Ricerca personalizzata

venerdì 3 aprile 2009

Della Valle: i calciatori potrebbero tagliare ingaggi del 50%

«Il mondo del calcio dovrebbe ridimensionarsi per rispetto dell'attuale situazione economica. Dovrebbero iniziare a farlo i giocatori riducendosi l'ingaggio del 50%: guadagnano talmente tanto che sono convinto che se giocassero per la metà sarebbero lo stesso felici». Lo ha detto Diego Della Valle a margine della sua partecipazione al Precetto Pasquale officiato oggi a Firenze dall'arcivescovo, monsignor Giuseppe Betori a cui il patron della Fiorentina ha partecipato insieme a tutte le squadre della società viola. «È arrivato il momento di lanciare un segnale forte e i dirigenti devono insistere - ha continuato Della Valle -. Il calcio non è un mondo di marziani, allo stadio ci vanno tanti ragazzi che lavorano e faticano ad arrivare alla fine del mese. Anche per questo bisogna darsi una ridimensionata per rispetto dell'attuale situazione economica e per far sentire che anche questo ambiente è vicino a chi sta peggio».
Fonte: Ansa

1 commento:

Acdgm ha detto...

Ciao a tutti!!! Io invece vorrei informarvi riguardo ad un sito calcistico che ho trovato via internet e che puo' esservi utile. E' lo youtube del calcio si chiama KICKO (potete trovare le info su google) che grazie ai video e info postate dai giovani calciatori, possono essere notati dagli osservatori di molte squadre anche straniere!!.. Spero d'aver fatto cosa gradita! ^_^

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati