Ricerca personalizzata

giovedì 15 gennaio 2009

Liguori: "Cairo non ha problemi economici"

di Marina Beccuti
Tratto da Torinogranata.it
15 gennaio 2009

Il noto giornalista economico Marco Liguori, che si occupa di calcio andando sviscerare le tante questioni finanziarie che riguardano lo sport più amato dagli italiani, ha parlato di alcune questioni scottanti che riguardano anche Cairo e Mister X

Chiediamo conferma anche a lei riguardo alla notizia, peraltro priva di fondamento, dei presunti ritardi negli emolumenti da pagare ai giocatori del Torino.
Spesso diventa quasi un fatto veniale non pagare alla data stabilita gli stipendi ai giocatori, ma anche se vengono pagati a sessanta giorni è tutto regolare, come ha fatto Cairo, da lui stesso confermato. Non mi risulta in effetti che abbia dei problemi economici, se così fosse vuol dire che metà delle squadre della seria A sarebbero in forte crisi economica. Torino ha una buona situazione economica, per cui il problema non mi risulta. Le squadre ad avere più problemi di questo genere sono in serie B.

Invece di Mister X cosa ne pensa?
Intanto se Cairo ha detto che non vende, vuol dire che è così, dunque è inutile girare attorno alla questione. Lui è il proprietario del Torino e se lo tiene. La situazione di Mister X mi ricorda tanto il duo Tacopina/Soros, che prima volevano il Bologna e poi la Roma, ma non se ne fece nulla. Nel caso della Roma, essendo quotata in borsa, c’era l’obbligo di rendere noto agli azionisti se c’era una trattativa in corso e la cifra.

Si ha quasi l’impressione che queste voci, un po’ destabilizzanti, siano create ad arte per mettere in difficoltà il Toro sul calciomercato…
E’ chiaro che può creare turbative, al di là dell’attuale classifica. Un giocatore che potrebbe venire al Toro ci pensa due volte se sente dire che gli stipendi vengono pagati in forte ritardo e la società può essere venduta. Ha fatto bene Cairo a dire che non vende e non ci dovrebbero essere altre speculazioni a proposito.

In generale che calciomercato prevede?
Povero , con pochi veri trasferimenti e tanti scambi, anche perché con la crisi che c’è non si può più parlare di cifre iperboliche. Ci tengo anche a fare una considerazione con un raffronto tra l’Italia e l’Inghilterra. Arsenal e Tottenham si sono indebitati con le banche, ma hanno degli immobili come garanzia. L’Arsenal ha costruito un nuovo stadio, ma sta già creando un grosso store e addirittura un quartiere, così come il Tottenham. Le squadre italiane invece non hanno ancora tutto questo per dare garanzie certe alle banche.

La Roma, prossima avversaria del Torino, è davvero indebitata come si dice?
La società di calcio non ha debiti importanti, è la Italpetroli ad averli, ma anche in questo caso solo la famiglia Sensi potrà decidere se tenere o meno la Roma. Entro Natale dovevano pagare un rateo all’Unicredit di circa 130 milioni di euro, ma ad ora non è stata data nessuna comunicazione a proposito.

Tornando al Toro, come vede il suo campionato?
Sulla carta non è una squadra da retrocessione, purtroppo però si è creato un processo psicologico negativo tra i giocatori. Ad esempio contro il Milan aveva fatto bene, contro il Napoli ha vinto perché l’avversario con la testa era già in vacanza. A Genova è nuovamente crollata. Probabilmente i giocatori non sono ancora riusciti ad assimilare quello che chiede Novellino, se non ci riesce lui, che usa il pugno di ferro, sarà dura. Con la Roma a tutti i costi deve cercare di portare via almeno un punto.

L'intervista completa andrà in onda su Radio Beckwith alle 19,30 di oggi

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati