Ricerca personalizzata

mercoledì 22 dicembre 2010

Il mio ricordo di Enzo Bearzot, trionfatore in Spagna

Chi era Enzo Bearzot? Me lo hanno chiesto alcuni miei lettori che a causa della loro giovane età non hanno vissuto il Mondiale argentino del 1978, il trionfo spagnolo del 1982 e la parabola discendente del 1986. Ci proverò, aiutato dall’onda dei ricordi e di qualche ritaglio di giornali dell’epoca, nel giorno della sua scomparsa che tanta emozione ha suscitato. Un pezzo di storia gloriosa del nostro calcio che va doverosamente ricordato.
Bearzot era un furlan particolare, diverso dal taciturno Zoff che era uno dei suoi calciatori in cui riponeva grande fiducia. Non aveva peli sulla lingua come ricorda Gianni Perelli sull’Europeo: criticato da alcuni deputati, replicò prontamente «Gli onorevoli farebbero meglio a occuparsi dei “premi loro”». Era l’uomo giusto al momento giusto per il rilancio della Nazionale, malamente eliminata nel girone eliminatorio della Coppa del mondo del 1974 in Germania. Lo precedette Fulvio Bernardini, il celebre tecnico teorizzatore dell’uso di giocatori dai “piedi buoni”, che riuscì a svecchiare la formazione azzurra lanciando alcuni futuri campioni del mondo, come Graziani e Antognoni. “Fuffo” fu commissario tecnico per un anno fino al 1975: poi fece coppia fissa come direttore generale con Bearzot fino all’ottobre del 1977. La coppia ottenne una serie di alti e bassi nelle qualificazioni ai Campionati europei del 1976 e cercò di creare un nuova identità dopo il disastro in terra tedesca. Dopo un’onorevole sconfitta in Olanda, seconda classificata, arrivò una vittoria e un pareggio contro la Finlandia. “Fuffo” e il “Vecio” riuscirono a pareggiare alzando un “muro” a Roma e a Varsavia contro la Polonia che ci aveva eliminato in Germania. L’Italia ottenne una vittoria di prestigio, anche se inutile, contro l’Olanda vincitrice del girone. Nel 1977 ha inizio la vera e propria “era Bearzot”. Il tecnico friulano riesce a qualificarsi per il “mundial” argentino eliminando nientepopodimeno che l’Inghilterra. I critici, sempre molto pungenti con lui in tutto l’arco di tempo in cui fu sulla panchina azzurra, rilasciarono però giudizi poco confortanti dopo tre amichevoli di preparazioni al massimo torneo internazionale. La Nazionale fu sconfitta in Spagna, pareggiò in casa contro la Francia dopo un doppio vantaggio, e pareggiò contro la Jugoslavia prima di volare verso il Sudamerica. Ai tempi si diceva: «Bearzot è come la Democrazia Cristiana, non cambia mai uomini e modulo». E invece no: sull’onda della richiesta popolare e della stampa sportiva, nella partita inaugurale contro la Francia giocarono Paolo Rossi e Antonio Cabrini. Il gol bruciante di Lacombe dopo appena 40 secondi non spense le speranze azzurre: pareggiò proprio “Pablito” nel primo tempo. Zaccarelli sostituì uno spento Antognoni e relizzò il gol della vittoria. Quel mondiale si ricorderà soprattutto per il capolavoro “bearzottiano” del successo sui padroni di casa dell’Argentina: riuscì a bloccare i temibili Kempes e Bertoni, riuscendo a segnare un gol capolavoro con Bettega. Triangolo perfetto: da Antognoni per Rossi che porge un assist allo juventino che segna l’1-0 finale. I critici del “Vecio” lo aspettarono al varco: dopo un autogol a favore degli Azzurri arrivò la sconfitta contro l’Olanda, grazie ai due “missili” fuori area di Brandts e Haan, portò l’Italia alla finale per il 3° e 4° posto contro il Brasile. Anche qui identico copione: Causio segna il punto del vantaggio, poi due altri due tiri da lontano giustiziano Zoff. Si disse di tutto sul portierone riguardo alla sua presunta debolezza nei palloni scagliati da 20-30 metri: ovviamente anche Bearzot fu posto sul banco degli accusati. Di concreto restava un buon quarto posto e le premesse positive per il futuro. Curiosità: al ct il cantautore Rino Gaetano dedicò un verso di "Nunteregghecchiù".
Due anni dopo si tengono gli Europei nel nostro Paese. Si era abbattuto sul nostro campionato il ciclone dello scandalo del totonero: fu convolto anche Paolo Rossi che fu squalificato. Nel suo girone l’Italia pareggiò contro la Spagna, battè l’Inghilterra, ma pareggiò nell’ultima gara a reti inviolate contro il Belgio che si qualificò per la finalissima. Gli Azzurri disputarono la finalina per il 3° posto contro la Cecoslovacchia a Napoli. “Senza Rossi non si vince” era scritto su uno striscione al San Paolo: e così fu, la Nazionale fu sconfitta ai rigori. Anche in quella occasione critiche a gogò per Bearzot, ritenuto incapace di costruire alternative di gioco in attacco. Ma il tempo della rivincita per lui stava per arrivare.Neanche il tempo di fiatare e in ottobre prendono il via le qualificazioni per il Mondiale in Spagna. L’Italia mette in riga nel girone di andata le sue quattro rivali, Lussemburgo, Danimarca, Jugoslavia e Grecia (che il “Vecio” temeva e aveva definito “fastidiosa”), con l’identico punteggio di 2-0. Ricordo un titolo dopo la vittoria a Torino sugli slavi capeggiati dall’attaccante Zlatko Vujovic sul Guerin Sportivo: «Bearzot ha domato le tigri di carta». Il ct aveva imbrigliato una Jugoslavia, sulla carta la più forte del girone, molto confusionaria con una gara perfetta. Il girone di ritorno, invece, ebbe un andamento molto incerto: sconfitta 3-1 contro la Danimarca a Copenaghen, buon 1-1 contro la Jugoslavia a Belgrado e mezzo passo falso a Torino contro la Grecia (1-1). Per fortuna a Napoli la Nazionale supera il Lussemburgo con il gol qualificazione di Collovati. Seguì un trittico di amichevoli che, come accadde nel periodo precedente al torneo in Argentina, fu deludente. La sconfitta per 2-0 nel periodo di Carnevale a Parigi contro la Francia di Platini valse a Bearzot un titolo ironico del Guerin Sportivo: «La Nazionale in maschera». La squadra vista al Parco dei Principi sembrava davvero poco reattiva e poco tonica. Sensazione identica anche contro la Germania Est che battè 1-0 gli Azzurri. Contro la Svizzera arrivò un pareggio che confermò i problemi. Arrivò il giorno dell’esordio a Vigo contro la Polonia del fuoriclasse Zibì Boniek. Ricordo il commento di Nando Marellini dopo i primi minuti disputati discretamente dagli uomini del “Vecio”: «In queste prime battute l’Italia c’è». Era però una formazione che espimeva un gioco balbettante che fu confermato anche dalle gare contro il modesto Perù e i “maratoneti” del Camerun. La Nazionale de “l’uomo con la pipa” (il ct amava molto fumarla nei momenti di relax) arriva seconda nel girone e deve affrontare il gironcino a tre contro due mostri sacri del calcio di allora: l’Argentina di Maradona e il Brasile di Zico. «Ma a Barcellona cosa andiamo a fare?» titolò Paese Sera. Sembrava proprio che l’Italia fosse destinata al ruolo di vittima sacrificale: i giornali puntarono tutti l’indice contro Bearzot, considerato l’unico responsabile del gioco evanescente e della più che possibile figuraccia contro i “mostri” sudamericani. Dopo le veementi polemiche, i giocatori decisero unilateralmente un “silenzio stampa”: fu il segnale della compatezza della squadra che faceva quadrato attorno al commissario tecnico contro tutto e tutti. Fu nominato unico “portavoce” Zoff, il portierone di poche parole.
Invece le cose presero una piega diversa. Nella prima gara contro l’Argentina, Bearzot mette Gentile su Maradona come un’ombra: il fuoriclasse raramente toccò palla e Tardelli e Cabrini realizzarono le reti per il 2-1 finale. La gara capolavoro fu contro il Brasile contro cui era necessaria la vittoria, poiché l’Italia era a pari punti con una differenza reti a sfavore. Azzurri sempre in vantaggio con i verdeoro a inseguire. Ci furono anche le “agevolazioni” provocate dalle incertezze difensive di Junior e del portiere Valdir Peres. In più nel Brasile delle stelle non brillava affatto il centravanti Serginho che sciupò alcune occasioni: i punti deboli dell’avversario furono sapientemente sfruttati da Bearzot, l’Italia vinse 3-2 e arrivò in semifinale contro la Polonia con tripletta del rinato Paolo Rossi rientrato dopo la squalifica. Lo stesso Pablito segnò la doppietta vincente contro i biancorossi privi di Boniek. Poi arrivò il trionfo in finale con la Germania schiacciata 3-1: “el hombre del partido” Rossi fu affiancato dall’urlo di Tardelli e dalla marcatura del neoentrato Altobelli. Si parlò di schieramento a “zona mista”, di innovazioni tattiche: in realtà Bearzot era riuscito a ricostruire il gioco all’italiana, catenaccio e contropiede, in edizione riveduta e corretta con gli uomini adatti. Ma era stato abile nel costruirlo e utilizzarlo: in attacco c’era una punta, Graziani, che subiva i falli dagli avversari e faceva da sponda, liberandogli gli spazi, per Rossi che in velocità infilzava le difese avversarie. Un meccanismo perfetto che entusiasmò anche il presidente della Repubblica Sandro Pertini la sera della finale al Bernabeu. Qualcuno ricorderà anche la cover dei "Masters" che cantavano in italo-spagnolo una delle canzoni più ascoltate di quell'anno, "Da Da Da" manco a farlo apposta del gruppo tedesco "Trio". Si chamava "Da-da-da Mundial 82" in cui nominavano tutti i giocatori Campioni del Mondo. Il ritornello diceva: «Son tutti figli di Bearzot, aha! Son tutti figli di Bearzot».I mondiali del 1986 in Messico furono il “canto del cigno”. L’Italia, priva ormai di molti degli eroi di Spagna, non brillò e non riuscì a ripetere l’exploit di quattro anni prima. La sconfitta negli ottavi di finale contro la Francia scatenò tutti i critici contro Bearzot e ne chiesero la testa. Si conclusero così 11 anni culminati con due quarti posti e un titolo mondiale. Il tecnico furlan ora è passato alla storia: i suoi risultati sono e resteranno incancellabili.
Marco Liguori
RIPRODUZIONE (ANCHE PARZIALE) DELL'ARTICOLO CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: "IL PALLONE IN CONFUSIONE"

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati