Ricerca personalizzata

mercoledì 3 settembre 2008

Sull'intercity per Roma c'erano 200 pregiudicati

Intanto De Laurentiis sconfortato dagli incidenti si sfoga: «Se lo Stato non dovesse mettere in campo leggi adeguate potrei anche salutare»

Si apprende dall'agenzia Adnkronos che «circa 200 pregiudicati su un migliaio di tifosi erano presenti sul treno degli ultras, l'Intercity 524 plus partito domenica scorsa alle ore 12,29 dalla stazione di Napoli centrale (con tre ore e cinque minuti di ritardo rispetto all'orario previsto)». Secondo l'organo di informazione, «questo inquietante dato è filtrato dagli atti investigativi prodotti fino a questo momento dalla Questura napoletana. Quindi, circa il 20% degli ultras, diretti a Roma per il derby del Sud aveva precedenti penali per droga, per rapina e per reati contro il patrimonio». Una notizia ancor più inquietante, che getta un'ombra ancora più cupa sui sistemi di controllo del tifo calcistico.
Intanto da Castelvolturno giunge un'altra notizia bomba. Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha affermato nel corso di una call conference presso il centro sportivo di Castelvolturno che potrebbe lasciare la società. «Non mi faccio intimorire da pochi facinorosi - ha affermato il numero uno azzurro - che nulla hanno a che vedere con il calcio ma se lo Stato non dovesse mettere in campo leggi adeguate potrei anche salutare». De Laurentiis ha proseguito spiegando che «chiudere lo stadio equivale a far morire lo sport e a far vincere la sudditanza alla violenza. Attuando questo programma lo Stato si cala le braghe». Il presidente ha concluso così: «Vorrebbe dire che non ha la capacità di essere produttore di legalità, ma, io sono fermamente convinto che lo Stato sia in grado di produrre legalità. Di fronte ad un inizio di campionato cosi' macchiato basta dire adesso è il momento di agire. Basta essere pragmatici e fare un dispositivo legge che permetta alle persone per bene di andare allo stadio con i propri bambini».
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati