Ricerca personalizzata

domenica 15 febbraio 2009

Genoa-Fiorentina 3-3: cronache e interviste

CALCIO:GENOA-FIORENTINA;PARI TRA SPETTACOLO E POLEMICHE
GENOVA, 15 FEB - Spettacolo, gol, polemiche. Ce' un po' di tutto un questo pirotecnico 3 a 3 tra Genoa e Fiorentina, capace di entusiasmare prima i tifosi rossoblu', pronti a stropicciarsi gli occhi vedendo la loro squadra esaltarsi nel gioco e nella manovra e mettere sotto la diretta concorrente per la Champions addirittura di tre reti a zero, e poi i sostenitori viola, quasi increduli nell'assistere ad una rimonta fantastica che si e' conclusa proprio sul fischio finale. Spettacolo di gioco, soprattutto nel primo tempo, con un Genoa praticamente perfetto ed una Fiorentina annichilita dalle manovre precise, dai dialoghi quasi ad occhi chiusi, dalla corsa, dalla concentrazione dei rossoblu'; spettacolo di gol, con una tripletta di Mutu ed una quasi doppietta (due assist ed un rigore realizzato) di Milito; fuochi d'artificio di emozioni, per l'incantevole volo rossoblu' dei primi 56 minuti e per la disperata rincorsa viola, conclusa con il 3-3 e le proteste di diversi giocatori del Genoa innervositi con l'arbitro. A condizionare il risultato, alla fine dei conti, e' stata l'espulsione di Biava, per doppia ammonizione, gia' alla mezz'ora del primo tempo, sul risultato minimo a vantaggio dei padroni di casa. Ridotti in 10 i genoani hanno raddoppiato gli sforzi, riuscendo persino a triplicare il punteggio, ma poi hanno pagato con gli interessi la fatica e complici alcune scelte non del tutto azzeccate di Gasperini (cambio di Palladino con Milanetto) e qualche intervento dubbio dell'arbitro Rizzoli (sotto gli occhi del designatore Collina) non sono piu' riusciti a rimanere in partita, subendo e soccombendo all'assedio viola. Alla fine, insieme all'amarezza per un pareggio che ad inizio ripresa pareva impensabile, ai rossoblu' e' rimasta anche la rabbia per un arbitraggio considerato a senso unico. E le polemiche si sono spostate dal campo alla tribuna, e poi negli spogliatoi. La gara degli uomini di Gasperini e' stata un capolavoro per 59 minuti. Con una difesa molto chiusa, un centrocampo mobilissimo, diretto da un Thiago Motta stratosferico, ed un attacco a tre, con Mesto e Palladino a supporto del 'principe' Milito, i padroni di casa hanno aggredito da subito gli avversari, annichilendoli sul piano della manovra e della velocita'. I due gol, bellissimi come fattura, hanno rappresentato il giusto premio per una supremazia netta in ogni zona del campo. La Fiorentina per tutto il primo tempo non e' mai entrata in partita, limitandosi a cercare con lanci lunghi i suoi attaccanti Gilardino e Mutu. Con Jovetic alle spalle delle due punte e Montolivo schierato nella sua naturale posizione di centrocampo, gli uomini di Prandelli hanno mostrato lentezza nella manovra e scarsa propensione alla precisione nelle (poche) conclusioni a rete. Il copione sembra identico ad inizio ripresa, quando Gasperini tenta di ovviare alla inferiorita' numerica richiamando in panchina Palladino (fino a quel momento brillante) ed inserendo un centrocampista in piu', Milanetto. La mossa ottiene pero' l'unico risultato di accorciare troppo la squadra, favorendo cosi' il ritorno degli ospiti. E' a questo punto che esplodono la classe di Mutu, la potenza e l'intelligenza tattica di Jovetic, scatenato nei suggerimenti e nelle conclusioni. Probabilmente caricati a mille dall'allenatore, i viola cominciano a premere con piu' veemenza verso il portiere Rubinho, dando avvio ad un autentico assedio al quale il Genoa non sa rispondere con efficacia. Milito, sebbene grandissimo nella protezione della palla, e' lasciato troppo solo in avanti e la formazione rossoblu' si rintana via via nella propria area, concedendo spazi e possibilita' ai viola. Il rigore su Gilardino, trasformato da Mutu, e' come il suono della tromba per una pattuglia di bersaglieri. La Fiorentina si riversa in massa verso la porta dei padroni di casa, rischiando anche di subire contropiedi che pero' nessuno dei genoani, stanchissimi per il gran correre, riesce ad innescare. Si gioca cosi' ad una sola porta, con la difesa di casa che, sotto la costante pressione viola, comincia a perdere lucidita'. La sfortunata deviazione di Thiago Motta (il migliore dei suoi) su una punizione di Mutu favorisce poi la rincorsa degli ospiti che a quel punto credono davvero all'impossibile rimonta. Tra i padroni di casa si fa contemporaneamente sempre piu' viva la paura e con le gambe rese molli dalla fatica e dal nervosismo i genoani si lasciano andare solo all'attesa del fischio finale, arrivato proprio nell'istante in cui Mutu alza le braccia al cielo per festeggiare la sua ultima prodezza ed il pareggio. Troppo tardi per il Genoa, almeno oggi, per mettere in cassaforte il sogno Champions.
Fonte: Ansa

CALCIO: GENOA-FIORENTINA; IN TRIBUNA SPINTONATA AIDA YESPICA
Momenti di tensione al termine della partita tra Genoa e Fiorentina. Aida Yespica, compagna di Matteo Ferrari e Giorgia Bonazzoli, moglie del centravanti della Fiorentina, inviate al Ferraris per la trasmissione Rai ''Quelli che il Calcio'', sono state accerchiate da alcuni tifosi genoani imbufaliti per l'arbitraggio. La Yespica sarebbe stata spinta ed e' caduta a terra riportando una contusione ad una gamba. La show girl si e' presentata in sala stampa, dolorante, con una borsa del ghiaccio sulla gamba. Sembra che a scatenare le ire dei tifosi sia stata la sciarpa viola al collo della signora Bonazzoli che ha cosi' raccontato l'episodio: ''Aida era vicina a me e mi ha difesa. Fortunatamente non e' successo nulla di grave ma sono rimasta stupita perche' le persone che inveivano contro di noi erano normalissimi signori di mezza eta'''.
Fonte: Ansa

Enrico Preziosi: «Arbitraggio di Rizzoli ancor più fastidioso di Banti contro il Catania»
Il presidente del Genoa Enrico Preziosi: "Probabilmente in undici iniziamo a fare un po' paura visto che è da qualche domenica che ci imbattiamo in espulsioni discutibili: in questo caso, non mi sembra ci fossero gli estremi per la seconda ammonizione a Biava. L'arbitraggio di Banti contro il Catania è stato fastidioso, quello di Rizzoli ancora di più. In tribuna c'era Collina: speriamo abbia visto. Queste disavventure, comunque, ci danno ancora più carica: godiamoci questo quinto posto nella speranza di avere ancora la chance per tornare quarti".
Fonte: Claudio Baffico per www.tuttomercatoweb.com

CALCIO: PRANDELLI, C'E' UN PO' DI FORTUNA QUANDO SI OTTIENE RISULTATO AL 94°
Genova, 15 feb. - "Quando riesci ad ottenere un risultato al 94° c'e' un po' di fortuna. Nel primo tempo abbiamo fatto di tutto per perderla, poi pero' i ragazzi hanno fatto di tutto per recuperare una partita difficile". Tira un sospiro di sollievo l'allenatore della Fiorentina, Cesare Prandelli, dopo il 3-3 con il Genoa raggiunto a tempo scaduto. "Nel primo tempo eravamo poco aggressivi quando perdevamo palla. Abbiamo sbagliato sul secondo gol, poi abbiamo preso il 3-0 e abbiamo tirato fuori il carattere e la personalita'. Da questo punto di vista sono soddisfatto -spiega il tecnico viola ai microfoni di SKY. La Fiorentina ha giocato in superiorita' numerica per diverso tempo ma non c'e' stata grande differenza. "In superiorita' numerica, la squadra che difende mantiene un attaccante e trovare gli spazi non e' facile. E' mancato Melo? Non soltanto lui, anche Jorgensen e Almiron". Prandelli non boccia Jovetic, ma gli chiede di piu'. "I tre attaccanti devono dare piu' profondita'. Quello che sbagliavamo nel primo tempo era il fatto che Adrian e Joventic venivano spesso incontro. E' un'esperienza che abbiamo fatto. Kuzmanovic? Ha bruciato le tappe, e' un momento di riflessione, e' un ragazzo molto serio, ma magari sta mancando un po' di lucidita'".
Fonte: Adnkronos

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati