Ricerca personalizzata

mercoledì 19 agosto 2009

ESCLUSIVO/Visita della Gdf alla Juve, contestati «importi rilevanti»

“Il pallone in confusione” lo ha scovato nel comunicato stampa del 9 agosto scorso della Vecchia Signora. In esso si riporta che le Fiamme Gialle hanno concluso il 23 luglio scorso l’accertamento iniziato un anno fa e hanno contestato «violazioni, per importi rilevanti, delle norme fiscali su alcune operazioni relative ai diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori» e «ai compensi corrisposti ad intermediari prestatori di servizi»

Dopo un anno, la Guardia di Finanza ha terminato la sua “visita” nella sede della Juventus. Per la precisione, essa era iniziata negli uffici di Corso Galileo Ferraris il 3 luglio scorso. “Il pallone in confusione” lo ha notato nel comunicato stampa della società bianconera del 6 agosto scorso sui dati di bilancio al 30 giugno 2009. Le Fiamme Gialle si legge nella nota bianconera, hanno «concluso in data 23 luglio 2009 l’accertamento relativo alle annualità dal 2001/2002 al 2007/2008, rilasciando in pari data il processo verbale di constatazione». In esso, si legge sempre nel comunicato della Vecchia Signora, «sono state contestate pretese violazioni, per importi rilevanti, delle norme fiscali su alcune operazioni relative ai diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori, ai compensi corrisposti ad intermediari prestatori di servizi, nonché ad altre fattispecie minori». La Juventus non ha comunicato a quanto ammontano gli importi delle violazioni delle contestazioni della Gdf, nè le somme relative alle eventuali sanzioni pecuniarie e neppure quali tipi di tributi sarebbero stati eventualmente violati. Traducendo dal linguaggio burocratico, le presunte violazioni riguardano essenzialmente operazioni di calciomercato e le eventuali plusvalenze sulla vendita dei “cartellini” dei giocatori.
La Juventus aveva dato notizia dell’accertamento della Gdf già un anno fa nella relazione sulla gestione del bilancio chiuso al 30 giugno 2008. Nel documento evidenzia che «ha avuto luogo l’accesso» presso la sede sociale «al fine di eseguire una verifica sostanziale a carattere generale ai sensi e per gli effetti degli art. 32 e 33 del Dpr n.600/73, art. 51 e 52 del Dpr n.633/1972 e dell’art.35 della legge n.4/1929». Le leggi richiamate dalla società calcistica di Casa Agnelli riguardavano i poteri della Gdf sul controllo delle dichiarazioni dei redditi e su quella dell’Iva.
La vicenda sicuramente non finisce qui e avrà uno strascico presso le Commissioni Tributarie. La Vecchia Signora è infatti determinata a impugnare tutte le contestazioni mosse dai Finanzieri. «La società ritiene di avere sempre ottemperato alle norme vigenti – conclude il comunicato della Juve – e si avvarrà dei diritti previsti dallo statuto del contribuente (Legge 212/2000) facendo valere, ove necessario, le sue difese nei modi e termini previsti dalla legge».
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, consentita, anche in modo parziale, soltanto dietro citazione della fonte "il pallone in confusione")

Clicca qui per leggere l'articolo di un anno fa sulla visita della Gdf alla sede della Juventus

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati