Ricerca personalizzata

venerdì 17 ottobre 2008

Lo "zumpo" da rigore di Favero e le risate dei napoletani

Cronaca di un Napoli-Juventus del dicembre 1987 con comica finale: il folle fallo di mano del difensore bianconero regala graziosamente un’insperata massima punizione agli azzurri che vincono 2-1

«I che zumpo ch’a fatto Favero! Pareva ca pigliav’ ‘e palomme». Si traduce ad uso dei cultori della lingua di Dante: «Ma che salto in aria ha compiuto Favero! Sembrava che volesse prendere le colombe a volo». L’espressione fu proferita da un tifoso napoletano del settore distinti dello stadio San Paolo il 13 dicembre 1987 e ascoltata da chi scrive: una giornata fredda e incolore, non propriamente partenopea. Quel pomeriggio domenicale (all’epoca si disputavano tutte le partite alle 14.30) si disputava un Napoli-Juventus che ebbe una conclusione del tutto particolare, completamente inaspettata. Diciamolo pure: una comica alla Totò e Peppino o, se preferite altri grandi comici, alla Stanlio e Ollio. Ne fu protagonista, completamente volontario, il difensore bianconero Luciano Favero, giunto da Avellino alla corte di Casa Agnelli per sostituire Claudio Gentile, il terzino campione del mondo del Mundial spagnolo del 1982. Era un giocatore onesto, non brillava certo per qualità tecniche, ma in compenso aveva molta carica agonistica e buona resistenza atletica. Quel giorno, come gli accadde anche in altre occasioni, doveva marcare il più grande talento calcistico dell’epoca, il "divin" Diego Armando Maradona.
La partita si era messa subito bene per il Napoli, prima in classifica e reduce dal confortante pareggio a Milano contro l’Inter, che si portò in vantaggio al 26° minuto con Nando "Rambo" De Napoli dopo una pressione iniziale sulla non irresistibile difesa juventina. Nel secondo tempo gli azzurri calano di tono: il tecnico Ottavio Bianchi sostituisce prima Sola con Bruscolotti e poi Careca con Miano,. La squadra ha un’impostazione più prudente, ma in questo modo si lascia spazio ai bianconeri, che realizzano l’1-1 al 76° con Antonio Cabrini, l’altro difensore reduce dal trionfo della Coppa del Mondo.
Manca ormai una manciata di minuti alla fine dell’incontro, che sembra ormai incanalato su un giusto pareggio. Ma arriva proprio a quattro minuti dalla fine la "magia" di Favero. Il difensore juventino segue nella sua area di rigore Maradona, mentre arriva un cross proveniente dalla sinistra dello schieramento offensivo del Napoli. Il terzino non sembra in difficoltà rispetto al Pibe de oro, che anzi lo tiene sotto stretta marcatura. Nonostante ciò, decide all’improvviso di effettuare un gesto inconsulto: si eleva in aria con uno scatto felino, come se fosse una pantera pronta a ghermire una preda volatile, e con il braccio destro completamente innalzato verso il cielo tocca il pallone con la mano. E’ rigore: per giunta anche sacrosanto. La scena è seguita dagli 80mila del San Paolo, dai cui spalti, nell’incredulità generale per il gentile regalo di Favero, parte una risata fragorosa. Nemmeno sul campetto in mattoni dell’oratorio dei Salesiani al Vomero si era mai vista una cosa simile. Batte il rigore lo stesso Maradona, che segna mandando il portiere bianconero Tacconi a prendere un caffè sul lato opposto a quello dove si insacca il pallone. E’ il 2-1: il Napoli resta saldamente primo in classifica con tre punti di vantaggio sulla Sampdoria, mentre la Juventus è ricacciata a sette lunghezze di distanza dalla vetta. Dispiace che su You tube non siano presenti immagini di quella storica "topica juventinensis". Nelle interviste del dopo partita, il cronista della Rai chiede all’allenatore bianconero Rino Marchesi il perché del gesto inconsulto di Favero: "Non voglio fare alcun commento" rispose con un’espressione facciale a metà strada tra lo sconsolato e l’irato. Chissà se al ritorno a Torino ne avrà dette quattro al povero difensore, che aveva regalato due punti (all’epoca la vittoria dava questo punteggio) insperati agli avversari.
Purtroppo alla fine del campionato Maradona e soci regaleranno al Milan berlusconiano lo scudetto: ma questa è un’altra storia.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, consentita soltanto dietro citazione della fonte)

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati