Ricerca personalizzata

sabato 18 aprile 2009

I problemi di Mondo Juve per la Vecchia Signora

Secondo l’ultima semestrale della Juventus, la Campi di Vinovo ceduta alla Costruzioni Generali Gilardi rischia di ritornare alla società bianconera. Se quest’ultima dovesse esercitare il pegno sulle azioni, si dovrebbe accollare i costi della realizzazione del centro commerciale probabilmente raddoppiati rispetto ai preventivati 100 milioni del 2001

Il presidente della Juventus, Giovanni Cobolli Gigli, e l’amministratore delegato Jean Claude Blanc hanno un problema che forse rischia di esplodere tra un po’ di tempo. L’esonero o la conferma di Ranieri sulla panchina? No. Forse una corposa campagna acquisti reclamata a gran voce dai tifosi? Nemmeno. Dopo aver propagandato il progetto dello Stadio Delle Alpi, i validi ed esperti manager della squadra bianconera quotata a Piazza Affari sono attanagliati dal pensiero dominante della Campi di Vinovo spa. Quest’ultima è la società, controllata un tempo dalla Juve che aveva ceduto il 31 marzo 2006 alla Costruzioni Generali Gilardi le opzioni per l’acquisto in due tranche del 69,8% della stessa Campi di Vinovo, detentrice dei terreni a sud di Torino su cui dovrebbe sorgere il centro commerciale Mondo Juve con un’estensione di 500mila metri quadri. La realizzazione materiale di quest’ultimo fu abbandonata a causa dell’elevato costo di realizzazione (stimato in oltre 100 milioni nel 2002): ma, stando a quanto riportato nella semestrale al 31 dicembre 2008, potrebbe ritornare al mittente con pesanti conseguenze sui conti societari.
Per capire meglio questa "telenovela" bisogna però ritornare a circa 8 anni fa. Il progetto immobiliare Mondo Juve, assieme a quello dello stadio "Delle Alpi", era stato inserito nel prospetto di quotazione, avvenuta nel dicembre 2001, della società della Famiglia Agnelli al paragrafo "strategie e ricavi futuri". Sarebbe stato il trionfo della filosofia dell’allora amministratore delegato Antonio Giraudo, strenuo fautore della trasformazione immobiliare juventina: egli ipotizzava che la costruzione sarebbe terminata tra la primavera e l’autunno del 2004. Siamo arrivati all’aprile 2009 e dei cantieri a Vinovo non c’è neanche l’ombra: bisogna aggiungere che la "telenovela" è stata caratterizzata da un lunghissimo iter dei permessi autorizzativi. Il progetto fu poi abbandonato probabilmente a causa dell’alto costo di realizzazione e di quello della manutenzione. Fu decisa dunque, già negli ultimi mesi della gestione Giraudo, la cessione delle opzioni alla Costruzioni Generali Gilardi. Con questa operazione molto abile, la Juve avrebbe ricevuto i ricavi dalla vendita del proprio merchandising nel nuovo centro commerciale ottenendo anche una potenziale plusvalenza dalla cessione della Campi di Vinovo, senza addossarsi gli oneri della realizzazione centro commerciale. Ma nella "Relazione intermedia sulla gestione" e nel paragrafo "Rischio di credito" della semestrale sono riportati gli ultimi intoppi. «Il 27 dicembre 2008 Costruzioni Generali Gilardi ha comunicato a Juventus – si legge nel documento di bilancio – che la società terza con cui aveva sottoscritto un accordo per lo sviluppo del centro commerciale "Mondo Juve" ha manifestato la volontà di non dare esecuzione al contratto». Stando sempre a quanto spiega la società bianconera nella semestrale, questa infausta circostanza «non ha pertanto consentito a Costruzioni Generali Gilardi di provvedere al pagamento entro il 31 dicembre 2008 delle somme previste dagli accordi stipulati con Juventus il 26 luglio 2007 (euro 12,5 milioni)». A seguito dell’espressa richiesta della società di costruzioni «Juventus e Cgg hanno quindi sottoscritto – si legge ancora nella semestrale – il 5 febbraio 2009 una scrittura privata novativa e integrativa dei precedenti accordi al fine di modificare i termini di pagamento della rata scaduta il 31 dicembre 2008». La nuova intesa prevede il pagamento di 4 milioni entro il 20 febbraio 2009, che sono stati regolarmente versati dalla Gilardi alla società di corso Galileo Ferraris, e i rimanenti 8,5 milioni entro il 20 dicembre prossimo. Quest’ultimo termine potrà essere prorogato dalle parti con riconoscimento degli interessi alla Juve. Il contratto prevede due ulteriori scadenze di 12,5 milioni e di 17,4 milioni che la Cgg dovrà onorare rispettivamente dopo un anno e due anni dall’apertura di Mondo Juve.
Ma non è ancora finita qui. La società bianconera ricorda nel documento di bilancio che i «crediti originatisi dall’operazione di cessione della Campi di Vinovo spa a Costruzioni Generali Gilardi spa» sono «assistiti da garanzia reale» ossia da un pegno a favore della Juve sulle azioni della società detentrice dei terreni vinovesi. Cosa potrebbe accadere se la Gilardi non riuscisse a onorare le restanti rate? Lo spiega sempre la Vecchia Signora nella semestrale. «In considerazione della negativa congiuntura economica che ha impattato su tale operazione non si può allo stato attuale escludere che in futuro per l’incasso di tali crediti la società (NDR: la Juve) si venga a trovare nella condizione di dover accordare ulteriori dilazioni di pagamento alla controparte, in linea con i tempi di sviluppo del progetto, o, attraverso l’esercizio del pegno possa trovarsi nella condizione di dover sviluppare in proprio l’iniziativa». Tradotto in parole semplici: se non dovesse bastare un’ulteriore rateizzazione alla Gilardi, la Juventus esercita il pegno e si riprende la Campi di Vinovo. In quest’ultimo caso però dovrà realizzare Mondo Juve da sola, accollandosi gli oneri della sua realizzazione, che dopo 9 anni dalla quotazione in Borsa sono probabilmente quantomeno raddoppiati: l’impatto sui conti sarebbe devastante.
Marco Liguori
Riproduzione riservata consentita soltanto dietro citazione della fonte

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati