Ricerca personalizzata

giovedì 26 marzo 2009

Uefa: aumenta contributo solidarietà per club

La Uefa e l'Associazione dei Club Europei (ECA) annunciano l'aumento della percentuale del contributo di solidarietà per il prossimo ciclo 2009-2012 della Champions League, a partire dalla stagione 2009-10. La percentuale di solidarietà per i club che non prendono parte alla Champions League, destinata ai programmi per il settore giovanile, passerà dall'attuale 5 per cento al 6,5 per cento. Basato sulle attuali previsioi sui ricavi, questo significa che nella stagione 2009-10 circa 55 milioni di euro saranno a disposizione per essere ridistribuiti a quei club tramite le federazioni nazionali e le leghe professionisti, circa 23 milioni di euro in più rispetto all'ultima stagione del ciclo prededente. Considerando anche i fondi addizionali a disposizione delle leghe che non hanno club partecipanti alla Champions League, il contributo di solidarietà ammonterà aprossivamente a 67 milioni di euro. In più, le somme di solidarietà pagate ai club eliminati nei preliminari di Champions League e della Europa League aumenteranno. «Siamo d'accordo con la ECA e grati per il suo supporto, dato che abbiamo sempre insistito sul fatto che una percentuale dei ricavi generati dalla UEFA Champions League deba essere ridistribuita, con un principio di solidarietà, a quei cub che non partecipano direttamente alla competizione», ha detto il presidente della Uefa, Michel Platini.
«Insieme alla ECA -ha aggiunto- siamo impegnati a supportare le attività di sviluppo dei settori giovanili dei club delle massime divisioni, insieme allo sviluppo dei programmi nazionali per la crescita del settore giovanile». Anche il presidente della ECA, Karl-Heinz Rummenigge, è soddisfatto. «Dalla sua fondazione, poco più di un anno fa, la ECA ha lavorato duramente per aumentare la solidarietà tra i club. Rappresentiamo 137 club di tutta Europa, quindi siamo estremamente contenti del fatto che non solo i top club avranno dei vantaggi da questa splendida competizione», ha detto il presidente del Bayern Monaco. «Questa decisione dimostra che la famiglia del calcio europeo è veramente unita in queste delicate questioni finanziarie», ha concluso.
Fonte: Adnkronos

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati