Ricerca personalizzata

domenica 31 agosto 2008

Roma-Napoli: 250 passeggeri hanno lasciato l'intercity per Torino

Resta un mistero il sovraffollamento di 150 tifosi, nonostante le quattro carrozze aggiunte e il controlli della Polizia se tutti possedessero effettivamente i biglietti per l'Olimpico

Circa 250 passeggeri del treno intercity Napoli-Torino delle 10,24 hanno dovuto lasciare il convoglio a causa delle intemperanze dei tifosi del Napoli. I viaggiatori hanno deciso di prendere altri convogli. Invece, secondo Trenitalia, solo cinquanta di essi hanno deciso di continuare il viaggio con i sostenitori azzurri sul treno partito con oltre tre ore di ritardo.
Sempre secondo Trenitalia ci sarebbero stati ritardi, tuttavia contenuti, per altri convogli a causa della partenza posticipata dell'Intercity. Quest'ultimo ha viaggiato con circa 150 passeggeri in più rispetto alla normale capienza, nonostante fossero state aggiunte anche altre quattro carrozze. Ciò sembrerebbe inspiegabile visto che i poliziotti avevano controllato chi aveva il biglietto per l'ingresso allo stadio Olimpico: in teoria, si sarebbe dovuto il numero esatto di sostenitori in partenza per Roma.
Trenitalia, anche ieri, aveva ribadito ai tifosi l'appello a non utilizzare il treno per recarsi a Roma, in virtu' del fatto che oggi e' una giornata da 'bollino rosso' anche per i treni, in considerazione dei rientri dalle vacanze.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, consentita solo dietro citazione della fonte)

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati