Ricerca personalizzata

mercoledì 7 gennaio 2009

Calciomercato: Moratti frena l'Inter

"Restiamo come siamo". Il calcio mercato si è ufficialmente appena riaperto, ma Massimo Moratti sembra abbastanza convinto di non voler ritoccare la sua Inter sino a fine stagione. Il che significa evitare di lanciarsi alla ricerca di nomi altisonanti, come Cassano o Milito, e tenersi stretto il tanto chiacchierato Adriano così come Balotelli, nonostante la voglia del giovane attaccante di trovare più spazio, anche altrove. Attraverso il fratello-procuratore, Balotelli ha fatto sapere che cambiare aria per "sei mesi in prestito potrebbe essere utile". E in questi giorni ha chiesto di parlarne direttamente con il presidente. Moratti è pronto a riceverlo, ma il nullaosta per partire è l'ultima cosa che vorrebbe concedergli: ''Balotelli mi ha accennato di volermi vedere, ma credo sarà per confermare che comunque per noi è un giocatore indispensabile'', ha spiegato Moratti a Sky, dopo aver incontrato il dt Marco Branca in mattinata, lasciando tuttavia uno spiraglio all'ipotesi di un prestito. Questa eventuale soluzione potrebbe inserirsi in uno scenario piuttosto affascinante che porterebbe ad Antonio Cassano. Il barese, blucerchiato fino al 2010, era a suo tempo un obiettivo di Roberto Mancini, e non dispiacerebbe nemmeno a Jose' Mourinho affiancarlo a Ibrahimovic. Ecco perché radio-mercato rilancia uno scambio di prestiti: Balotelli (e magari Jimenez) a Genova, e Cassano a Milano. Affascinante, ma è solo un'idea. Smentita da entrambi i club. ''Sono tutte cose molto complicate. Noi e Mourinho siamo abbastanza soddisfatti della rosa che abbiamo. Ho letto anche di Milito - ha continuato Moratti - e di altri giocatori, ma credo che in questo momento siano nomi più per riempire i giornali. A noi non interessano''. E Adriano? Dopo le bizze natalizie, gli 'straordinari' di questi giorni in palestra possono leggersi come un riavvicinamento. "Lo credo bene - ha osservato Moratti - vuole fare bene, è dell'Inter e farà bene da noi. Non abbiamo intenzione in questo momento di fare cambiamenti: vogliamo rimanere esattamente come siamo". Immutata deve restare anche la marcia dell'Inter dopo questa sosta natalizia. Ad Appiano la neve costringe ancora Zanetti e compagni ad allenarsi al coperto, ma non ci saranno problemi simili sabato al Meazza dove i nerazzurri riceveranno il Cagliari per mantenere e provare ad aumentare il vantaggio sul Juventus e Milan. Un'accelerazione invece è attesa a febbraio, quando arriverà la doppia sfida di Champions League con il Manchester United. Ecco perché Mourinho dopo la gara di campionato volerà a Londra e domenica sarà all'Old Trafford, ospite di Roman Abramovich, per studiare da vicino i Red Devils nella supersfida contro il suo ex Chelsea.
Fonte: Ansa

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati