicate come quella di Napoli) e il titubante Maniche (decisamente poco utile alla manovra interista), adottando di fatto un 4-5-1 poco incisivo che ha lasciato grandi spazi nella pampa alle cavalcate di Lavezzi (con tanto di bolas, a mò di gaucho) e compagni. Se a queste mosse aggiungiamo la serata poco felice di Pelè, Vierà, Figo e Suazo, unita al tentativo goffo e maldestro nel primo tempo di Materazzi di buttare la palla alle spalle del suo portiere Julio Cesar, si capisce che il mix è risultato fatale. L’allenatore nerazzurro ha dunque voluto lasciare in panchina Crespo e Zanetti. Il primo dei due argentini avrebbe potuto in difficoltà la difesa partenopea per la sua maggiore esperienza. L’altro avrebbe potuto rinforzare un centrocampo che si è dimostrato asfittico di idee e incapace di arginare la manovra veloce dei partenopei. Il loro ingresso nel secondo tempo ha cambiato poco: la confusione e il marasma regnavano già sovrani nella formazione milanese. Lo si nota anche dal risicato numero di tiri in porta: nel primo tempo l’Inter ha tirato nello specchio una sola volta con Suazo su passaggio di Maicon e una seconda grazie all’azione solitaria di quest’ultimo con tiro finito sull’esterno della rete. Nel secondo tempo nulla. Insomma, sembra proprio che sia terminata la benzina alla Ferrari nerazzurra: il peggio è che è finita con i rincalzi a disposizione di Mancini. A proposito, in panchina a Napoli c’era Stankovic: avrebbe potuto essere collocato in campo nel secondo tempo, quando ormai occorreva giocare il tutto per tutto. Ma forse ormai non c’era più nulla da fare: l’allenatore campione d’Italia ha forse compreso che dalla sua squadra non poteva pretendere di più. E su tutto ciò grava l’ombra della gara di ritorno del Liverpool: se l’Inter continuerà a giocare come la "bella addormentata" si ritrova fuori dalla Champions League in un amen.
Un’ultima osservazione sull’arbitraggio di Rizzoli: il fallo da rigore di Julio Cesar su Gargano avrebbe dovuto essere rivisto alla moviola per notare che l’intervento era sulla palla prima ancora che sul piede del centrocampista napoletano. Sono sfuggiti al direttore di gara i ripetuti falli di Santacroce e quelli di Vieirà: sul finire, ha cominciato a tirare fuori il cartellino giallo a volontà sull’onda di un chiaro nervosismo. Occorrerebbe la moviola in campo con l’uso, come si fa nel basket, limitato a due volte nel corso della partita. Ma su questa proposta il numero uno della Fifa, Joseph Sepp Blatter, non ci vuole proprio sentire.

1 commento:

Anonimo ha detto...

ciao, marco
ci siamo visti durante la partita l'altra sera. apprezzo il tuo post, io come avrai notato sono un po' piu' calienton per quanto riguarda le partite dell'inter e la lucidita' mi difetta, un po' come suazo :))
resta valida la proposta di fare qualcosa insieme per rendere piu' popolari i tuoi ottimi articoli patrimoniali :)

ciao, nero

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati