Ricerca personalizzata

lunedì 26 gennaio 2009

Inter, una rosa da 343 milioni

Aveva ragione il presidente Moratti: il parco giocatori vale 3-4 volte più della somma complessiva iscritta nel bilancio 2007/08. Alcuni valori di mercato di possibili partenti: Maxwell (12 milioni), Jimenez (7), Balotelli (6,5), Obinna (5 milioni), Burdisso (5,5)

Aveva ragione il presidente dell’Inter Massimo Moratti. Nel verbale dell’assemblea dei soci del 30 ottobre scorso, il numero uno nerazzurro aveva esposto «che l'intero parco giocatori della società al 30 giugno 2008 è contabilizzato per un importo di circa 99.000.000 di euro: è superfluo considerare che un simile valore potrebbe ragionevolmente essere realizzato con solo tre o quattro dei giocatori che compongono la rosa». Moratti proseguiva spiegando che «una valutazione più aderente al valore di mercato corrente, riscontrata tramite offerte effettivamente ricevute ed analisi settoriali, fa ritenere il valore di mercato superiore di 3/4 volte il valore esposto in bilancio». “Il pallone in confusione” ha verificato che sul sito Transfermarkt.de il valore di mercato dell’intera rosa della società di via Durini ammonta a 343,2 milioni. Una cifra che si pone all’interno della “forchetta” di valori ipotizzati da Moratti.
Il “pezzo forte” del patrimonio calciatori è rappresentato da Zlatan Ibrahimovic, il cui valore di mercato è pari a 45 milioni: il sito tedesco riporta che le sue quotazioni sono in rialzo. Il secondo gioiello di famiglia per base d’asta è Esteban Cambiasso: chi desidera l’argentino dovrà iniziare da una base d’asta di 27 milioni. A seguire l’oggetto misterioso Ricardo Quaresma, con i suoi 25 milioni: la quotazione resta ancora invariata rispetto al suo prezzo di acquisto. Al quarto posto c’è Chivu con 24 milioni, seguito da una delle pedine fondamentali della formazione di Josè Mourinho: Maicon con 21 milioni. Seguono Mancini con 19 milioni e Adriano con 18 milioni. Quanto vale il portiere Julio Cesar, eroe di tante domeniche? 16,5 milioni, parate incluse. Il suo vice, Francesco Toldo, è quotato 1,5 milioni. Dopo gli estremi difensori è il turno di due centrocampisti: Muntari con 14,5 milioni e Vieira con 13 milioni. Il valore di quest’ultimo è dato con tendenza al ribasso, considerato il lungo periodo di infortunio.
A questo punto conviene dare un’occhiata ai prezzi dei possibili partenti. Chi vuole Mario Balotelli, più croce che delizia dello “Special one”, dovrà ragionare da una base d’asta di 6,5 milioni: le quotazioni di “Supermario” sono segnate al rialzo. Proprio stamattina Christian Recalcati sul suo sito ilreca.it ha spiegato che Obinna e Burdisso potrebbero già lasciare l'Inter in settimana. Per avere il nigeriano bisognerà ragionare a partire dai 5 milioni, mentre per l’argentino occorrono almeno 5,5 milioni per intavolare una trattativa con i dirigenti nerazzurri. Recalcati ipotizza anche un possibile addio di Luis Jimenez ai colori nerazzurri: possono bastare 7 milioni per iniziare a parlare della sua cessione.
Qualcuno alza la mano per Crespo? Cominci a mettere un assegno da 9 milioni sul tavolo e poi si vedrà. Sembrano in discesa le quotazioni di Marco Materazzi: il difensore della Nazionale, a causa della sua prolungata assenza dai campi di gioco, presenta una quotazione di mercato attorno ai 5 milioni. E a proposito di difensori, secondo Tuttomercatoweb c’è aria di rottura tra Maxwell e l'Inter. Il brasiliano, in scadenza di contratto nel 2010, avrebbe avanzato richieste ritenute troppo esose da parte dei nerazzurri. Transfermarkt.de riporta una sua base d’asta abbastanza cospicua, pari a 12 milioni. Decisamente più contenuta la cifra iniziale di Oliver Dacourt, dato per prossimo partente: 2 milioni.
Si conclude la carrellata sulla rosa nerazzurra con i valori di Javier Zanetti (9 milioni), Julio Cruz (9 milioni), e Walter Samuel (12,5 milioni). Invece, l’esordiente Davide Santon inizia la sua scalata nella graduatoria nerazzurra con una stima pari a 50mila euro.
Marco Liguori
Riproduzione riservata, consentita soltanto dietro citazione della fonte

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati