Ricerca personalizzata

mercoledì 3 settembre 2008

Torino-Lecce: denuncia e daspo per nove tifosi leccesi

I sostenitori giallorossi erano stati sorpresi dalla polizia a bordo di un pulmino contenente petardi, chiavi inglesi, bottiglie di vetro vuote e alcune dosi di hashish e cocaina

Per nove tifosi leccesi, resisi protagonisti di un episodio spiacevole al termine di Torino-Lecce di domenica scorsa nel capoluogo piemontese, è scattata la sanzione. I sostenitori giallorossi, di età tra i 20 e i 24 anni, sono stati denunciati e sottoposti al Daspo, ossia al divieto di accedere alla manifestazioni calcistiche.
Per sei di essi il divieto è per un anno, per gli altri di due anni. Il Daspo è stato firmato dal questore di Torino, Aldo Faraoni. Gli ultras leccesi erano stati bloccati dalle forze dell'ordine su un pulmino che trasportava petardi, chiavi inglesi, bottiglie di vetro vuote e un gancio traino. Tutto il materiale era stato rinvenuto nel corso di una perquisizione dalla polizia, che ha anche sequestrato ai nove alcune dosi di hashish e cocaina. Prima della partita allo stadio Olimpico, i tifosi denunciati avevano lanciato un petardo dal pulmino verso un gruppo di tifosi del Torino, che avevano immediatamente risposto con una sassaiola. Solo l'intervento della polizia aveva evitato conseguenze peggiori. Le azioni dei tifosi leccesi sono state riprese dalle riprese di numerose telecamere poste al di fuori dell'impianto sportivo.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati