Ricerca personalizzata

mercoledì 28 gennaio 2009

Esecutivo Uefa: si discute su debiti delle squadre e finali coppe

Il governo calcistico europeo si riunirà domani a Nyon

Le finali delle coppe europee e la questione dell'indebitamento dei club saranno i principali argomenti all'ordine del giorno del primo comitato esecutivo dell'Uefa dell'anno che si terrà domani e venerdì a Nyon. Il massimo organismo calcistico europeo designerà le sedi delle finali di Champions League e Europa League (il nuovo nome della Coppa Uefa, dalla prossima stagione) per il 2011. Per la Champions sono candidate Londra (Wembley) e Monaco di Baviera (Alliaz Arena). Per l'Europa League sono in lizza Londra (Emirates, lo stadio dell'Arsenal), Bucarest (stadio nazionale) e Dublino (Lansdowne Road). Le prossime finali di Champions League si disputeranno a Roma (stadio Olimpico) nel 2009 ed a Madrid (Santiago Bernabeu) nel 2010. Per quanto riguarda la Coppe Uefa/Europa League, l'ultimo atto si svolgerà ad Istanbul nel 2009 e ad Amburgo nel 2010. L'Uefa esaminerà anche un rapporto sul ''fair-play finanziario'', conosciuto in Italia come ''doping amministrativo''. Si tratta di stabilire regole precise per evitare che club eccessivamenti indebitati partecipino alle Coppe europee. Fra gli altri temi in programma, figurano la preparazione del congresso a Copenaghen nonche' l'esame di rapporti tecnici.
Fonte: Ansa

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati