Ricerca personalizzata

giovedì 25 settembre 2008

Clamoroso al Bentegodi: tifosi granata perdono l'inizio partita per blocco tornelli

Ecco il racconto dei sostenitori del Toro a "il pallone in confusione" che hanno perso la visione di 15 minuti della gara a Verona a causa dell'inefficienza dell'impianto di controllo. Nessun risarcimento parziale per i 23 euro pagati


Si bloccano i tornelli dello stadio Bentegodi e i tifosi granata perdono i primi 15 minuti della partita con il Chievo. L'increscioso episodio è stato raccontato a "il pallone in confusione" da alcuni sostenitori del Torino, che si erano recati a Verona ieri sera. Dunque una porzione dei 23 euro, compresi i tre euro dovuti ai diritti di prevendita per la Banca Popolare di Verona, sono andati in fumo. Nessun diritto di risarcimento, ovviamente. Il cittadino-tifoso, non colpevole per l'accaduto, non può avanzare alcuna pretesa in merito. Ma andiamo con ordine, poiché i lettori granata hanno segnalato una serie di disservizi all'esterno dell'impianto. A cominiciare dall'area di prefiltraggio adiacente al settore destinato ai tifosi ospiti, che risulta agevole solo per chi arriva con la propria automobile. I parcheggi sono in corrispondenza delle suddette aree. Invece, chi arriva a piedi deve compiere un lunghissimo giro, che fa perdere tempo e risulta pericoloso poiché per accedere ad esse bisogna attraversare una strada a scorrimento veloce. Inoltre, il corridoio di accesso tra l'area di prefiltraggio e l'ingresso dello stadio è molto stretto e risulta poco sicuro per l'afflusso delle persone.
Ma veniamo all'episodio che è costato la visione del primo quarto d'ora di partita. Mentre i sostenitori granata attendevano pazientemente in fila, accade l'imprevisto: i tornelli elettronici del settore ospiti impazziscono e segnalano tutti la luce rossa che inibisce l'accesso. La "processione" di ingresso si ferma: i minuti passano. Alle rimostranze di alcuni tifosi, gli steward rispondono accusando uno di essi, che avrebbe probabilmente cercato di entrare senza biglietto. Il condizionale è d'obbligo, poiché non ci sono prove in merito. Intanto, il tempo passava e nessuno poteva entrare nel Bentegodi: alcuni poliziotti hanno fatto sgomberare per precauzione il piccolo corridoio tra il prefiltraggio e i tornelli. Solo dopo circa 10-15 minuti gli impianti sono stati sbloccati. E così i fan del Toro hanno dovuto rinunciare a vedere i loro beniamini per diversi minuti: il tutto a spese del contribuente. Se accadesse in più stadi cosa potrebbe accadere?
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

1 commento:

last of the mohicans ha detto...

sono uno di quelli rimasti fuori (ben più di un quarto d'ora).
Sottolineo che il comportamento irresponsabile degli steward, comunque innescato, ha rischiato di sfociare nello scontro fisico con la polizia, evitato solo grazie al comportamento responsabile dei tifosi e del comandante degli agenti.

Il Fatto assume le caratteristiche della beffa, oltre al danno: non startò infatti a spiegre cosa ho dovuto fare per ottenere i biglietti della partita e portare allo stadio qurantadue tifosi del Torino (alla faccia di chi vorrebbe le famiglie allo stadio: nessun padre di famiglia sano di mente si sognerebbe di fare quello che ho fatto io per portare i suoi figli a Verona - o altrove)

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati