Ricerca personalizzata

martedì 30 giugno 2009

Calciopoli, ex arbitro: gravi irregolarità nei sorteggi

I sorteggi per le designazioni arbitrali erano caratterizzati da «gravissime irregolarita». Ne è convinto Riccardo Pirrone, arbitro nel triennio 1999/2001 che, con le sue dimissioni («immediatamente accettate»), lasciò un ambiente di omertà, dove «vale la regola: fatti gli affari tuoi». Pirrone ha deposto come testimone all'udienza del processo calciopoli. L'ex arbitro ha risposto alle domande dei pm Giuseppe Narducci e Stefano Capuano che hanno riguardato in particolare presunte irregolarità nei sorteggi che avvenivano nel centro di Coverciano. Pirrone ha spiegato che i bussoloti con le indicazioni dei direttori di gara «nel 60-70 per cento dei casi», capitava che uno dei bussolotti che vanivano lanciati con una certa violenza si apriva, poi veniva riposto nell'urna trasparente dove i bussolotti venivano «blandamente mescolati», con un movimento lento, una circostanza che dava adito «a molti sospetti». Anzi, alcune volte «la pallina cadeva già aperta». Tanto che lui notava che i designatori, Bergamo e Pairetto, «continuavano a tenere sottocchio una determinata pallina». Secondo il testimone, che ha precisato di poter riferire soltanto proprie sensazioni condivise a suo dire da altri arbitri, il bussolotto che si rompeva era già stato manomesso in precedenza dai designatori. Alla fine del sorteggio la segretaria Maria Grazia Fazi «portava via tutto con una velocità incredibile». A proposito del mondo arbitrale, Pirrone ha parlato dell'esistenza di una casta dove ci sono quelli «che sanno le regole del gioco» e quelli «messi in disparte». Un'altra questione affrontata oggi è stata quella delle schede telefoniche estere che l'ex dg della Juve Luciano Moggi e l'ex ds del Messina, Mariano Fabiani, avrebbero fornito ad arbitri e designatori dopo averle acquistate in un negozio di Chiasso, in Svizzera. Per gli inquirenti si tratta di una quarantina di 'sim' di un gestore svizzero e di un numero imprecisato del Liechtestein (da individuare, secondo i pm, in un gruppo 150). È stato ascoltato in aula, Teodosio De Cillis, uno dei tiolari del negozio. Ha confermato di aver venduto in più occasioni diverse schede e ricariche a Giancarlo Bertolini, un dipendente della Juve, e che in una circostanza nel negozio si sono recati anche Moggi e Fabiani. Il danaro gli veniva consegnato da Bertolini - ha precisato - in una busta chiusa.
Fonte: Ansa

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati