Ricerca personalizzata

lunedì 1 dicembre 2008

Crimi: tempi prematuri per la Covisoc europea

''Siamo d'accordo sui principi ispiratori alla base di un organismo di controllo sovranazionale sui club, ma bisogna valutarne l'applicabilità. Finché non si uniformano i sistemi fiscali, mi pare prematuro. E' emersa la questione tributaria che dovrà essere affrontata». Sono le parole di Rocco Crimi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport, che intervenendo a "La politica nel pallone" su GR Parlamento si sofferma su uno degli argomenti toccati la scorsa settimana a Biarritz, dove i rappresentanti dei paesi dell'UE si sono confrontati con i vertici dello sport e del calcio internazionale. «Quando si parla di creare un meccanismo internazionale, che dovrà anche valutare i bilanci delle società, non c'è dubbio che sia avvantaggiato chi paga tasse più basse», dice Crimi. «Bisogna garantire equilibrio tra chi ha una pressione fiscale del 25% e chi, come i club in Italia e in Germania, ne ha una nettamente superiore. Ho evidenziato questo argomento nella riunione di Biarritz, la situazione va affrontata nel modo giusto e nei tempi giusti. Anche la tempistica è fondamentale», conclude.
«Avere società sportive con i bilanci sani è un principio che bisogna sempre perseguire, ma creare oggi un meccanismo sovranazionale, un po' sul modello Covisoc, che comunque in Italia funziona abbastanza bene perché ha terzietà e indipendenza e ha dato dei risultati, sarebbe prematuro -ha aggiunto Crimi-. Prima bisogna uniformare le condizioni fiscali nei vari paesi. Non si possono ipotizzare regimi fiscali differenti in Germania, Inghilterra Spagna. Bisogna avere una uniformità dei bilanci e quindi maggiore competitività dei vari club. Ci sono poi squadre che hanno stadi di proprietà e che hanno delle agevolazioni. Dobbiamo scegliere i tempi corretti e avviare un percorso».
Fonte: Adnkronos

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati