Ricerca personalizzata

martedì 27 aprile 2010

Moggi e Pairetto contestano testimonianza ispettore Salvagno

Udienza sospesa alla IX sezione penale per attendere l'arrivo del testimone Cosimo Ferri, componente del Csm, atteso nel primo pomeriggio a deporre nell'ambito del processo Calciopoli. Questa mattina per oltre due ore l'ispettore di polizia Claudio Salvagno ha riferito sull'indagine avviata dalla procura di Torino nel 2004 sulla Juventus, riferendo sulle intercettazioni telefoniche che furono poi trasmesse a Napoli. La rete dei rapporti tra Luciano Moggi e la Federazione, la nazionale, gli arbitri. Attraverso le telefonate ascoltate, l'investigatore ha citato i vari episodi finiti poi nell'inchiesta napoletana, come la cena tra Moggi, Pairetto, Giraudo e Bergamo, alla vigilia di una partita nel settembre 2004, o la conversazione del 14 settembre 2004 tra Antonio Giraudo e il responsabile della commissione disciplinare Ghirelli, dove il primo chiedeva all'altro una punizione esemplare per il tecnico del Lecce Zednek Zeman. C'e', nella testimonianza dell'ispettore Salvagno, anche la ricostruzione dei rapporti tra Luciano Moggi e la stampa. In particolare, viene citata una telefonata tra l'ex direttore generale della Juventus e Giorgio Tosatti, che chiedeva a Moggi di far leva sulle sue conoscenze al ministero dell'Interno per recuperare la registrazione di una trasmissione radiofonica in cui il giornalista veniva diffamato e aveva intenzione di querelare. Nella stessa conversazione Moggi chiede a Tosatti chi lo avesse attaccato e Tosatti replica: "Tu li paghi (i giornalisti), perché dovrebbero attaccarti".
Prima della sospensione, decisa dal presidente Teresa Casoria, Moggi ha reso delle dichiarazioni spontanee, nelle quali ha voluto chiarire alcuni aspetti della testimonianza resa, in una precedente udienza, dal colonnello dei carabinieri Attilio Auricchio sul metodo investigativo, che prevedeva la consultazione dei quotidiani sportivi. Esibendo i giornali, l'ex dg della Juventus ha tentato di dimostrare come i tabellini siano soggettivi e spesso distanti, da testata a testata e non potevano essere strumento di verifica rispetto alle conversazioni intercettate. Rispetto alle accuse di interessamenti sulla nazionale, Moggi spiega che parlare con il ct Marcello Lippi era cosa naturale. "Se la nazionale - dice - prende giocatori miei, Cannavaro nella fattispecie, so io in che condizioni fisiche sono, non li conosce certamente Lippi". E infine sul potere di Innocenzo Mazzini, considerato vicino a Moggi - come emergerebbe da intercettazioni riferite da Salvagno - all'interno della nazionale, Moggi e' chiaro. "E' uno che magari parlava tanto - dice - ma era ed e' un uomo che ha la coscienza e non va a raccontare barzellette. In nazionale era sicuramente l'ultima ruota del carro". Dichiarazioni spontanee rese anche dall'ex designatore arbitrale Pierluigi Pairetto, che ha voluto replicare alla testimonianza dell'ispettore Salvagno spiegando le modalita' con cui avvenivano le designazioni internazionali. "C'era una commissione - racconta - composta da un presidente svizzero e da tre vice piu' altri cinque membri. Io ero uno dei tre vice, e ricevevo le indicazioni dal presidente, affinche' poi ciascun vice potesse fare poi le sue osservazioni". Quanto ai rapporti con le societa', "era la Federcalcio a spingerci ad avere contatti e rapporti".
Fonte Agi

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati