Ricerca personalizzata

sabato 15 marzo 2008

Provateci voi ad avere una transazione senza interessi con una banca

Liberomercato 15 marzo 2008

Calcio & Finanza

La Lazio paga a rate e senza interessi i debiti con Profumo, restano quelli con l’Erario

Marco Liguori
La Lazio ha transato con Banca di Roma. Stando alla semestrale al 31 dicembre scorso, la società biancoceleste quotata a Piazza Affari ha sottoscritto il 13 febbraio scorso con Unicredit Banca d’impresa "in qualità di mandatari d’impresa" un accordo riguardante "tutte le posizioni aperte (finanziarie e non) al 31 dicembre 2007. L’importo complessivo è di 6,68 milioni, "con un risparmio di euro 5,18 milioni da pagare in otto rate trimestrali di euro 0,8 milioni ed una di euro 0,42". La transazione è favorevole per la Lazio, poiché è senza interessi. La controllata Lazio Marketing e Communication, proprietaria dei marchi e del ramo commerciale, garantisce l’operazione tramite "la cessione degli incassi futuri rinvenienti dai contratti con la Puma Italia scadenti rispettivamente al 30 giugno 2008 e 30 giugno 2012".
La semestrale presenta un utile civilistico di 860mila euro dovuto ai proventi della Champions league. Quello consolidato è di 4,65 milioni con patrimonio netto negativo di 18,93 milioni. La società ha problemi con il fisco: il 27 dicembre scorso l’Agenzia delle entrate ha notificato un avviso di accertamento a seguito di una verifica iniziata il 10 luglio 2007 sull’Irap dovuta sulle plusvalenze e minusvalenze calciatori. La Lazio spiega che da ciò "è emerso un rilievo consistente nel recupero di base imponibile Irap per 46,82 milioni, pari a imposte per circa 1,91 milioni". Come per altri due analoghi rilievi, sono state accantonate somme a fondo rischi. Il contenzioso Irap ha sospeso il rimborso di un credito Iva del 1998 per 5,42 milioni.
Il 4 ottobre scorso l’ex calciatore Mendieta ha trascinato la sua ex società dinanzi al Tribunale del lavoro di Roma. Egli ha chiesto il pagamento di 6,28 milioni, oltre interessi e rivalutazioni. Ha chiesto in subordine un risarcimento di pari importo per la risoluzione del contratto "viziata da dolo" e la refusione dei danni "per la conclusione del contratto con il Middlesbrough a condizioni deteriori rispetto a quelle esigibili". La Lazio ha giudicato infondate queste asserzioni e resisterà in giudizio.

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati