Ricerca personalizzata

domenica 14 dicembre 2008

Torino: centrocampo a pezzi dopo la disfatta di Bologna

Sono in dubbio per la gara contro il Napoli: Diana (infortunio alla spalla), Rosina (influenza) e Barone (ematoma coscia destra)

Torino ha il centrocampo a pezzi dopo la disfatta per 5-2 subita ieri contro il Bologna. Secondo il sito www.toronews.net destano grande preoccupazione le condizioni di Aimo Diana, uno dei pilastri della formazione di Walter Novellino. Il giocatore bresciano si è infortunato durante il secondo tempo: cadendo ha battuto la testa e la spalla ed è stato costretto a uscire. Proprio la spalla sembra mostrare maggiori problemi. Diana è stato sottoposto ad una risonanza magnetica dal professore Faletti, in cui è emersa una contusione ossea sulla testa dell'omero destro. Allo stato attuale non si conoscono i tempi di recupero: è probabile che il centrocampista granata possa saltare la gara contro il Napoli. Se così fosse, dovrebbe essere Rubin a sostituirlo, che ha sostiuito Diana nel corso della gara contro i felsinei.
Inoltre, Novellino dovrà valutare anche le condizioni di Rosina, che è attualmente febbricitante. "Rosinaldo" non è neanche andato in panchina sabato scorso. Ma c'è anche un altro problema: Simone Barone è uscito prima del termine della partita contro il Bologna per il riacutizzarsi di un ematoma alla coscia destra. Il tecnico dovrà verificare domani assieme al medico sociale le condizioni di entrambi.
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, consentita soltanto dietro citazione della fonte)

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati