Ricerca personalizzata

martedì 30 settembre 2008

«Preziosi poteva evitare il crac del Como Calcio»

Tratto da Liberomercato - 17 Ottobre 2007
Dopo circa un anno, si è svolta ieri la seconda udienza del processo per il crack del Como Calcio presso il tribunale penale di Como. Non si sono presentati a difendersi dalle accuse di bancarotta fraudolenta i due imputati, l'’industriale ed ex presidente della società lariana (e attuale numero uno del Genoa) Enrico Preziosi e l’'ex amministratore unico Massimo D’Alma. Nell’'udienza di ieri si è registrato il ritiro di tre parti civili (l'’ex allenatore Roberto Galia e i calciatori Crisopulli e Rossini) ed è iniziata l’'audizione dei 41 testimoni. Tra quelli dell'’accusa si segnalano l'’ex direttore generale della Juventus, Luciano Moggi e il curatore fallimentare Francesco Corrado. Proprio la relazione preparata da quest'’ultimo costituisce uno dei cardini principali dell’'accusa. In essa si legge che «la Fingiochi spa è stata sino al 18/10/2003 socio di maggioranza sia del Como che del Genoa, Enrico Preziosi è stato presidente del cda del Como sino al 18/10/2003 e dal novembre 2003 nel cda del Genoa». Il curatore ha puntato l'’indice contro le operazioni di calciomercato svolte dalla dirigenza della società lariana. «Si ritiene pertanto che il presidente del cda del Como Calcio –- prosegue Corrado -– ben conosceva lo stato d’'insolvenza della società, operando con i passaggi tra Como-Modena-Genoa ha causato notevoli danni alla società Como distraendone cespiti attivi, con i quali avrebbe potuto coprire parte dell'’indebitamento». Sempre a proposito della compravendita calciatori, il curatore ha anche evidenziato che «le omesse rilevazioni relative ai giocatori, ai fini del bilancio hanno comportato la possibilità di nascondere il pesante risultato negativo». Corrado ha espresso anche i suoi dubbi per alcune «cessioni gratuite con pesanti conseguenze a carico del Calcio Como e gli enormi benefici per il Genoa Calcio, aggiungendo infine che è palese il contrasto di interessi esistenti trattandosi dello stesso soggetto».
Oltre agli atti processuali, c’'è anche una “chicca” contenuta nella relazione del collegio sindacale allegata al bilancio del Como chiuso al 30 giugno 2004. I tre componenti scrivono che nella riunione del 19 settembre 2004 «il collegio sindacale non è stato messo nella condizione di visionare tutti i libri sociali perché non disponibili presso la sede sociale». Ma i tre sindaci riportano anche di un particolare grave. «In merito alle verifiche extra contabili relative all’'affidabilità del sistema amministrativo contabile, il collegio sindacale NON ha ricevuto nessuna relazione dal responsabile amministrativo dott. D’'Alma Massimo».

Marco Liguori

lunedì 29 settembre 2008

Bilancio Lazio1/Patrimionio netto consolidato negativo per 9,84 milioni

Nonostante ciò, la società biancoceleste non deve provvedere alla ricapitalizzazione. L’utile di gruppo 2007/08 ha raggiunto i 13,8 milioni: ricavi +34,4%, costi +6,03%. L’esercizio è stato fortemente influenzato dalla partecipazione alla Champions League e dalla transazione con Unicredit-Banca di Roma

La Lazio ha chiuso l’esercizio 2007/2008 con un utile della capogruppo di 6,3 milioni di euro e un patrimonio netto positivo di 80,75 milioni. A livello consolidato la società di Claudio Lotito, quotata in Borsa, ha ottenuto un risultato positivo pari a 13,8 milioni e un patrimonio netto negativo per 9,84 milioni. Riguardo al bilancio della spa, la società spiega che il risultato di periodo «si decrementa di euro 93,43 milioni rispetto all’utile della stagione precedente, pari ad Euro 99,69 milioni». Tali risultati sono dovuti, si spiega nei documenti contabili, «principalmente ai proventi rivenienti dalla partecipazione alla Coppa Internazionale ed alla rinegoziazione dei contratti per la cessione dei diritti televisivi satellitari e digitali terrestri». C’è da evidenziare anche che un anno fa, la squadra biancoceleste ebbe una plusvalenza di 104,5 milioni, conseguita dalla cessione dei marchi e del ramo d’azienda commerciale alla neocostituita controllata al 100% SS Lazio Marketing & Communications: il risultato finale fu quindi influenzato da questa componente straordinaria molto particolare, poiché i marchi passarono dalla società madre alla sua controllata. In pratica, come se fossero stati spostati da una tasca all’altra dello stesso vestito. «Si segnala, tuttavia, che eliminando dal risultato della stagione 06/07 la plusvalenza di conferimento, pari a Euro 104,5 milioni, il risultato della stagione attuale, rispetto a quella precedente, migliora di Euro 11,07 milioni». Tuttavia, per avere un quadro più preciso della situazione della Lazio occorre esaminare il documento contabile di tutto il gruppo, che lo rappresenta come un’unica entità.
Ed è proprio il patrimonio netto negativo consolidato, sia pur migliorato di 14,15 milioni rispetto al 2006/07, che risalta come segnale di difficoltà. Esso significa che tutto il gruppo Lazio non ha mezzi propri, come già accadde l’anno scorso: nonostante ciò la società sottolinea che è «di tutta evidenza come la sussistenza di un patrimonio netto consolidato negativo non richieda gli interventi di cui all’art. 2447 codice civile», che prevede la riduzione e la ricostituzione dl capitale sociale. Tuttavia, la Lazio correttamente evidenzia che non ha l’obbligo di effettuare l’operazione di ricapitalizzazione, poiché essa è necessaria soltanto per le singole società del gruppo, nel caso in cui si trovassero con il patrimonio netto negativo.
Il documento sottolinea che l’esercizio è stato caratterizzato da tre eventi. Il primo è la transazione sottoscritta in data 13 febbraio 2008, tra la Lazio e la Unicredit Banca d’Impresa (mandataria di Banca di Roma), che prevede «il pagamento, da parte della S.S. Lazio S.p.A., di Euro 6,68 milioni, inserito nei debiti verso banche, con un risparmio di Euro 5,18 milioni, in otto rate trimestrali di Euro 0,8 milioni ed una di Euro 0,42 milioni, senza interessi». A seguito dell’accordo, il fondo rischi, che al 31 dicembre 2007 ammontava ad Euro 9,45 milioni, è stato stornato con un effetto positivo sui conti della società di Euro 4,07 milioni. L’altro evento riguarda l’«effetto negativo sulle imposte differite per la variazione delle aliquote fiscali Ires e Irap, per Euro 3,13 milioni». L’ultimo è costituito «dal pagamento anticipato, rispetto alla scadenza del 1 aprile 2009, della doppia rata prevista dalla transazione con l’Agenzia delle Entrate, mediante utilizzo del credito Iva». L’accordo con il fisco, siglato il 20 maggio 2005 per la rateizzazione in 23 anni del debito di 140 milioni, costituisce la vera e propria “assicurazione sulla vita” della Lazio per un duplice motivo. In forza dell’allora normativa vigente (cancellata in seguito) la società ha potuto regolarmente iscriversi negli anni successivo al campionato di serie A. Inoltre, ha avuto la garanzia che nessun creditore potrà presentare l’istanza di fallimento contro di essa: se lo facesse riceverebbe solo le briciole, poiché il fisco ha un privilegio assoluto su tutti gli altri. Questa assurda situazione è stata generata dalla legge, che ha anche consentito una dilazione delle somme così lunga: la Lazio ne ha solo chiesto giustamente e correttamente la sua applicazione. Da segnalare che, per effetto della transazione, i debiti tributari a oltre un anno sono diminuiti dai 80,6 milioni del 206/07 ai 72,8 milioni dell’ultimo esercizio. Le somme dovute al fisco entro l’anno sono invece aumentate da 7,8 milioni a 9,86 milioni. «Tale importo è principalmente riferito – si legge nel consolidato – a ritenute Irpef operate sui redditi di lavoro dipendente, di lavoro autonomo e di collaborazione coordinata-continuativa, debiti Iva ed alla quota entro i 12 mesi per Euro 4.122 migliaia che sono stati oggetto di rateizzazione con l’Agenzia delle Entrate».
Il documento contabile consolidato evidenzia anche «la qualificazione e relativa partecipazione al girone eliminatorio della Champions League». La partecipazione alla competizione ha generato un incasso di 16,6 milioni, provocando un incremento dei proventi televisivi per 27,82 milioni rispetto all’anno precedente. Anche i ricavi da gare ne hanno subito un incremento, pari a circa 3 milioni. Da registrare però il calo dell’11,98% del numero di spettatori complessivi per le partite di campionato, che ha superato i 415mila: l’incasso è stato di 6,88 milioni (-13,46%). Quest’anno però la Lazio non partecipa a nessuna competizione internazionale Uefa: mancheranno quindi questi cospicui introiti tra i ricavi. La società ha però già pensato come ovviare a ciò, come nel caso dell’apertura di punti vendita di propri prodotti in franchising a Valmontone e Frosinone. Inoltre la Lazio «ha elaborato ulteriormente il programma di realizzazione dello Centro Sportivo polifunzionale, con stadio di calcio, perfezionando i progetti tecnici, individuando le aree sulle quali potrebbe sorgere ed intensificando con le autorità competenti i rapporti ed i programmi finalizzati al rilascio delle autorizzazione ed alla conseguente materiale realizzazione». Non è indicato però quali siano precisamente le suddette aree per il nuovo impianto.
Il conto economico consolidato presenta ricavi per 102,5 milioni (+34,4%), mentre i costi sono ammontati a 52,7 milioni (+6,03%) con un risultato operativo di 33,9 milioni dopo ammortamenti (in cui spiccano gli oltre 10,4 milioni per quelle dei diritti alle prestazioni dei calciatori) e svalutazioni. Riguardo ai costi, quelli per i tesserati e i tecnici sono diminuiti del 6,52%, ma si nota l’incremento (+17,88%, 8,8 milioni) di quelli per servizi esterni. Tra essi spiccano i “costi specifici tecnici”, rappresentati in prevalenza da somme dovute ai procuratori dei giocatori, che sono ammontati a 3,4 milioni con una variazione più che sostanziosa del 75,82%.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Bilancio Lazio 2/Formello frutta 749mila euro a Lotito

Il presidente della società romana non ha percepito compensi nel 2007/08 per la sua attività di consigliere. Tuttavia ha incassato la cifra per la manutenzione e la guardiania del centro sportivo tramite due sue aziende: Gasoltermica Laurentina e Roma Union Security. La Lazio sottolinea che «tali transazioni sono state perfezionate nel rispetto della correttezza sostanziale e procedurale»

«Si segnala che il Consiglio di Sorveglianza ed il Consiglio di Gestione hanno rinunciato a percepire compensi». Ciò è riportato sia nel documento di bilancio 2007/08 della Lazio spa, sia nel consolidato. Le tabelle dei compensi della società biancoceleste e quelli della controllata SS Lazio Marketing e Communication hanno confermato l’affermazione riportata nella nota integrativa. Quindi, neppure il presidente dei consigli di gestione della Lazio spa e della sua controllata, Claudio Lotito, ha percepito somme per la sua attività di amministratore. Tuttavia, nel paragrafo riguardante le operazioni con le parti correlate è evidenziato che due società facenti capo al numero uno biancoceleste, la Roma Union Security srl e la Gasoltermica Laurentina spa, hanno ricevuto rispettivamente 383mila e 366mila euro. Il costo sostenuto dalla Lazio con la prima azienda ha «ad oggetto quasi esclusivamente la vigilanza del centro sportivo di Formello», si legge nel documento contabile. Invece, con la Gasoltermica Laurentina è stato sostenuto «un costo complessivo di Euro 366 migliaia, avente ad oggetto la manutenzione del centro sportivo di Formello». In totale, 749mila euro. Entrambe possiedono anche un rapporto di credito con la società biancoceleste: la Roma Union Security vanta una somma di 1,2 milioni di euro, mentre la Gasoltermica ne deve ricevere ancora 694mila. «Si segnala che tali transazioni sono state perfezionate – si legge nel bilancio biancoceleste – nel rispetto della correttezza sostanziale e procedurale».
Infine, nel prospetto Consob riguardante le azioni della Lazio detenute dai consiglieri di gestione e di sorveglianza si nota una particolarità. Ad eccezione del presidente Lotito (possessore indirettamente di 41,5 milioni di azioni) nessuno di essi possiede un solo titolo: il solo ex consigliere Giovanni Gilardoni ne aveva 20.646 fino al 20/10/2007, data di cessazione dalla sua carica. Sarebbe più opportuno che essi si dotassero di azioni della società da loro amministrata: darebbero un chiaro segnale al mercato di credere nel progetto Lazio.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

sabato 27 settembre 2008

Lettera aperta al ministro dell'Interno Roberto Maroni

Siamo un gruppo di giornalisti che vogliono esternare la loro incredulità per la decisione del Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive di vietare la trasferta ai tifosi partenopei in occasione di Genoa-Napoli di domenica 5 ottobre. Ma c’è di più: è stato deliberato di imporre la vendita di un solo biglietto riservato ai residenti in Liguria. E tutto questo nonostante un gemellaggio di antica data tra le tifoserie azzurra e rossoblù. Ci domandiamo quale episodio cruento sia accaduto in passato tra napoletani e genoani, a causa del quale il Casms ha deciso di punirli così duramente. Noi francamente non lo ricordiamo: invece, abbiamo ancora negli occhi le immagini della splendida festa del 10 giugno 2007, quando le due squadre furono promosse in serie A. Non ci furono disordini, scontri o incidenti. Allora perché è stato deciso questo “blocco”?
Con rispetto parlando, ci sembra che con questo provvedimento ci sia la volontà di colpire duramente la sola tifoseria napoletana, che sembra che funga da capro espiatorio per tutte. Allo stato attuale bisogna ancora capire cosa sia accaduto domenica 31 agosto in occasione di Roma-Napoli. I dubbi sono stati sollevati da numerose inchieste giornalistiche: una per tutte, quella pubblicata dall’edizione napoletana de “La Repubblica” del 13 settembre scorso, intitolata “Il giallo dell'Intercity sparito, indagini sui danni a Trenitalia”. Sabato scorso è stato accoltellato un tifoso della Reggina da un ultrà della Roma: è un episodio grave, ma finora non sono stati presi provvedimenti in merito. Invece, tutti i tifosi del Napoli indiscriminatamente devono subire il pugno duro: anche quelli che si comportano correttamente e civilmente allo stadio, i quali sono la maggioranza. In uno stato di diritto si punisce, con fermezza e decisione, soltanto coloro che si macchiano di comportamenti illeciti. Ma in questo caso anche gli innocenti sono puniti al pari dei rei.Le chiediamo che riesamini l’opportunità del provvedimento di blocco della trasferta a Genova, che penalizza a senso unico i sostenitori del Napoli. Confidiamo in un suo ripensamento: siamo certi che comprenderà che i tifosi napoletani non sono tutti esagitati, come i sostenitori di tutte le altre squadre italiane.
La salutiamo cordialmente
Marco Liguori (direttore de "il pallone in confusione")
Francesco Molaro (direttore di "Tuttonapoli.net)
Massimo Sergio (direttore di "Napolisoccer.net)

N. B. Il testo è reperibile anche sul link http://marcoliguori.blogspot.com/2008/09/lettera-aperta-al-ministro-dellinterno.html
La presente lettera è stata inserita sul link http://firmiamo.it/letteraapertaalministrodellinternorobertomaroni per ottenere le firme di adesione dei tifosi napoletani
I colleghi che lo desiderassero, possono aderire a questa lettera aperta firmando sul sito http://firmiamo.it/letteraapertaalministrodellinternorobertomaroni oppure sui siti http://marcoliguori.blogspot.com/, www.tuttonapoli.net, www.napolisoccer.net

venerdì 26 settembre 2008

Lettera a Maroni: 240 firme raccolte in un giorno

Anche molti genoani hanno sottoscritto la lettera aperta al ministro dell'Interno su http://www.firmiamo.it/. Il commento dei tifosi: «Vietare tutto perché non si sa risolvere nulla!»

In una sola giornata ben 240 persone hanno sottoscritto la lettera aperta al ministro dell'Interno, Roberto Maroni. Tra essi, numerosi messaggi di tifosi genoani. E' un dato molto importante, che testimonia l'importanza dell'iniziativa indetta dei tre quotidiani telematici il pallone in confusione, Tuttonapoli.net e Napolisoccer.net, ripresa da http://www.9online.it/ http://www.goal.com/ http://www.torinogranata.it/ http://www.calcionews.info/ http://www.wikio.it/, http://www.asromaultras.it/updates.htm,
che hanno voluto esternare la loro incredulità per la decisione del Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive di vietare la trasferta ai tifosi partenopei in occasione di Genoa-Napoli di domenica 5 ottobre. Ma c’è di più: è stato deliberato di imporre la vendita di un solo biglietto riservato ai residenti in Liguria. La partita tra il "grifone" e il "ciuccio", sia a Genova che a Napoli, è stata sempre motivo di festa: non se ne comprende il motivo dello stop non solo alle trasferte organizzate, ma anche ai singoli tifosi. E tra essi naturalmente vi sono anche le famiglie che si vorrebbero far entrare negli stadi, ma che in realtà con la raffica di divieti emanati ogni settimana restano tranquillamente nelle proprie case. Divieti che erano già vigenti con il precedente governo Prodi e che anche l'esecutivo Berlusconi prosegue in una perfetta logica bipartisan. Forse il Casms ha vietato la trasferta a tutti poiché teme episodi che accadano episodi incresciosi negli autogrill o nelle stazioni che si trovano nel percorso fino a Genova. Ma ciò è assurdo: lo vogliamo dimostrare con due metafore. Ci sono troppi morti sulle autostrade? Allora chiudiamole. I treni si scontrano e troppe persone muoiono? Allora sospendiamo il servizio sine die. E a proposito di autogrill, chiediamo con il dovuto rispetto al ministro Maroni, all'Osservatorio e al Casms quali provvedimenti si vogliono prendere nei confronti dei tifosi dell'Inter? Alcuni di essi si sono resi responsabili sabato 30 agosto (prima giornata di campionato) di una razzia in un ristorante posto sull'autostrada Milano-Genova, mentre tornavano dalla partita con la Sampdoria: erano in autobus, quindi in una trasferta organizzata. Perché per i sostenitori nerazzurri non è scattato l'analogo divieto imposto per Genoa-Napoli? E perché non sono stati presi provvedimenti contro la tifoseria della Roma, dopo che uno degli ultrà, noto alle forze dell'ordine per i suoi numerosi precedenti, ha accoltellato un pacifico tifoso della Reggina nelle immediate vicinanze dello stadio Olimpico? E non sarebbe stato meglio vendere i biglietti, come per tutte le trasferte, per Genoa-Napoli nel capoluogo campano dietro presentazione di un documento, in modo da poter identificare gli eventuali facinorosi? Domande che forse resteranno senza risposta per tutto il campionato. Forse ci stiamo sempre più mestamente avviando verso lo "stadio virtuale": niente pubblico sugli spalti, ma solo da casa a guardare le televisioni. Ma le tv hanno bisogno anche della coreografia per la perfetta riuscita dello spettacolo calcio. Altra osservazione. Anche i tifosi del Genoa saranno penalizzati dalla decisione dell'Osservatorio di vendere i biglietti ai soli residenti della regione Liguria: chi ne è al difuori, resta a casa al pari dei napoletani.
Tra le firme raccolte spicca l’opinione di un tifoso genoano, Andrea Zilliken: «Sig. Ministro, sono un tifoso del Genoa. L'amicizia che ci unisce con il Napoli è trentennale. i tifosi della Roma all'Olimpico accoltellano (punzonatura?) mediamente un tifoso a partita. (compreso un genoano l'anno scorso). E' l'ora di far qualcosa!». A proposito, ci sono molti napoletani a Genova e dintorni, come anche in tutte le città sedi delle squadre di serie A: sono considerati "buoni" solo per la loro residenza.
Tornando alla petizione, si ricorda che la si può sottoscrivere al link http://firmiamo.it/sign/list/letteraapertaalministrodellinternorobertomaroni: ricordiamo che sono rigorosamente vietati le doppie firme e i messaggi incivili, che finora sono stati davvero pochi. Tanti i messaggi per l'iniziativa. Oltre ai numerosi «solo Napoli paga per tutti» spicca l'episodio di sportività, accaduto al termine di Napoli-Palermo, segnalato da Carlo Capasso. Mercoledì scorso al San Paolo c'è stato «un piacevole scambio di saluti, strette di mano (mia personale) ed applausi tra napoletani e palermitani che, all'uscita dello Stadio al termine di Napoli-Palermo, attendevano di essere scortati in stazione». Antonio Lettera ha svolto due conti: «Credo che in curva ci siano almeno 2000 delinquenti, non è possibile penalizzare 3.500.000 fans della 4 squadra per numero di sostenitori in Italia e che con il numero di spettatori presenti da 3 anni al San Paolo fa levitare gli utili della Lega Calcio». Luigi Iodice avanza dubbi di costituzionalità sulle misure del Casms: «La vendita dei biglietti a carattere regionale va contro ogni principio democratico e costituzionale. Oramai siamo alla farsa "due pesi e due misure" dopo le menzogne mediatiche di Roma-Napoli». Francesco Cuccaro evidenzia che «bisogna evitare confusioni e non ghettizzare intere curve, comprendenti persone per bene e tifosi veri». Ha aderito anche un collega di Tuttomercatoweb, Stefano Sica.
Un cittadino siciliano, Vittorio Scavo, che si professa agnostico di calcio, scrive: «Non sono tifoso di nulla se non del calcio e noto come siano tante le discriminazioni a danno di certe squadre e tifosi tipo il Napoli». Ma forse il senso dei provvedimenti del Viminale sono racchiusi nella frase espressa da Cesare Risso di Chiavari: «Vietare tutto perché non si sa risolvere nulla!».
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

giovedì 25 settembre 2008

Clamoroso al Bentegodi: tifosi granata perdono l'inizio partita per blocco tornelli

Ecco il racconto dei sostenitori del Toro a "il pallone in confusione" che hanno perso la visione di 15 minuti della gara a Verona a causa dell'inefficienza dell'impianto di controllo. Nessun risarcimento parziale per i 23 euro pagati


Si bloccano i tornelli dello stadio Bentegodi e i tifosi granata perdono i primi 15 minuti della partita con il Chievo. L'increscioso episodio è stato raccontato a "il pallone in confusione" da alcuni sostenitori del Torino, che si erano recati a Verona ieri sera. Dunque una porzione dei 23 euro, compresi i tre euro dovuti ai diritti di prevendita per la Banca Popolare di Verona, sono andati in fumo. Nessun diritto di risarcimento, ovviamente. Il cittadino-tifoso, non colpevole per l'accaduto, non può avanzare alcuna pretesa in merito. Ma andiamo con ordine, poiché i lettori granata hanno segnalato una serie di disservizi all'esterno dell'impianto. A cominiciare dall'area di prefiltraggio adiacente al settore destinato ai tifosi ospiti, che risulta agevole solo per chi arriva con la propria automobile. I parcheggi sono in corrispondenza delle suddette aree. Invece, chi arriva a piedi deve compiere un lunghissimo giro, che fa perdere tempo e risulta pericoloso poiché per accedere ad esse bisogna attraversare una strada a scorrimento veloce. Inoltre, il corridoio di accesso tra l'area di prefiltraggio e l'ingresso dello stadio è molto stretto e risulta poco sicuro per l'afflusso delle persone.
Ma veniamo all'episodio che è costato la visione del primo quarto d'ora di partita. Mentre i sostenitori granata attendevano pazientemente in fila, accade l'imprevisto: i tornelli elettronici del settore ospiti impazziscono e segnalano tutti la luce rossa che inibisce l'accesso. La "processione" di ingresso si ferma: i minuti passano. Alle rimostranze di alcuni tifosi, gli steward rispondono accusando uno di essi, che avrebbe probabilmente cercato di entrare senza biglietto. Il condizionale è d'obbligo, poiché non ci sono prove in merito. Intanto, il tempo passava e nessuno poteva entrare nel Bentegodi: alcuni poliziotti hanno fatto sgomberare per precauzione il piccolo corridoio tra il prefiltraggio e i tornelli. Solo dopo circa 10-15 minuti gli impianti sono stati sbloccati. E così i fan del Toro hanno dovuto rinunciare a vedere i loro beniamini per diversi minuti: il tutto a spese del contribuente. Se accadesse in più stadi cosa potrebbe accadere?
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Lega Calcio: l'accordo per la mutualità con la serie B è una chimera

La serie A offre ai cadetti soltanto 72 milioni, inclusi i diritti soggettivi della Coppa Italia: non bastano, la pretesa è di 93 milioni. Galliani: «se scioperano, non è un problema della massima serie». Tutto si discuterà, per l'ennesima volta, l'8 ottobre in assemblea generale

Niente da fare. In Lega Calcio è trascorsa l'ennesima giornata senza risolvere nulla. Anzi, l'annosa questione della mutualità per la serie B, da cui dipende la sua sopravvivenza, è rimasta (come accade ormai da molti mesi) su un triste binario morto. L'assemblea generale straordinaria tenutasi nel pomeriggio le società di Serie A e della cadetteria non hanno trovato per l'ennesima volta l'accordo sulla divisione delle risorse: l'assise è stata rinviata a data da destinarsi. Si sono quindi tenute due separate assemblee informali di categoria. Come dire: ognuno per sé e Dio per tutti. Ma in serata è arrivato il colpo di scena: l'8 ottobre è stata convocata un'altra assemblea generale, dove ancora una volta si cercherà di trovare un accordo.
La serie B ha persistito nel suo "gran rifiuto" non accettando le offerte avanzate dai dirigenti della massima categoria. In particolare, la cadetteria pretende 93 milioni di euro, pari a circa 3 milioni in meno rispetto allo scorso anno, mentre la serie A, che può contare su 103 milioni, non è disposta ad andare oltre il 65% di questa cifra. A questo ammontare sono stati aggiunti i diritti soggettivi per la Coppa Italia. Calcolatrice alla mano: ciò equivale a una mutualità attorno ai 72 milioni di euro. Ma non è sufficiente. In una nota i presidenti della serie B hanno evidenziato «l' acclarata inadeguatezza economica sopravvenuta della delibera del febbraio 2006'' che attualmente stabilisce la somma che la serie A deve versare ai club di B». I dirigenti della seconda serie hanno sottolineato di essersi caricati di «una proposta che contemplava una ragionevole decurtazione del contributo accettando, in tal modo, una forte penalizzazione economica», ma «evidentemente lo sforzo effettuato non ha trovato l'adeguata condivisione, nei principi e nella sostanza, da parte della serie A». «La seduta - conclude il comunicato - si è conclusa con una promessa di intervento diretto del presidente della Lega Calcio Antonio Matarrese al fine di trovare, entro la prossima assemblea dell'8 ottobre, opportuna soluzione al problema, vitale per la sopravvivenza della categoria». Matarrese ha cercato di fare il pompiere sul fuoco assembleare: «Vogliamo evitare lo scontro, c'è tempo per riflettere e per riunirsi di nuovo».
Sull'atteggiamento dei presidenti della seconda serie è stato molto lapidario il vicepresidente vicario del Milan, Adriano Galliani. «Se la B decide di non giocare - ha spiegato il dirigente rossonero- è un problema che non riguarda noi e poi non vedo come possano fermarsi quando c'è una delibera in corso». Galliani ha poi aggiunto: «Stiamo offrendo più di quanto dice la delibera non saprei come la B potrebbe giustificare il fatto di non giocare dato che c'è una delibera che è in corso da tre anni. Mi sembrerebbe bizzarro ma ognuno fa quello che vuole nella vita». Mentre i presidenti medici litigano, l'ammalato calcio si aggrava: forse sta per arrivare in agonia.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

De Laurentiis: la responsabilità oggettiva va eliminata

«E' un principio che esiste dal 1933 e che ha fatto il suo tempo» ha dichiarato il presidente del Napoli

Finalmente Aurelio De Laurentiis si pronuncia contro la responsabilità. Stamattina, prima di entrare all'assemblea della Lega Calcio a Milano, ha definito come obsoleto questo principio della giustizia sportiva: esso prescinde dalle reali responsabilità delle società. E' chiaro il riferimento del presidente del Napoli per la sanzione della chiusura delle curve dello stadio San Paolo decisa dopo gli incidenti avvenuti in occasione di Roma-Napoli. «Non ci si può nascondere dietro il dito della responsabilità oggettiva, un principio che esiste dal 1933 e che ha fatto il suo tempo», ha dichiarato De Laurentiis al suo arrivo negli uffici della Lega in via Rosellini. 
De Laurentiis ha spiegato che «a scuola una volta c'era quell'antipatica situazione in cui una persona scriveva i nomi dei buoni e dei cattivi sulla lavagna. Coloro che adesso stanno facendo la stessa cosa nel calcio devono smetterla, essere piu' moderni e lasciare lavorare in pace le societa». «Sono successe delle cose, ma non con i tifosi bensì con persone che non hanno nulla a che fare con il tifo», ha proseguito De Laurentiis riferendosi agli incidenti della stazione Termini.
Il numero uno azzurro non ha lasciato cadere l'ipotesi di agitatori infiltrati con le sciarpe del Napoli: «Io posso andare sul luogo di un delitto e lasciare elementi di identificabilità per fuorviare. Ora basta sediamoci attorno a un tavolo e ognuno si prenda le proprie responsabilità: facciamo in modo che gli incidenti non accadano, e se accadono non gestiamoli con regole vecchie di oltre sessant'anni».

L’avvocato degli abbonati delle curve del San Paolo: non parteciperemo all’arbitrato Coni

Fabio Turrà spiega a “il pallone in confusione” che, per favorire l’accordo tra Napoli e Figc e nell’interesse dei tifosi, non intende sovrapporsi al ricorso principale

L’avvocato degli abbonati delle curve del San Paolo, Fabio Turrà, non si presenterà all’udienza dell’arbitrato del Coni per favorire l’accordo tra il Napoli e la Figc. Il legale, che si è visto oppore il diniego all’ammissione della presentazione dell’istanza per i suoi assistiti in sede di Conciliazione, spiega a “il pallone in confusione” che ha preso questa decisione innanzitutto per un motivo di ordine pratico. «Non presentare una nuova "istanza di ammissione all'intervento di terzi" – afferma Turrà - nel procedimento arbitrale che si terrà in settimana al Coni, malgrado l’art.10 comma 7 del Regolamento di tale organo giudiziario consenta l’intervento di terzi nell’arbitrato, come previsto anche dell’art.5 comma 10 per la procedura di conciliazione».
L’avvocato specifica che «le stesse ragioni, ossia passione e amore per lo sport e per la giustizia, che mi hanno spinto ad impegnarmi affinché venisse annullata o ridotta la sanzione subita dalla S.S.Calcio Napoli in via diretta, ma subita ancora di più dagli incolpevoli tifosi delle curve A e B, mi inducono questa volta a non partecipare all’arbitrato, anche perché la Camera del CONI si è già pronunciata con una decisione poco condivisibile in merito all’art.5 comma 10 del Regolamento». In pratica, il legale, dopo aver ricevuto un primo “no” dai conciliatori, rischierebbe di riceverne un altro anche in sede di arbitrato. L’organismo del Coni molto probabilmente addurrebbe come motivo il fatto che nel concetto di «terzi» di cui parla il regolamento non possono essere inclusi gli abbonati del Napoli. Concetto, a detta dell’avvocato Turrà, molto opinabile.
Il legale prosegue il suo colloquio con “il pallone in confusione” con una iniezione di ottimismo per l’esito del ricorso del Napoli. «Sono sicuro, infatti, che la società Calcio Napoli ha fatto e sta facendo tutto il possibile, anche nell'interesse dei propri sostenitori, per contrastare e/o attenuare la sanzione ingiustamente comminata dagli organi di Giustizia Sportiva. Sono cautamente ottimista per la riapertura “condizionata” delle curve per Napoli-Juventus». Turrà conclude con un’ulteriore motivazione giuridica del suo ritiro davanti all’ultimo grado della giustizia sportiva. «Sono riuscito nel mio intento di far sentire anche il peso, la determinazione e le sacrosante ragioni degli abbonati delle curve – sottolinea il legale – nel giudizio di conciliazione dinanzi alla Camera del Coni. Questo perché se è vero che gli stessi non sono stati ammessi in quell'udienza i giudici hanno letto attentamente ed hanno anche riflettuto sui motivi esposti nell'istanza da me presentata. Ritengo però strategicamente più giusto, in questa fase, evitare inutili sovrapposizioni difensive con il Napoli».
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Arbitrato Napoli-Figc per curve chiuse: udienza il 3 ottobre al Coni

In un comunicato stampa, la Camera di conciliazione e arbitrato per lo sport ha reso noto che è stata fissata per venerdì 3 ottobre, alle ore 15, presso gli uffici dello stadio Olimpico a Roma, l'udienza arbitrale relativa per la sanzione delle curve chiuse dello stadio San Paolo imposta dalla giustizia sportiva. Saranno di fronte il Napoli e la Federazione italiana gioco calcio. Il collegio arbitrale sarà composto dal presidente Dario Buzzelli e dagli avvocati Angelo Piazza e Marcello de Luca Tamajo, in qualità di arbitri. 
Come anticipato martedì scorso da "il pallone in confusione" non sarà presente Fabio Turrà, l'avvocato che rappresentava un gruppo di tifosi napoletani. Seguirà a breve la sua intervista.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

mercoledì 24 settembre 2008

Juventus: il ritorno in A costa un rosso di 20,8 milioni

La società bianconera aveva perso nella stagione in B solo 0,9 milioni. I ricavi, pari a 203,7 milioni, sono aumentati del 9,1%, ma sono stati sovrastati dai costi (+18,4%, pari a 174,5 milioni). Forte ascesa per quelli da personale tesserato da 95 a 112,7 milioni. Chiesta alla Lega calcio la rescissione del contratto di Andrade

Il ritorno in serie A costa molto alla Juventus. La società ha comunicato in una nota di aver chiuso l'esercizio 2007/08 con una perdita di 20,8 milioni: nella stagione precedente, disputata in B, aveva concluso con un risultato negativo di 0,9 milioni. L'assemblea degli azionisti è stata convocata per il prossimo 28 ottobre. 
Il conto economico presenta uno squilibrio nel risultato operativo pari a 10,3 milioni contro un saldo precedente positivo di € 6,5 milioni. La società spiega che ciò è «effetto principalmente dei minori proventi netti derivanti dalla cessione dei diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori e della svalutazione del diritto pluriennale alle prestazioni sportive del calciatore Andrade». E a proposito del calciatore portoghese, la società bianconera ha chiesto l'8 agosto scorso al Collegio arbitrale della Lega la risoluzione del suo contratto a causa di due gravi infortuni. «In considerazione dell’impossibilità di recupero del calciatore -si legge nel comunicato della Juventus - all’attività agonistica, la Società ha proceduto a svalutare integralmente il valore residuo del relativo diritto pluriennale con un effetto economico sull’esercizio 2007/2008 negativo per € 6,8 milioni».
I ricavi, pari a 203,7 milioni, sono aumentati del 9,1%. Si segnala il più che cospicuo introito da diritti televisivi, ammontato a 124,2 milioni per una variazione assoluta di 31,3 milioni sull'anno precedente. Ciò ha compensato il calo dei proventi da gestione calciatori, passati da 41,5 a 17,1 milioni. I costi sono lievitati del 18,4%, assestandosi sui 174,5 milioni. Tra essi spicca la robusta ascesa di quelli del personale tesserato da 95 a 112,7 milioni (+17,7 milioni).  «Gli ammortamenti e le svalutazioni dei diritti calciatori dell’esercizio 2007/2008 -prosegue la nota bianconera - sono complessivamente pari a € 32,3 milioni, in aumento rispetto a € 22,8 milioni al 30 giugno 2007, principalmente per effetto della svalutazione del valore di carico residuo del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Almeida Gomes de Andrade (€ 6,8 milioni) nonchè per effetto degli investimenti netti effettuati nel corso della Campagna Trasferimenti 2007/2008, parzialmente compensato dagli effetti del prolungamento dei piani di ammortamento dei diritti pluriennali alle prestazioni sportive di alcuni calciatori a seguito del rinnovo anticipato dei relativi contratti». La consistenza del patrimonio netto al 30 giugno scorso è di 95,4 milioni, in diminuzione rispetto a € 116,3 milioni dell'anno precedente «per effetto del risultato netto dell’esercizio (€ -20,8 milioni) e di altre variazioni minori per € -0,1 milioni» come segnalato dalla Juventus.
Infine, la società ha segnalato tra i fatti avvenuti dopo la chiusura dell'esercizio, che la prima fase della campagna acquisti (1° luglio-1° settembre) ha comportato acquisizioni per 38,7 milioni e cessioni per 6,4 milioni. Il saldo è positivo per 32,2 milioni.  «L’impatto economico nell’esercizio 2008/2009 relativo alle plusvalenze e minusvalenze - conclude il comunicato - da cessione di diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori sarà positivo per € 15,7 milioni. Gli acquisti e le cessioni a titolo temporaneo dei diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori hanno determinato un effetto economico-finanziario positivo per € 0,7 milioni».
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Respinto dal Tar Lazio il ricorso degli avvocati Cincotti e Manzo

Lo ha dichiarato a "il pallone in confusione" lo stesso Cincotti. Le curve dello stadio San Paolo resteranno chiuse sia stasera nella partita contro il Palermo, sia in occasione dell'incontro con la Juve

«Il Tar ha respinto il nostro ricorso d'urgenza». Lo ha dichiarato poco fa telefonicamente a "il pallone in confusione" l'avvocato Carlo Cincotti, che con il suo collega che assieme a Giampiero Manzo ha presentato, per conto di alcuni abbonati, l'istanza di sospensiva con urgenza al Tribunale amministrativo del Lazio contro la chiusura delle curve del San Paolo, stabilita dalla giustizia sportiva. Quindi la sanzione resta confermata sia per la partita contro il Palermo di stasera, sia per quella contro la Juventus del 19 ottobre prossimo. A questo punto occorre sperare nell'udienza dell'arbitrato davanti al Coni, dove saranno presenti il Napoli e la Figc, per ottenere lo "sconto" della riapertura dei settori per la sfida con la Vecchia Signora.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Lettera aperta al ministro dell’Interno Roberto Maroni

Siamo un gruppo di giornalisti che vogliono esternare la loro incredulità per la decisione del Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive di vietare la trasferta ai tifosi partenopei in occasione di Genoa-Napoli di domenica 5 ottobre. Ma c’è di più: è stato deliberato di imporre la vendita di un solo biglietto riservato ai residenti in Liguria. E tutto questo nonostante un gemellaggio di antica data tra le tifoserie azzurra e rossoblù. Ci domandiamo quale episodio cruento sia accaduto in passato tra napoletani e genoani, a causa del quale il Casms ha deciso di punirli così duramente. Noi francamente non lo ricordiamo: invece, abbiamo ancora negli occhi le immagini della splendida festa del 10 giugno 2007, quando le due squadre furono promosse in serie A. Non ci furono disordini, scontri o incidenti. Allora perché è stato deciso questo “blocco”?
Con rispetto parlando, ci sembra che con questo provvedimento ci sia la volontà di colpire duramente la sola tifoseria napoletana, che sembra che funga da capro espiatorio per tutte. Allo stato attuale bisogna ancora capire cosa sia accaduto domenica 31 agosto in occasione di Roma-Napoli. I dubbi sono stati sollevati da numerose inchieste giornalistiche: una per tutte, quella pubblicata dall’edizione napoletana de “La Repubblica” del 13 settembre scorso, intitolata “Il giallo dell'Intercity sparito, indagini sui danni a Trenitalia”. Sabato scorso è stato accoltellato un tifoso della Reggina da un ultrà della Roma: è un episodio grave, ma finora non sono stati presi provvedimenti in merito. Invece, tutti i tifosi del Napoli indiscriminatamente devono subire il pugno duro: anche quelli che si comportano correttamente e civilmente allo stadio, i quali sono la maggioranza. In uno stato di diritto si punisce, con fermezza e decisione, soltanto coloro che si macchiano di comportamenti illeciti. Ma in questo caso anche gli innocenti sono puniti al pari dei rei.
Le chiediamo che riesamini l’opportunità del provvedimento di blocco della trasferta a Genova, che penalizza a senso unico i sostenitori del Napoli. Confidiamo in un suo ripensamento: siamo certi che comprenderà che i tifosi napoletani non sono tutti esagitati, come i sostenitori di tutte le altre squadre italiane.
La salutiamo cordialmente

Marco Liguori (direttore de "il pallone in confusione)

Francesco Molaro (direttore di "Tuttonapoli.net)

Massimo Sergio (direttore di "Napolisoccer.net)


N. B.
Il testo è reperibile anche sul link http://marcoliguori.blogspot.com/2008/09/lettera-aperta-al-ministro-dellinterno.html
La presente lettera è stata inserita sul link http://firmiamo.it/letteraapertaalministrodellinternorobertomaroni per ottenere le firme di adesione dei tifosi napoletani
I colleghi che lo desiderassero, possono aderire a questa lettera aperta firmando sul sito http://firmiamo.it/letteraapertaalministrodellinternorobertomaroni oppure sui siti http://marcoliguori.blogspot.com/, www.tuttonapoli.net, www.napolisoccer.net

Sanzioni tifosi Napoli: politici, se ci siete battete un colpo

Il vicepresidente della Provincia di Verona si lamenta del mancato inserimento nella lista dei "buoni" dei tifosi del Chievo con il direttore dell'Osservatorio, che così tornano in "paradiso". A quando una nota di protesta ufficiale di esponenti napoletani per le inique sanzioni a cui è sottoposta la tifoseria azzurra?

Poco fa l'Ansa ha battuto la notizia che per l'Osservatorio sulle manifestazioni sportive del ministero dell'Interno la tifoseria del Chievo è ritornata tra quelle "buone". Anzi, per meglio precisare il direttore Domenico Mazzilli  ha scritto che «è sana e stimata» in una lettera al vicepresidente della Provincia di Verona Antonio Pastorello. La "retromarcia" del numero uno dell'organismo del Viminale è arrivata dopo che l'esponente politico si era lamentato alcuni giorni fa riguardo alla mancata citazione dei supporters del Chievo nella graduatoria delle "buone tifoserie" nel rapporto sul tifo, dove sono presenti i sostenitori di Lazio e Fiorentina. Ma leggiamo il carteggio tra i due. «Questi tifosi - ha affermato Mazzilli nella missiva - sono citati quale mero esempio di successo: dopo le intemperanze degli anni passati, hanno intrapreso un positivo percorso di dialogo sia con le istituzioni, sia nei confronti dei sostenitori delle squadre avversarie. Tra quelle "buone" è da includere senza dubbio - ribadisce il direttore - la tifoseria del Chievo, insieme alla maggioranza dei tifosi di tutte le altre squadre». Pastorello ha risposto affermando di essere «soddisfatto della celerità con cui il presidente Mazzilli ha risposto è importante constatare che l'esempio positivo della tifoseria del Chievo abbia una evidenza nazionale».
Dunque è bastata una "raccomandazione" di un politico a certificare il "bollino blu" della bontà dei tifosi del Chievo. Forse non sarebbe neppure servita: a memoria d'uomo non si ricordano episodi truci in cui siano stati coinvolti i sostenitori degli "asini volanti". Ma è stato necessario l'intervento del vicepresidente della provincia. In teoria potrebbe accadere anche per i tifosi del Napoli, in modo da ottenere un provvedimento di clemenza, visto che, anche da quanto documentato da inchieste giornalistiche, esistono ancora numerosi punti oscuri su ciò che è accaduto nel corso della giornata di domenica 31 agosto. Le responsabilità dei tifosi sono ancora tutte da dimostrare. Tuttavia, a parte le dichiarazioni del sindaco Rosa Russo Iervolino e del presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, non si sono sentite altre voci di politici napoletani in favore della squadra di De Laurentiis e della sua tifoseria: né dal centrodestra, né dal centrosinistra. Anzi, sarebbe stato più opportuno scrivere una lettera ufficiale di rimostranze al direttore dell'Osservatorio, come ha fatto Pastorello. Invece, non è accaduto nulla di tutto questo, purtroppo in una logica di indifferenza bipartisan. Neppure il Club Napoli Montecitorio, nato nel luglio 2007, ha dato segnali di vita. Intanto, il Napoli sta per terminare di scontare la squalifica delle curve del San Paolo chiuse e c'è stato il divieto di andare in trasferta a Genova per la partita con i "gemellati" rossoblù. Anzi, è vietato anche ai napoletani residenti in altre regioni, ad eccezione della Liguria, di recarsi allo stadio "Luigi Ferraris". A tutto ciò si aggiunge il divieto generale delle trasferte enunciato dal ministro Maroni. Politici napoletani, se ci siete, battete un colpo!
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Uefa: nuove norme contro il gioco duro

Proteggere i giocatori, proteggere l'immagine del calcio e garantire il rispetto: sono solo tre delle norme stilate dalla Commissione Arbitrale Uefa, in collaborazione con gli Istruttori del Programma di Assistenza Arbitrale Fifa Europeo, per la stagione 2008/09. Le norme, redatte dopo il meeting arbitrale di Nyon dovranno essere applicate in tutte le competizioni Uefa. I direttori di gara sono responsabili della sicurezza dei giocatori. Pertanto, devono identificare e punire le entrate commesse senza considerazione per la sicurezza dell'avversario, ma anche essere consapevoli dell'uso scorretto di braccia e gomiti, adottare provvedimenti severi contro trattenute, strattoni e spinte in area e applicare rimedi adeguati se vengono negate chiare occasioni da gol. Norma del vantaggio: agli arbitri è stato consigliato di apllicare la norma del vantaggio solo quando è di beneficio per la squadra che non attacca, poichè si ritiene che il possesso del pallone non sia necessariamente un beneficio. Si consiglia di ritardare il fischio per capire se possa svilupparsi un evidente vantaggio. Ad arbitri e assistenti è stato anche ricordato che hanno il compito di proteggere l'immagine del calcio. Per esempio, in caso di rissa in campo, i principali aggressori devono essere puniti severamente. Inoltre, non sono consentite perdite di tempo e la gara deve riprendere il più presto possibile. Proteggere l'immagine del calcio è anche l'obiettivo della campagna Respect della Uefa, che chiede a tutti gli addetti ai lavori - giocatori, allenatori, arbitri, dirigenti e tifosi - di rispettarsi reciprocamente. Di conseguenza, gli arbitri non devono accettare dissensi (anche solo verbali) e punire chi tenta di screditare la loro autorità o quella dell'assistente. Per quanto riguarda il rapporto tra direttori di gara e allenatori, i primi devono permettere agli occupanti dell'area tecnica di svolgere il proprio lavoro.
Tutti gli allenatori che si comportano in modo responsabile devono poter lavorare senza interferenze superflue. In caso di comportamento irresponsabile da parte di qualsiasi occupante dell'area tecnica, il quarto uomo deve informare l’arbitro, che provvederà con un richiamo verbale. Se tale comportamento dovesse persistere, il quarto uomo dovrà nuovamente informare l'arbitro, che espellerà il responsabile. Nei casi più gravi, l'arbitro ha facoltà di espellere anche senza un precedente richiamo verbale. Al seminario è stato concordato che le istruzioni prepartita devono assegnare chiaramente le responsabilità a tutti i direttori di gara. Gli assistenti arbitri, se in buona posizione, devono dare all'arbitro tutte le informazioni rilevanti (compresi i falli gravi, le condotte violente o i falli in area di rigore). Il sistema di comunicazione dovrebbe essere usato solo come supplemento alla bandierina e/o per fornire informazioni aggiuntive. Gli assistenti arbitri hanno inoltre esaminato vari casi di fuorigioco, che devono segnalare solo quando sono assolutamente sicuri. In caso di dubbio, la bandierina non deve essere alzata e si consiglia di adottare una prudente tecnica "di attesa". Gli arbitri, infine, devono essere risoluti e non agire su segnalazione dell'assistente in caso di errore palese. (Agi)

Ue: sponsorizzazione per la Nazionale, cartellino rosso per la Calabria

In particolare, sotto i riflettori della Commissione ci sono i finanziamenti elargiti alla Fondazione del calciatore Rino Gattuso

La Commissione europea ha chiesto chiarimenti alla Calabria sulla sponsorizzazione della Nazionale di calcio in occasione dei Mondiali e la Regione dovrà fornirli entro il 29 settembre prossimo. In particolare, Bruxelles avrebbe dubbi sui finanziamenti Ue che sarebbero stati dati alla Fondazione Gattuso. Lo ha precisato oggi, rispondendo ad una domanda dei giornalisti nel quotidiano briefing per la stampa, il portavoce della commissaria Ue alla Politica regionale Danuta Hubner, che non ha escluso, qualora venissero riscontrati abusi, anche il rischio ''cartellino rosso''. Oggi, la notizia, dopo un'interrogazione dell' europarlamentare Beniamino Donnici, è stata pubblicata anche sul quotidiano inglese Teleghraph. ''La Commissione ha chiesto alcuni chiarimenti su questo particolare investimento'', ha detto il portavoce Dennis Abbott sottolineando che quello ''nella Fondazione di Gattuso non sarebbe eleggibile al finanziamento''. La Calabria e il calciatore Rino Gattuso - ha aggiunto Abbott - ''saranno informati''. ''Le Regioni - ha spiegato il portavoce - hanno la possibilità di decidere circa l'utilizzazione dei fondi europei, ma questo non vuol dire che c'è la porta aperta a tutti gli abusi. C'è un audit nazionale ed europeo serio e se questo decide che non è possibile, c'è la Corte dei Conti e poi scatta il cartellino rosso e questo denaro dovra' essere restituito al contribuente europeo. Ma - ha concluso Abbott - attendiamo i chiarimenti entro il 29 settembre''. (Ansa)

Noi famiglia abbonata alla curva del Napoli, costretta a consegnare la tessera per acquistare un biglietto

Riceviamo dalla redazione di www.9online.it e pubblichiamo

Mi appello al vostro amore x la maglia azzurra, sono un abbonato di curva del Calcio napoli deluso x quanto stia accadendo, ma sopratutto deluso dalla sscnapoli e vi spiego io credo che l’abbonato debba essere sempre tutelato dalla società visto che è una persona che da fiducia ad una squadra ed una società dall’inizio del campionato , chi vi scrive è una persona nn appartenente a nessun gruppo ma che macina km e km con figlio e mogli per il suo napoli,
ultimi in albania con tutta la famiglia x seguire il napoli, dal primo giro della nascita del nuovo corso del napoli ho sotoscritto l’abbonamento subito ed oggi mi ritrovo a stare a casa x colpe non mie, allora a questo punto, visto che certi benefici di parlare con il calcio napoli o sono concessi a pochi eletti e no ad un abbonato come me comune mortale, se vai a Castelvolturno e non sei un giornalista o uno di quelli…………………..ti sbattono il cancello in faccia, chiedo alla vostra professionalità di poter mediare quanto segue, voglio consegnare i miei abbonamenti di curva cosi io e mia moglie veniamo cancellati dal DATA BASE e potremmo aquistare un biglietto, se siete ciò che io vedo x televisione, professionisti seri e ne sono certo non cestinate questa e-mail ma fatela girare al Calcio Napoli.
una famiglia abbonata di curva …….delusa
L. C.

"Il pallone in confusione" da oggi è testata quotidiana registrata al Tribunale di Milano

Da oggi "il pallone in confusione" è una testata quotidiana registrata con il numero 541 presso il Tribunale di Milano, con una media giornaliera di circa 1000 contatti e 1500 pagine viste.
Si ringraziano tutti i lettori, i colleghi e i siti di informazione che hanno contribuito al raggiungimento di questo importante traguardo.
Marco Liguori

Il fallimento del Como calcio

Tratto da mensile La voce della Campania – Gennaio 2007
In fondo al lago di Como c’è un mistero: il crac del Como Calcio. La società fu dichiarata fallita dal tribunale della città lariana il 22 dicembre 2004, dopo alcuni anni di travagliate vicende societarie. I pubblici ministeri hanno di seguito indagato sulle cause del dissesto, arrestando nel settembre 2005 un imputato eccellente: l’ex presidente Enrico Preziosi, titolare della Giochi Preziosi, con l’ipotesi di bancarotta fraudolenta. Quattro anni fa Preziosi – oggi in sella al Genoa che tenta la risalita in serie A – cercò di dare la scalata al Napoli, alle prese con la querelle Ferlaino-Corbelli e prima della disastrosa gestione Naldi. Gli ultimi, vorticosi passaggi di mano sono ancora al vaglio della magistratura penale, pm Vincenzo Piscitelli, il quale tra l’altro segue i clamorosi crac del gruppo Ambrosio e del Banco di Napoli, per molti versi collegati, visto che sono stati i crediti facili da mille miliardi e passa di vecchie lire a provocare le voragini nelle casse del Banco, poi svenduto alla BNL e quindi lautamente smistato al San Paolo di Torino. Ma torniamo in riva al lago. L’epilogo dell’inchiesta giudiziaria ha visto la successiva richiesta di giudizio immediato (ossia di ricorre re al dibattimento saltando l’udienza davanti al Gup) dell’ex numero uno del defunto Como. Insieme a lui deve essere giudicato, per l’ipotesi di concorso nella bancarotta, l’ex amministratore unico, Massimo D’Alma, che ha gestito la società nei mesi immediatamente precedenti al fallimento. Invece il primo successore di Preziosi, l’ex presidente Aleardo Dall’Oglio, ha patteggiato il 16 febbraio scorso la condanna ad un anno e quattro mesi di reclusione, con pena sospesa e un risarcimento di 500mila euro. Il processo contro Preziosi e D’Alma ha però subito uno stop improvviso già alla prima udienza, che si è tenuta lo scorso 5 dicembre presso il tribunale di Como. E’ stata riscontrata, in un’ordinanza del presidente del collegio giudicante Alessandro Bianchi, l’impossibilità di proseguire «a causa della riduzione di organico della sezione penale, aggravata dal recente trasferimento ad altra sede del magistrato che avrebbe dovuto presiedere l’odierno Collegio». Di conseguenza, il tutto è stato rinviato al 16 ottobre 2007.
Curatore contro
Ma facciamo un passo indietro: la relazione del curatore fallimentare Francesco Corrado, e un atto di transazione firmato da quest’ultimo con Preziosi, possono aiutare a comprendere alcuni aspetti della vicenda. Lo stesso Preziosi, nella transazione, specifica «di aver rivestito gli uffici di consigliere di amministrazione, presidente e consigliere delegato di Calcio Como spa, con sede in Como, in via Sinigaglia 2, nel periodo 16 luglio 1997-18 ottobre 2003». Ma, stando al rapporto del curatore, ciò non sembra esimerlo dalle sue responsabilità. Il primo punto cruciale nella relazione riguarda la riunione tra Corrado e D’Alma nel gennaio 2005. Il curatore chiese per iscritto all’amministratore unico del club comasco una relazione dettagliata in dieci punti sul fallimento della società. D’Alma rispose il 10 gennaio 2005, difendendo il suo operato: «Le cause del dissesto sono sicuramente anteriori alla mia durata in carica, viste le preesistenti perdite». L’amministratore prosegue spiegando che «al fine di abbattere parte delle perdite era prevista la rinuncia ai crediti dei soci verso la società, relativi ai precedenti finanziamenti pari a circa 2.500.000 euro, con l’aggiunta di un contributo di 300.000 euro ogni mese da parte di Preziosi e di un contributo annuo complessivo di circa 750.000 euro da parte di Dall’Oglio». D’Alma ha fornito anche informazioni riguardo al suo acquisto del pacchetto di maggioranza del Como dalla Lo. da.s r l. «Formalmente – scrive D’Alma – le azioni sono state rilevate il 21/6/2004 dalla Lo. da. indicandone il prezzo nominale, ma non effettuando nessun esborso in danaro. In realtà mi venne chiesto di svolgere il ruolo di amministratore unico della società; parallelamente, mi venne chiesto di acquistare nominalmente il 74,70% delle quote sociali con l’intesa che le stesse sarebbero state rivendute a terzi, con cui vi erano trattative in corso non perfezionate». Stando alla relazione del curatore, Lo. da aveva a sua volta rilevato l’8 ottobre 2003 il 99,7% del Como dalla Fingiochi, di cui Preziosi era azionista di riferimento. Scorrendo l’elenco soci in Camera di Commercio si ha una sorpresa: Lo. da. è posseduta quasi interamente da una fiduciaria, la milanese Pvm srl. Chi ci sia dietro la società resta un mistero: neanche il curatore fornisce informazioni in merito. Secondo le visure camerali Lo. da. ha un patrimonio da appena 10mila euro: ne è presidente Aleardo Dall’Oglio, nominato al vertice del Como nell’assemblea del 30 ottobre 2003.
Litigi preziosi
Dunque D’Alma deteneva il pacchetto di maggioranza del Como, in attesa dell’arrivo di partner freschi. Aggiunge che gli fu garantito che «sino al momento dell’ingresso dei nuovi soci, Preziosi e dall’Oglio avrebbero provveduto al fabbisogno finanziario della società». Ciò fu effettivamente eseguito. «Poi improvvisamente – prosegue D’Alma – a quanto mi venne detto dallo stesso Dall’Oglio, per dissidi sorti tra lui e Preziosi i finanziamenti cessarono». L’ex amministratore evidenzia che «la situazione della Calcio Como spa era già gravosa al momento del mio ingresso». Nonostante ciò, i suoi rapporti con Preziosi e Dall’Oglio «prima del mio ingresso si sono limitati ad un paio di incontri, mentre più continui sono stati i rapporti tra i loro e i miei consulenti che mi hanno assistito nei primi mesi di gestione». D’Alma conclude la sua relazione evidenziando che il debito verso i tesserati era così ingente «in quanto legato a contratti perfezionati per la quasi totalità in serie A, e non avendo la possibilità di pagarlo in un’unica soluzione, dato che Preziosi e Dall’Oglio avrebbero fornito i contributi promessi solo in tranches mensili, a seguito di trattative con atleti e loro procuratori, come di prassi nel mondo del calcio, è emersa la volontà comune di corrispondere un congruo acconto subito e di transare con dei titoli posdatati, confidando tutti nell’adempimento degli impegni assunti verso la società dai due finanziatori».
Incredibile ma vero. Tutto questo era necessario per ottenere le liberatorie da presentare presso la Lega, per l’iscrizione del Como al campionato di serie C1. In base all’esposto di D’Alma, il curatore fallimentare Francesco Corrado evidenzia come «sembrerebbe che le responsabilità del dissesto sarebbero da addebitare al Signor Dall’Oglio Aleardo e in particolare al Signor Preziosi Enrico». Preziosi ha dichiarato di aver richiesto il dibattimento per dimostrare fermamente la propria innocenza. Tuttavia c’è un documento che ne accerta le responsabilità riguardo al fallimento del Calcio Como: è proprio quell’atto di transazione con il curatore fallimentare, stipulato dall’ex numero uno lariano il 28 settembre del 2005, ossia pochi giorni dopo la notifica nei suoi confronti dell’ordinanza di custodia cautelare. Nel documento si legge che l’imprenditore avellinese «intende prevenire l’esperimento in confronto suo e del figlio Matteo Preziosi di azione di responsabilità ex art. 146 R.D. 16 marzo 1942, n. 267, da parte del fallimento Calcio Como anche in relazione al periodo successivo alla formale cessazione dalle cariche sua e del figlio». Inoltre, ha anche impedito al curatore l’esercizio di «possibili azioni revocatorie e/o risarcitorie verso Genoa Cricket and Football Club spa» posseduta attualmente da Enrico Preziosi. A seguito di questo atto, la curatela non si è neppure costituita parte civile nel giudizio penale. Nella transazione è previsto il «risarcimento della quota-parte dei danni causati dal proponente e dal signor Matteo Preziosi alla società dichiarata fallita e ai creditori di questa e riferibile ai soli signori Enrico Preziosi e Matteo Preziosi determinata in complessivi 5.500.000 euro».
È dalle relazioni del collegio sindacale che arrivano, infine, le chicche forse più "preziose". La relazione allegata al bilancio del Como chiuso al 30 giugno 2004, l’ultimo prima del fallimento, evidenzia un vero e proprio festival delle irregolarità. A causa di queste i tre componenti, Adolfo Accarino, Guido Campopiano e Giovanni Anastasio, avevano espresso nel loro documento, datato 22 novembre 2004, parere contrario all’approvazione del bilancio. I sindaci premettono che sono stati nominati il 20 giugno 2004, a pochi giorni dalla chiusura dell’esercizio e si sono trovati «nella materiale impossibilità di verificare la vita sociale, contabile e amministrativa del Calcio Como spa, in quanto tale compito era di competenza del precedente collegio sindacale». Il successivo 19 settembre i sindaci procedono alla verifica trimestrale e denunciano che «in quella riunione il collegio sindacale non è stato messo nella condizione di visionare tutti i libri sociali perché non disponibili presso la sede sociale». Ma c’è anche un particolare grottesco. I tre, infatti, segnalano che la relazione per la verifica «NON è stata trascritta nel libro dei verbali del collegio sindacale perché lo stesso era custodito presso il dott. Plazzotta Marco, precedente presidente del Collegio Sindacale». Il rilievo seguente è stupefacente. «In merito alle verifiche extra-contabili – prosegue il collegio – relative all’affidabilità del sistema amministrativo contabile, il collegio sindacale NON ha ricevuto nessuna relazione dal responsabile amministrativo dott. D’Alma Massimo». I tre sindaci segnalano che la società lariana al precedente 30 giugno evidenziava una perdita di 8,2 milioni che aveva eroso il capitale sociale. Di conseguenza, gli "sceriffi" consigliano il ripianamento immediato della perdita e la ricostituzione del capitale.
Creditori vip
Anche la Gea World risulta nell’elenco dei creditori ammessi al passivo del fallimento del Como ammontante a oltre 16,6 milioni, mentre gli esclusi ammontano a 10,6 milioni. La società già presieduta da Alessandro Moggi è stata «ammessa al chirografo per euro 121.836». Nell’elenco risultano alt re società di procuratori o agenti di calciatori tutti creditori chirografari: Stefano Antonelli per 81.539 euro ed escluso per 16mila euro, Branchini & Associati per 41.879 euro ed escluso per 8mila, Silvano Martina per 41.489 euro. C’è anche la Sir di Genova del procuratore Vincenzo Rispoli «ammessa al chirografo per euro 360.228» ed esclusa per 34mila euro. Un altro "re" del mercato, Claudio Pasqualin, è stato escluso per 607mila euro. Anche Publitalia ‘80 è rimasta coinvolta con un credito chirografaro per oltre 48mila euro. Ovviamente sono compresi anche i calciatori. In particolare, vi sono i sei che si sono costituiti parte civile ammessi: Mauro Bressan, Alessandro Colasante, Daniele Gregori, Francesco De Francesco, Luigi Crisopulli e Stefano Rossini, il solo che vanti un credito privilegiato. I primi quattro sono stati riconosciuti creditori chirografari «in quanto la prova del credito è data da un assegno, titolo che per sua natura non reca alcun collegamento funzionale con la prestazione di lavoro che risulta soddisfatta in data 6/7/2004 e come da libera toria sottoscritta dal richiedente». I calciatori non sono stati ammessi per alcuni importi per la mancata ratifica dell’accordo con il Como. Anche Crisopulli è stato escluso per 152mila euro per lo stesso motivo. Nell’elenco compare anche l’ultimo allenatore del Como, Roberto Galia, altra parte civile. Infine, ci sono anche due big del foro: gli avvocati Eduardo Chiacchio e Ruggero Stincardini. Il legale napoletano è stato riconosciuto creditore privilegiato per 116mila euro e chirografaro per 7150 euro per "indennità di trasferta", mentre Stincardini è privilegiato per 116mila euro, chirografaro per 15mila ed escluso per 27mila euro.
Marco Liguori


martedì 23 settembre 2008

Quant’è cara San Siro per Moratti: 37mila euro da Saras all’Inter per i biglietti

La cifra è evidenziata nel bilancio 2007 della società di raffinazione esaminato da "il pallone in confusione": non è specificato se i tagliandi siano stati dati ai dipendenti oppure anche a terzi, né a quale ordine di posto si riferiscano. Nel prospetto della quotazione a Piazza Affari sono evidenziati i conflitti d’interesse con Banca Intesa e Jp Morgan

La perizia dei Pm del tribunale di Milano, riportata oggi dal quotidiano “La Repubblica”, ha evidenziato un valore gonfiato per la quotazione, avvenuta il 18 maggio 2006, in Borsa di Saras probabilmente destinati a coprire i debiti dell’Inter. L’esame dei bilanci e del prospetto dell’ammissione al listino dell’azienda di Massimo e Giammarco Moratti, svolto da "il pallone in confusione", evidenzia una serie di intrecci che rappresentano potenziali o dichiarati conflitti d’interesse, i quali, allo stato attuale della normativa, non hanno alcun rilievo penale. Esiste soltanto l’obbligo di evidenziarli per le società quotate a Piazza Affari. Ma anche nei bilanci di Telecom Italia, di cui Massimo Morati è stato azionista e consigliere di amministrazione, non mancano le sorprese. E in entrambi i casi c’entra anche la Fc Internazionale, posseduta sempre da Massimo Moratti.
Stando al bilancio consolidato 2007 del Gruppo Saras, la squadra nerazzurra è inclusa nel prospetto delle «transazioni intervenute con parti correlate». La società di raffinazione petroli della famiglia Moratti ha pagato 37mila euro all’Inter per «acquisto biglietti ingresso per manifestazioni sportive». La cifra pagata, anche se ha avuto uno scarso impatto economico sui conti Saras, pari allo 0,01%, è comunque cospicua. Identica percentuale anche nel 2006, per un importo di 35mila euro. Nel documento contabile non è specificato il tipo di posti dello stadio di San Siro. Inoltre, non è stato dichiarato se siano stati destinati a dipendenti del gruppo Saras o anche a soggetti terzi ad esso. Se fosse vera quest’ultima ipotesi, forse potrebbero essere stati elargiti per un atto di munificenza dal presidente dell’Inter ad alcuni fortunati.
Esiste anche un nesso tra Telecom Italia e Fc Internazionale. Massimo Moratti ne è stato consigliere di amministrazione della società di telefonia dal 6 maggio 2004 sino al 16 aprile 2007. L’Inter ha avuto una serie di rapporti correlati con Telecom, stando al bilancio consolidato 2007 di quest’ultima, all’epoca controllata da Marco Tronchetti Provera. Nel documento contabile è evidenziato che l’ex monopolista telefonico ha speso «euro 2 milioni (euro 2 milioni nell’esercizio 2006), a costi di sponsorizzazione e di “content provider” da F.C. Internazionale Milano S.p.A. - società correlata per il tramite del Dott. Moratti». Inoltre, Telecom aveva con la squadra nerazzurra 2 milioni per «debiti relativi ad attività di sponsorizzazione». Moratti ha lasciato la Telecom per scadenza del suo mandato: i rapporti con l’Inter sono proseguiti fino al 30 giugno 2007.
E giungiamo così all’operazione di quotazione, oggetto dell’indagine della Procura della Repubblica di Milano. A pagina 151 del prospetto informativo è evidenziato che i due fratelli, definiti «azionisti venditori» nel documento di offerta pubblica di vendita e sottoscrizione delle azioni Saras, all’epoca della quotazione erano soci di Banca Intesa. Il «responsabile del collocamento ovvero sponsor» dell’opv era Banca Caboto, facente parte proprio del Gruppo Intesa. Ma c’è di più. A pagina 44 del documento è stato dedicato un paragrafo sul «rischio relativo al conflitto di interessi con Banca Caboto e Banca Intesa». In esso è evidenziato che «Banca Caboto, che agisce in qualità di Co-Global Coordinator, sponsor responsabile del collocamento, in relazione all’offerta al pubblico indistinto, ed in qualità di Co-Lead Manager, in relazione all’offerta istituzionale, si trova in una situazione di conflitto d’interesse in quanto facente parte del Gruppo Intesa». Dopo questo chiaro preambolo, il prospetto spiega quali sono questi elementi che compongono il conflitto d’interesse. «Tra il Gruppo Intesa, Saras e le altre società del gruppo di appartenenza dell’emittente (ossia di Saras ndr), esistono consolidati rapporti di natura creditizia e commerciale. In particolare Banca Intesa ha in essere, alla data del 28 febbraio 2006, rapporti creditizi nei confronti dell’emittente e di altre società del gruppo di appartenenza pari a circa euro 103 milioni. Alla stessa data, i rapporti di natura creditizia con Sarlux erano pari a euro 49 milioni». In totale, alla data del collocamento, l’esposizione del gruppo Saras con il Gruppo Intesa era di 152 milioni. «Si evidenzia inoltre che è stato costituito un diritto di pegno – si legge sempre nel prospetto – sulle quote di Sarlux a favore e in garanzia di un pool di banche, tra le quali Banca Intesa, in relazione al project finance» acceso in favore di Sarlux. Esso è servito a finanziare la costruzione e gestione di un impianti di gasificazione integrata a ciclo combinato. Inoltre, riporta sempre il prospetto di quotazione, «il Gruppo Intesa presta servizi di natura creditizia a favore di Massimo Moratti, uno degli azionisti venditori. Banca Caboto si trova in una situazione di conflitto d’interesse in quanto garantirà insieme ad altri intermediari il collocamento delle azioni oggetto dell’offerta globale». Il rapporto con Intesa (adesso Intesa Sanpaolo), stando al bilancio al 31 dicembre 2007 del gruppo Saras, è proseguito ed è molto solido. La controllata Sarlux risulta avere un’esposizione con l’istituto milanese per 158,9 milioni: l’importo più elevato di tutto il gruppo su 293,9 milioni di indebitamento bancario complessivo. Infine, il prospetto evidenzia che Jp Morgan (coordinatore dell'offerta globale e Lead Manager del collocamento istituzionale), «si trova in potenziale conflitto d'interessi in quanto ha fornito ed intende eventualmente fornire in futuro servizi finanziari al Gruppo Saras nell'ambito della propria attività ordinaria».
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

lunedì 22 settembre 2008

Asca: TAR LAZIO CONFERMA CHIUSURA CURVE SAN PAOLO NAPOLI (2)

ASCA (SPR) - 22/09/2008 - 19.18.00
CALCIO: TAR LAZIO CONFERMA CHIUSURA CURVE SAN PAOLO NAPOLI (2)
ZCZC ASC0202 1 SPR 0 R03 / +TLK XX ! 1 X CALCIO: TAR LAZIO CONFERMA CHIUSURA CURVE SAN PAOLO NAPOLI (2) = (ASCA) - Roma, 22 set - ''Il Tar ha respinto il nostro ricorso d'urgenza nel merito poiche' ha spiegato che non ci sono gli estremi'', ha spiegato a 'Il pallone in confusione' l'avvocato Carlo Cincotti, che assieme a Giampiero Manzo ha presentato, per conto di alcuni abbonati, l'istanza di sospensiva con urgenza al Tribunale amministrativo del Lazio contro la chiusura delle curve del San Paolo, stabilita dalla giustizia sportiva. ''Il magistrato non ha voluto scendere nel merito - ha continuato il legale - pero' proprio mercoledi' prossimo arriva la sfida tra Napoli in casa col Palermo e sara' molto difficile che si possa giungere alla riapertura delle curve, qualora il Tar lo sentenziasse. Questo perche' la trattazione del nostro ricorso in udienza dovrebbe avvenire presumibilmente attorno alle 13: la partita inizia alle 20.30 e quindi e' impossibile che gli abbonati possano accedere ai propri posti''. Il legale ha concluso tenendo accesa un'ultima speranza: ''Resta soltanto l'apertura dei settori in occasione della partita con la Juventus, sperando sempre che il tribunale accolga le nostre ragioni''. red/sam/alf 221917 SET 08 NNNN

Avvocato Cincotti: «Se mercoledì il Tar accogliesse il ricorso, curve aperte solo con la Juve»

Parla il legale a "il pallone in confusione". Dopo che il presidente del Tar Lazio ha respinto con decreto monocratico il ricorso d'urgenza per cancellare la chiusura dei settori del San Paolo, il tribunale si riunirà dopodomani collegialmente. Ma l'eventuale apertura non potrà essere operativa per la concomitante parita Napoli-Palermo

«Il Tar ha respinto il nostro ricorso d'urgenza nel merito poiché ha spiegato che non ci sono gli estremi». Lo ha spiegato in esclusiva a "il pallone in confusione" l'avvocato Carlo Cincotti, che assieme a Giampiero Manzo ha presentato, per conto di alcuni abbonati, l'istanza di sospensiva con urgenza al Tribunale amministrativo del Lazio contro la chiusura delle curve del San Paolo, stabilita dalla giustizia sportiva. Il presidente Italo Riggio ha emesso un decreto in cui si evidenzia che «non sussistono i presupposti per l'intervento presidenziale, derogatorio della collegialita». Nel provvedimento è stata fissata l'udienza per dopodomani, in cui il Tar deciderà in modo collegiale sul ricorso, in cui si sottolinea che la chiusura delle curve è una sanzione sproporzionata che penalizza fortemente gli abbonati delle curve A e B. «Il magistrato non ha voluto scendere nel merito - prosegue l'avvocato Cincotti - però proprio mercoledì prossimo arriva la sfida tra Napoli in casa col Palermo e sarà molto difficile che si possa giungere alla riapertura delle curve, qualora il Tar lo sentenziasse. Questo perché la trattazione del nostro ricorso in udienza dovrebbe avvenire presumibilmente attorno alle 13: la partita inizia alle 20.30 e quindi è impossibile che gli abbonati possano accedere ai propri posti». Il legale conclude tenendo accesa un'ultima speranza: «Resta soltanto l'apertura dei settori in occasione della partita con la Juventus, sperando sempre che il tribunale accolga le nostre ragioni». 
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Ferimento tifoso Reggina: confermato arresto per ultrà Roma

Arresto convalidato con detenzione in carcere per il tifoso ultrà romanista Fabio Testadiferro che la sera di sabato scorso ha ferito con una coltellata un tifoso della Reggina poco prima dell'incontro di calcio in programma allo stadio Olimpico. Lo ha deciso il giudice monocratico del Tribunale di Roma che contesta all'imputato, processato per direttissima, l'accusa di lesioni gravi, la detenzione abusiva e l'uso di coltello di genere proibito. Nel corso dell'udienza di convalida svoltasi oggi davanti alla Sesta sezione penale del Tribunale è emerso che Testadiferro è alcolista, ha vari precedenti per detenzione di armi bianche. Secondo il giudice se fosse tornato libero ci sarebbe stato il pericolo di reiterazione del reato considerati appunto i precedenti dell'imputato. Dopo la convalida il processo è stato rinviato al 1 ottobre prossimo e nel corso dell'udienza saranno sentiti gli agenti che avevano arrestato l'uomo e anche testimoni, uno dei quali al momento del fatto era vicino alla persona ferita. Dopo l'arresto in un motorino di proprieta' di Testadiferro fu trovato anche un coltello.
(Adnkronos)

Arresto tifoso Roma: il Viminale prenda provvedimenti

Riceviamo e commentiamo un comunicato di Napolisoccer.net. Dopo l'aggressione di sabato scorso di un tifoso della Reggina da parte di un ultrà giallorosso, si attendono provvedimenti immediati dal ministro Maroni, dall'Osservatorio e dal Casms nei confronti della tifoseria capitolina: come hanno già stabilito per la tifoseria napoletana

La vicenda dell'accoltellamento del tifoso della Reggina ad opera di un ultrà giallorosso merita un commento. E questo anche alla luce del comunicato della redazione del sito Napolisoccer.net che pubblichiamo di seguito.
Da quanto letto ieri sulle agenzie, l'aggressore del tifoso calabrese, che non è risultato essere un pericoloso ultrà armato, era un personaggio ben noto alla polizia della capitale. Citiamo per tutte l'Agi: «L'aggressore era già stato tratto in arresto per lancio di oggetti e fumogeni contro le forze dell'ordine in occasione del derby Lazio-Roma del 21 marzo del 2004, nonché per il porto di un coltello a serramanico e per questo sottoposto alla misura del divieto di accesso per tre anni ai luoghi ove si svolgono competizioni sportive». Ma c'è di più. «La perquisizione del motorino con il quale T.F. era andato allo stadio ieri sera, ha permesso di trovare nascosti nel portaoggetti sotto la sella quattro coltelli. Altri quattro coltelli e un pugnale sono stati trovati nella sua abitazione». Sono in corso ulteriori indagini da parte della Digos e del Commissariato della zona Prati per verificare la sua responsabilità in altre aggressioni.
Sicuramente il "tifoso" giallorosso riceverà la sanzione del Daspo per cinque anni: ma non è sufficiente, considerato che è plurirecidivo e ben noto alle forze dell'ordine. Dopo i fatti del 31 agosto scorso, i tifosi del Napoli sono stati sanzionati con il divieto di trasferta per tutto il campionato dal Viminale. Questa punizione è stata impartita il 2 settembre dal ministro dell'Interno, Roberto Maroni, in persona, nonostante ci siano una considerevole serie di dubbi sollevati, attraverso una serie di documentate inchieste giornalistiche, da "il pallone in confusione", da Antonio Corbo de La Repubblica, Canale 9, Calcionapoli1926, Radio Marte, Napolisoccer.net, Tuttonapoli.net, Pianetanapoli.it e Napolimagazine.com. Un provvedimento che, almeno finora, sembra più l'effetto di una decisione presa su un'onda emozionale, piuttosto che una sanzione stabilita razionalmente e, soprattutto, con equità.
A questo punto si spera che, dopo l'aggressione di sabato scorso, il Viminale prenda provvedimenti drastici, visto che Maroni ha annunciato più volte sin da prima dell'inizio del campionato la «tolleranza zero» verso i violenti degli stadi. Un "manifesto" ribadito anche dall'Osservatorio per manifestazioni sportive e dal Casms. Ci si attende dunque un atto di coerenza da tutti i rappresentati della tutela dell'ordine pubblico. Si spera quindi che non si applichino due pesi e due misure: ciò che è stato fatto per i tifosi napoletani, va fatto anche per tutti gli altri.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Inviato da Napolisoccer.net
Equità di giudizio?
Da involontari protagonisti ad attenti spettatori, ora aspettiamo le decisioni del CASMS.
Napoli, il Napoli ed i tifosi azzurri, vittime involontarie del comportamento di pochi esagitati, ora attendono gli sviluppi di quello che è l'ennesimo episodio di accoltellamento in occasione di partite casalinghe della Roma. E' giunto il momento di capire se Napoli, il Napoli ed i tifosi azzurri sono vittime predestinate oppure se la legge è veramente uguale per tutti.
La cronaca racconta di un accoltellamento nelle immediate vicinanze dell'Olimpico di un tifoso della Reggina. Addirittura è stato arrestato l'aggressore, riconosciuto con certezza in Curva Sud e già noto alle forze di polizia come appartenente ad un gruppo ultras. I fatti sono chiari ed assodati, l'aggressore è stato individuato in curva e monitorato per tutto l'incontro con le telecamere. Al termine della partita, durante il deflusso degli spettatori, è stato bloccato ed arrestato. L'uomo era già noto per fatti analoghi, in quanto era stato arrestato per lancio di oggetti e fumogeni contro le forze dell'ordine in occasione del derby Lazio-Roma del 21 marzo del 2004, nonchè per il porto di un coltello a serramanico e per questo sottoposto alla misura del divieto di accesso per tre anni ai luoghi ove si svolgono competizioni sportive.
Ed ora si attendono le decisioni del CASMS e del ministro Maroni che sicuramente saranno proporzionate alla gravità del fatto ed equamente applicate così come in occasione dei fatti di Roma-Napoli.
Napoli, il Napoli ed i tifosi azzurri seguiranno la vicenda!
Redazione Napolisoccer.NET
http://www.napolisoccer.net/3791/ed-ora-attendiamo-equita-di-giudizio-e-proporzionalita-nella-sanzione/

domenica 21 settembre 2008

Il Milan straccia la Lazio anche con le statistiche

Molto elevata la pericolosità dei rossoneri, pari a 87,9% contro appena il 42,1% dei biancocelesti. Diavolo ad alto rendimento nelle conclusioni: quattro reti su 15 tiri totali di cui nove in porta

Oltre al 4-1 finale, anche le statistiche Panini Digital-Lega Calcio affermano che stasera il Milan è passato come un rullo compressore sulla malcapitata Lazio. Innanzitutto l'alto rendimento nei tiri in porta: su 15 complessivi (di cui cinque di Kakà, tre di Borriello e tre di Pato), nove sono giunti nello specchio della porta e quattro sono passati alle spalle del portiere biancoceleste Carrizo. La Lazio ha effettuato solo cinque conclusioni in porta su 13 complessive, con un gol. Impressionante il numero di palle giocate dalla formazione di Ancelotti: 630 contro 529.
Devastante l'indice di pericolosità dei rossoneri, ossia la capacità di produzione offensiva (composta da verticalizzazioni, creare occasioni da rete e capacità di giungere a tiro) pari all'87,9% contro appena il 42,1% della squadra di Delio Rossi. La quale si è rivelata poco efficace anche in difesa: la percentuale di protezione della propria area non è andata oltre il 57%, contro il 65,3% dei Milan. Il "diavolo" ha ottenuto anche una discreta supremazia teritoriale in area avversaria con poco più di 12 minuti contro i 10 della Lazio.

Marco Liguori

(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)


Le statistiche di Milan-Lazio
(Fonte Panini Digital-Lega Calcio)











Sintesi di Milan-Lazio

Inter ad alto rendimento contro il Toro: 3 tiri a segno su 5 in porta

Decisamente inferiori i granata: su 14 conclusioni totali, cinque sono state indirizzate verso la rete avversaria e un solo gol

Inter ad alto rendimento contro il Torino. Lo testimoniano le statistiche Panini Digital-Lega Calcio che evidenziano il dato chiave della partita: su otto tiri complessivi, la formazione nerazzurra ne ha collocati cinque nello specchio della porta e tre in fondo alla porta avversaria. Il Toro è stato decisamente inferiore: su un totale di 14 tiri, sei conclusioni verso la porta difesa da Julio Cesar e soltanto uno l'ha superato. A ciò bisogna aggiungere che la formazione allenata da Mourinho è stata decisamente più pericolosa: l'indice riporta a suo favore il 56%, contro il 43,7% della squadra di De Biasi. In questo contesto la supremazia territoriale della squadra granata (12 minuti e 28 secondi contro i 9 minuti e 58 secondi degli avversari) si è rivelata sterile. L'Inter, oltre che nella capacità di attaccare (56,4%), è stata superiore ai granata anche in difesa: la percentuale della protezione della propria area di rigore ha raggiunto il 46,3%. Da segnalare il consistente ruolo di Di Loreto nel recuperare palloni: cinque in più di Cambiasso.
Davanti a questi numeri, si evidenzia il fatto che i nerazzurri erano troppo forti, come da pronostico: molto probabilmente per il Torino è solo un incidente di percorso.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)


Le statistiche di Torino-Inter

(Fonte Panini Digital-Lega Calcio)






Sintesi Torino-Inter

L'Udinese schiaccia il Napoli nei dati statistici

Nonostante lo 0-0 la squadra friulana è stata nettamente più pericolosa di quella campana, con un indice di 43,6%. I bianconeri hanno ottenuto una netta supremazia territoriale

Il Napoli pareggia sul campo, ma viene schiacciato dall'Udinese dalle statistiche. Secondo i dati forniti dalla Panini Digital-Lega Calcio, la squadra friulana è stata nettamente più pericolosa degli azzurri, poiché la sua produzione offensiva ha toccato il 43,6%. La squadra di Reja ha ottenuto soltanto un modesto 28,2%. In sintesi, l'indice dice che i bianconeri hanno prodotto una maggiore verticalizzazione, una migliore capacità di giungere al tiro e una superiore capacità di attaccare la porta avversaria. Ulteriori dati statistici riferiscono della netta superiorità dell'Udinese: maggiore possesso palla (52%), più palle giocate (518 contro 463), supremazia territoriale (maggior possesso palla nell'area avversaria) più marcata (circa 11 minuti contro i poco oltre 7 del Napoli). Riguardo ai tiri nello specchio della porta, la formazione friulana ha provato decisamente di più: 27 volte contro le 11 del Napoli. Hanno cercato la porta Inler (6 tiri), Di Natale (5) e Pepe (3): per i partenopei solo Zalayeta in rilievo (4)
Il Napoli si consola con la sua migliore capacità di difendere la propria area di rigore, nonostante l'espulsione di Santacroce, ottenendo una "protezione area" del 57% contro il 47% dei padroni di casa. Bene Blasi che ha ottenuto il primo posto nella graduatoria dei passaggi riusciti e Rinaudo per il primato in quella delle palle recuperate.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Le statistiche di Udinese-Napoli
(Fonte Panini Digital-Lega Calcio)






Sintesi Udinese-Napoli











sabato 20 settembre 2008

CALCIO: AVV.TURRA', INAMMISSIBILITA' TIFOSI NAPOLI E' UN ERRORE

ASCA (SPR) - 18/09/2008 - 20.16.00CALCIO: AVV.TURRA', INAMMISSIBILITA' TIFOSI NAPOLI E' UN ERRORE
ZCZC ASC0282 1 SPR 0 R03 / +TLK XX ! 1 X CALCIO: AVV.TURRA', INAMMISSIBILITA' TIFOSI NAPOLI E' UN ERRORE = (ASCA) - Roma, 18 set - ''L'inammissibilita' dei tifosi del Napoli e' un errore della Camera di conciliazione''. Lo fa rilevare in esclusiva a ''il pallone in confusione'' l'avvocato Fabio Turra', rappresentante di sette abbonati delle curve A e B, che stamattina si e' visto rifiutare l'accesso al procedimento davanti alla Camera di conciliazione del Coni a Roma. ''Il vice presidente vicario non ci ha ammesso - spiega Turra' - adducendo il fatto che al procedimento possono partecipare solo i soggetti appartenenti all'ordinamento sportivo. Ma tutto cio' non e' previsto all'articolo 5 comma 10 del regolamento della Camera di conciliazione. In esso si parla genericamente soltanto di 'un terzo'. Esso non prevede quindi nel modo piu' assoluto il requisito soggettivo dell'appartenere all'ordinamento sportivo''. Il legale prosegue specificando che ''sto studiando il modo di far partecipare gli abbonati all'arbitrato, che il Napoli ha gia' dichiarato di intentare nei confronti della Figc, mettendo in risalto l'errore che ho appena evidenziato. Leggendo la normativa in questione, si comprende l'errore commesso dai conciliatori del Coni. Infatti, l'articolo 5 comma 10 dispone testualmente che 'un terzo' puo' partecipare al procedimento di conciliazione tra altri iniziato ai sensi del presente Regolamento qualora abbia nella controversia tra altri insorta un interesse individuale e diretto, specificando le ragioni di tale istanza, il fondamento della propria legittimazione e l'interesse che la giustifica e formulando le conclusioni che intende proporre nella conciliazione''. red-rf/rf/rob 182018 SET 08 NNNN

Da Quaresima a Quaresma

Riceviamo e pubblichiamo

Furino 1945 su http://www.ju29ro.com/

martedì 16 settembre 2008 18:39
Tanti giornali dell'1 settembre, forse tutti, hanno riportato la notizia che l'Inter aveva finalmente comprato Quaresma (con la trivela inclusa nel prezzo) mentre pochi, probabilmente solo uno, hanno "strisciato" un'altra notizia, che riprendiamo dal Messaggero del 31 agosto, e cioè che Moratti è stato costretto a far deliberare con urgenza un versamento di 30 milioni, per mettere una pezza al bilancio dell'Inter, non in linea con i parametri Covisoc e regolarizzare così l'iscrizione al campionato 2008-09. Proviamo allora a sostituirci alla Gazzetta dello Sport nel tentativo di far capire ai lettori il perchè di tale versamento, proviamo cioè a rispondere agli interrogativi che per le gazzette (e i gazzettari) sembrano tabù:l'iscrizione dell'Inter non era regolare? Ma allora Moratti se aveva i parametri (Covisoc) sballati come ha fatto a comprare Quaresma?Diciamo subito che tra luglio e agosto, mentre i giornali sportivi "distraggono" i lettori e li fanno sognare annunciando acquisti a sensazione di là da venire, la FIGC ha l'obbligo di effettuare severi controlli per garantire che i bilanci delle società siano in buona salute, ispirati a principi di sana e corretta gestione e rispettino determinati parametri quanto a debiti finanziari e patrimonio; tutto questo in nome della sacralità dello sport che ha impegnato fior di giuristi per fissarne il contesto normativo, da ultimo con la legge 586/96, con l'obiettivo di tenere insieme socialià e business, la Borsa e la vita sportiva.
L'organismo federale a cui è demandato questa specie di esame di ammissione è la Covisoc e le materie d'esame sono fissate dalle Norme Organizzative Interne Federali agli artt. 77-90 ter. In teoria si trattta di un esame assai diffcile perchè, a detta degli esperti, i bilanci delle società di calcio sono malandati, anzi malsani, ed anche pericoloso perchè il Codice di Giustizia Sportiva (art. 8, comma 4) prevede sanzioni pesantissime per chi cerca di fare il furbo per aggirare gli ostacoli fissati dalle NOIF. Solo in teoria, però, perchè poi in pratica succede che tutte le società, sorprendentemente, superano l'esame magari, aggiungiamo noi, con qualche raccomandazione. Succede anche di peggio perchè fino a qualche anno fa (diciamo prima di calciopoli, quando la Juve in Lega era rappresentata dal dr. Giraudo) a questi esami il pubblico era ammesso, nel senso che c'erano dei comunicati mandati ai giornali, che informavano i lettori (magari dalle pagine interne, quelle dove al bar difficilmente si arriva bevendo di fretta un caffe') mentre dopo calciopoli sembra quasi che la questione dei controlli Covisoc, peraltro fondamentale per la regolarità del campionato e per la spesso, ma non sempre, invocata sacralità dello sport, sia stata ridimensionata ad "affare di famiglia" (la "famiglia" dei presidenti tanto cara a Matarrese), come se l'operatività della Covisoc si svolgesse a porte chiuse, come gli allenamenti di Mourinho, e le sue decisioni dovessero restare misteriose, come le plusvalenze degli ultimi bilanci dell'Inter.
Già, i bilanci dell'Inter; anche loro sono pieni di finte (plusvalenze) e di giochi di prestigio come gli scatti di Quaresma; ne ha scritto il Sole 24 Ore, le abbiamo illustrate sul nostro sito, per esempio con l'articolo "Quanto vale Moratti in mutande", fiduciosi che la Covisoc e la Procura Federale verificassero se non ci fossero gli estremi dell'illecito quale richiamato nell'art. 8, comma 4, del Codice di Giustizia Sportiva. Sarà per queste irregolarità che la Covisoc ha richiesto all'Inter di versare con urgenza 30 milioni come ha scritto il Messaggero? No, quella è roba da deferimento, sarebbe roba da retrocessione e perdita dello scudetto; è invece molto probabile che quel versamento servisse a mettere una pezza per il famoso rispetto dei parametri. Il fatto è che entro luglio le società devono inviare alla Covisoc i primi dati di bilancio relativi alla stagione da poco conclusa e il budget di quella appena iniziata; evidentemente da quei dati, questa è la nostra ipotesi, la Covisoc non avrà potuto fare a meno di rilevare che l'Inter era sotto di 30 milioni quanto a parametro di patrimonializzazione e di qui la richiesta di versamento (ricordiamo che era stato il Sole 24 Ore a segnalare che le riserve patrimoniali inventate da Moratti nel 2007 potevano coprire future perdite ma solo sulla carta, proprio perchè finte). Questi versamenti, a dire il vero, per l'Inter ricorrono frequentemente (una-due volte all'anno), come se Moratti fosse alla continua rincorsa del rispetto dei parametri, come se l'Inter dovesse sempre regolarizzare la sua "abusiva" partecipazione al campionato e non ci riuscisse mai; una specie di rincorsa senza meta, anzi, forse senza traguardo a meno di provvedimenti o leggi "salvacalcio" (anche perchè questa rincorsa non riguarda solo l'Inter ma un po' quasi tutte le società; diciamo che la situazione di Moratti al riguardo è un po' "speciale", come il suo nuovo allenatore).
Di fronte all'ansimante arrancare del baraccone del calcio, Inter in testa, alla vana ricerca della regolarizzazione dei bilanci abbiamo altre volte sottolineato il rischio che il baraccone stesso possa saltare per aria per effetto dei gran debiti frattanto accumulati e, proprio per scongiurare questo rischio, il nostro sito ha pubblicato una "Lettera aperta al Presidente della Covisoc", illustrando dati e sottoponendo interrogativi. A quanto pare gli ispettori della Covisoc non hanno fatto una piega (o forse una piccola piccola, visti i 30 milioni richiesti all'Inter) ma sugli interrogativi di quella lettera un po' di chiarezza l'ha fatta, involontariamente, il prof. Tito Boeri quando, su Repubblica del 3 settembre, trattando l'arrivo nel calcio di sceicchi e petrodollari ha scritto che nei bilanci del settore ci sono "illeciti tollerati" e che i manager più importanti sanno il limite oltre il quale scattano le sanzioni. Forse nelle intenzioni dell'autore questo doveva essere un complimento ai "maghi della finanza" che agiscono nelle società di calcio, di sicuro è una grave accusa agli organi preposti ai controlli e alle sanzioni nella Figc; nello specifico del ragionamento che stiamo portando avanti è come se il prof. Boeri riconoscesse dei meriti, per dire, a Paolillo e Ghelfi che firmano i bilanci dell'Inter e della holding di controllo (e quindi hanno il copyright delle finte plusvalenze degli ultimi anni) ma, contemporaneamente, muovesse una grave accusa alla Covisoc e al dr. Palazzi perchè la giustizia sportiva, per prassi consolidata prepotentemente ribadita nell'estate 2006, non può essere "tollerante", neppure nei casi in cui quella ordinaria lo è, anzi, deve essere anche molto spedita, pure a costo di non poter garantire i diritti del "giusto processo" previsti dalla Costituzione (così hanno scritto in qualche recente sentenza gli organi di giustizia sportiva; e questo è stato l'assunto sul quale nell'estate 2006 è stato costruito il mostro giuridico di calciopoli).
C'è un recente esempio di illecito "tollerato" che sicuramente non è sfuggito al prof. Boeri (anzi, secondo noi potrebbe averlo ispirato) ed è relativo proprio all'Inter, indagata dal pm Nocerino a Milano per aver falsificato i bilanci 2003-04 e 2004-05 con finte plusvalenze al fine di aggirare la normativa Covisoc. E' importante ricordare che la richiesta di rinvio a giudizio del pm non è stata accolta dal Gup di Milano ma, su quella stessa ipotesi d'accusa, l'Inter tre mesi fa ha "patteggiato" davanti al procuratore federale Palazzi, ammettendone in qualche modo la fondatezza per i profili normativi della giustizia sportiva. Con una conseguenza davvero paradossale: difendendo Moratti davanti al Gup di Milano gli avvocati dell'Inter hanno sostanzialmente sostenuto che il presidente "mecenate" avrebbe messo sicuramente altri soldi nella società, bastava che la Covisoc glieli avesse chiesti; ma intanto, aggiungiamo noi, la Covisoc continuava a non "poterli chiedere" (oppure a chiederne pochi, come è successo adesso) perchè "ingannata" dai bilanci falsificati dalle finte plusvalenze. Per il prof. Boeri si tratterebbe di un illecito tollerato dalla giustizia ordinaria ma a noi sembra, semmai, uno spunto tratto dal copione di Zelig e, comunque, per la giustizia sportiva poteva e doveva essere un illecito (e basta) che, a questo punto, chiama in causa non solo la correttezza dei controllati ma anche le responsabilità dei controllori (e su questi aspetti qualche Procura della Repubblica prima o poi dovrebbe essere chiamata a pronunciarsi, definendo colpe, doli e ammiccamenti).Stando così le cose e visto che la fantasia dei maghi della finanza sembra non avere limiti vuol dire che il baraccone del calcio continuerà impunemente nella sua finta rincorsa ai bilanci in ordine con i più furbi destinati a stare sempre e comunque nelle prime posizioni? Probabilmente no; di sicuro un personaggio autorevole come il presidente dell'Uefa, Platini, contro i pericoli che derivano da quella fantasia ha preso posizione, facendo capire che gli illeciti di cui stiamo parlando potrebbero in un prossimo futuro non essere più tollerati. Platini ha fatto riferimento, specificatamente, ai debiti di alcune grandi società; al contrario di Matarrese, che straparla di nuovo calcio pulito, il presidente dell'Uefa ha detto che quei debiti non sono più tollerabili, andando subito al cuore di un problema che in Italia è sotto gli occhi di tutti, anche se tanti fanno finta di non vederlo: se i bilanci si reggono su ricavi fittizi derivati solo sulla carta da finte plusvalenze mentre le spese sono vere e sempre crescenti è evidente che la "quadra" sta nell'aumento dei debiti, a meno di non credere alla favola che i ricchi proprietari delle grandi società i soldi li ragalano e ce li mettono nelle squadre di calcio a mo' di benficienza.Platini alle favole ha fatto capire di non credere ed ha dapprima definito quei debiti una "vergogna" (quasi avesse visto il nostro "Moratti in mutande") con l'impegno di eliminarla, tornando successivamente sull'argomento per specificare che è sua intenzione affidare i controlli sui bilanci per le competizioni Uefa ad una apposita commissione di esperti internazionali senza più passare, come adesso, dagli organismi nazionali tipo Covisoc. Avvalorando così la tesi che i controlli attualmente eseguiti in FIGC siano finti e inattendibili, se non peggio, e minano alla radice la regolarità del campionato ("Vince chi bara", ha detto Platini con riferimento al calcio internazionale ma la situazione italiana è ancora peggio). Quasi a significare che quella di Platini non era una voce "dal sen fuggita" ma la posizione ufficiale dell'Uefa, sull'argomento è intervenuto qualche giorno fa il segretario David Taylor, ribadendo che "Controlleremo i bilanci dei club: sarà implementato il meccanismo delle licenze. Ci sarà una indagine"; l'ha fatto in occasione della riunione con gli allenatori a Nyon (se è vero che Mourinho non è un pirla dovrebbe aver drizzato le orecchie...), ne ha dato conto Tuttosport.Se da un lato, quindi , il nostro messaggio al presidente della Covisoc è rimasto lettera morta, dall'altro è come se ci avesse risposto un altro Presidente, sicuramente più autorevole; questo ci fa dire che gli acquisti come quelli di Quaresma (concluso il 31 agosto dopo che il giorno prima si è deliberato un intervento straordinario per 30 milioni, richiesti non si sa bene perchè) potrebbero avere i "campionati contati"; non sarà nel prossimo, sarà magari tra due anni ma i ricchi proprietari delle grandi società potrebbero essere obbligati a mettere mano al portafoglio e non potranno più contare su banche amiche, dove magari siedono nel Comitato Esecutivo.
Sarà impossibile, per Moratti e i suoi consiglieri economici, ripetere quanto è successo con la finta compravendita del marchio: l'Inter ha fatto una plusvalenza immaginaria di 150 milioni e se l'è spesa per davvero per tappare il deficit di bilancio ma i soldi erano quelli di un mutuo di Interbanca; in più chi si è troppo esposto con le banche per rincorrere un pallone, con la smania di arrivare primo, dovrà rientrare dai debiti, cioè potrebbe essere Moratti, stavolta, che deve dare 300 milioni ad Interbanca (e non viceversa).A quel punto potrebbe finire il tempo delle favole e dei comunicati stampa sui presidenti mecenati e sarà dura far sognare i lettori raccontando "tutto il rosa della vita" e nascondendo il resto; a quel punto per parecchie società sarà tempo di Quaresima.

Tratto da
http://www.ju29ro.com/altri-scandali/34-altri-scandali/612-da-quaresima-a-quaresma.html

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati