Ricerca personalizzata

lunedì 27 ottobre 2008

Sim svizzere: Corte giustizia Figc accoglie ricorso Moggi

E' stata accolta l'eccezione dell'ex direttore generale riguardante il fatto che non è più tesserato federale già prima dell'avvio del procedimento

Accolti i ricorsi di Luciano Moggi, Marco Gabriele, Massimo De Santis e Paolo Bertini; respinti invece quelli di Antonio Dattilo, Stefano Cassarà, Marcello Ambrosino, Salvatore Racalbuto, Mariano Fabiani e Tiziano Pieri: sono queste le decisioni adottate dalla Corte di Giustizia federale, a seguito dei deferimenti del Procuratore federale nel procedimento relativo alle schede Sim.
In particolare, per quanto riguarda Moggi e Gabriele, la corte federale ha accolto «l'eccezione di carenza di giurisdizione sollevata dalla difesa», secondo la quale «la rinuncia da parte di un tesserato federale a tale sua qualità, intervenuta anteriormente all'inizio di un procedimento disciplinare instaurato a suo carico» rende il dimissionario «non più soggetto al vincolo di giustizia», secondo l'articolo 30 dello Statuto Federale. Dunque Moggi e Gabriele, proprio perché non risultavano piu' tesserati al momento dell'avvio del procedimento disciplinare, non sono sottoponibili al giudizio della Corte federale. Il ricorso di De Sanctis e di Bertini è stato invece accolto perche' gia' coinvolti e giudicati nel primo filone di Calciopoli «per la medesima condotta». Per loro, infatti, vale il principio del "ne bis in idem", e dunque «si dichiara l'improcedibilità del deferimento» ed il «conseguente annullamento in parte qua della decisione di primo grado»
Fonte: Asca

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati