Ricerca personalizzata

lunedì 23 marzo 2009

Nicchi (Aia): presto esternazioni in sedi giuste

«Certe esternazioni sono il frutto della tensione di fine gara, ma dimostrano che c'è ancora da lavorare affinchè in futuro vengano fatte in luoghi diversi». Il presidente dell'Aia, Marcello Nicchi, non alimenta la polemica all'indomani dello sfogo del dg dell'Udinese Leonardi, che dopo la sconfitta per 2-0 con il Genova aveva chiesto di non avere più in campo l'arbitro Ayroldi. «Con Leonardi spero di parlare presto - ha detto Nicchi presente a Fiumicino dove sta per iniziare l'assemblea elettiva della Federcalcio - e non ho intenzione di commentare quelle frasi, perchè non sono dell'avviso che vanno discusse a caldo. Credo che i presidenti debbano parlare all'interno della Lega, ma nell'arco dell'anno organizzeremo anche noi delle riunioni con i presidenti delle società, per stabilire le giuste sinergie». Il presidente dell'Aia ha colto l'occasione per annunciare un progetto: «Presto, e probabilmente ogni settimana, avremo un posto in cui noi potremo dare le nostre spiegazioni». Quanto alle polemiche domenicali, Nicchi ha voluto spendere qualche parole per De Laurentis che non si è lamentato del rigore non concesso al Napoli nel posticipo con il Milan: «Ho parlato con Matarrese, per dirgli che ho apprezzato molto l'equilibrio del presidente del Napoli».
Fonte: Ansa

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati