Ricerca personalizzata

lunedì 16 febbraio 2009

Tifoso genoano investito: i commenti del mondo politico e calcistico

CALCIO: LA RUSSA, INCIDENTE GENOVA? SERVE AZIONE CULTURALE SU PALLONE = Roma, 16 feb. - (Adnkronos) - ''Ci vogliono norme precise per governare la societa' e il mondo del calcio, ma a monte serve un'opera di insegnamento e un'azione culturale''. Ignazio La Russa, ministro della Difesa, risponde cosi' alle domande relative all'incidente che si e' verificato ieri a Genova dopo la partita Genoa-Fiorentina. Un tifoso rossoblu, che ora versa in condizioni gravi, e' stato investito dal pullman della societa' viola durante una contestazione all'esterno dello stadio. Decine di supporters liguri hanno protestato per le decisioni dell'arbitro Nicola Rizzoli: il Genoa, avanti 3-0, e' stato raggiunto in extremis dalla Fiorentina che a tempo scaduto ha realizzato il gol del 3-3. ''Si puo' fare tutto, si puo' migliorare tutto'', dice La Russa riferendosi alle norme attualmente in vigore. ''Le cose sono gia' migliorate'', aggiunge ai microfoni de 'La politica nel pallone' su GR Parlamento. ''Il portiere della Fiorentina, Frey ha avuto il coraggio di dire: 'Finita la partita, i tifosi devono andare a casa'. Serve l'impegno di tutti, ma i primi a parlare e a dare l'esempio devono essere i giocatori''.
Fonte: Adnkronos

CALCIO: ABETE, TIFOSO GENOANO INVESTITO FATALITA' SCATURITA DA TENSIONE = (ASCA) - Roma, 16 feb - ''Grande amarezza e preoccupazione''. Cosi' il presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Giancarlo Abete, ha commentato ''il drammatico episodio'' avvenuto ieri a Genova dopo la partita Genoa-Fiorentina, quando un tifoso genoano e' stato investito dal pullman della squadra viola durante contestazioni ed ora e' ricoverato in gravi condizioni. Abete ha parlato dai microfoni di Gr Parlamento: ''E' avvenuto un fatto grave, anche se le dinamiche vanno approfondite - ha spiegato -. E' stato un incidente, provocato da uno stato di grande tensione''. In particolare, i supporters del Genoa contestavano la decisione dell'arbitro di convalidare il gol del pareggio viola giunto, a loro dire, a tempo scaduto. E Abete ripete: ''E' stata una fatalita' scaturita da uno stato di tensione... Gli episodi della partita, emozionante, possono lasciare tensioni: ma non si deve arrivare a simili incidenti''. ''Sono in contatto da ieri sera con l'Osservatorio del Viminale, il ministero dell'Interno e i due club. Stiamo seguendo la situazione - ha concluso -. Speriamo che il tifoso sia in grado di superare le prossime ore decisive''.
Fonte: Asca

CALCIO: ALBERTINI, SU EPISODI GENOVA FIGC ATTENTA A SVOLGIMENTO FATTI = (ASCA) - Roma, 16 feb - ''Come federazione siamo attenti allo svolgimento dei fatti''. Il vicepresidente della Figc, Demetrio Albertini, torna a parlare dell'episodio avvenuto ieri al termine di Genoa-Fiorentina, quando un tifoso rossoblu e' stato travolto dal pullman che trasportava la squadra Viola. ''Speriamo - ha auspicato Albertini - che non succeda nulla di piu' grave di quello che e' gia' successo''.
Fonte: Asca

CALCIO: TIFOSO GENOA; LIPPI, E' TRAGICA CASUALITA' (2) (ANSA) - LIVORNO, 16 FEB - ''Siamo tornati a parlare di violenza nel calcio, ma e' un luogo comune che fa comodo a tanti'', ha detto Lippi. Il commissario tecnico della nazionale si e' soffermato anche sui comportamenti dei giocatori in campo. ''C'e' bisogno di piu' rispetto ed educazione da parte dei calciatori nei confronti degli addetti ai lavori, che invece spesso sono messi sotto i piedi dai giocatori stessi''. Comportamenti da censurare che scatenano polemiche e reazioni smisurate anche nella tifoseria. Tuttavia, Lippi non vuole generalizzare e anzi ha puntualizzato che certi episodi gravi di violenza sono estranei al mondo dello sport e al calcio, ma che si verificano solo in coincidenza delle manifestazioni sportive perche' queste fanno poi da cassa di risonanza a certe azioni di pseudotifosi: ''Mi riferisco alle drammatiche vicende di Gabriele Sandri, ad Arezzo, e dell' ispettore Raciti, a Catania. Questi sono episodi gravissimi che pero' non devono far condannare la stragrande maggioranza dei tifosi sani'', ha detto Lippi.
Fonte: Ansa

CALCIO: TIFOSO GENOVA; FABRIZIO PREZIOSI, TRAGICA FATALITA' (ANSA) - GENOVA, 16 FEB - Il direttore generale del Genoa Fabrizio Preziosi si e' recato questo pomeriggio all'ospedale San Martino di Genova per fare visita a Gabriele Amato, il tifoso genoano investito ieri sera dal pulman della Fiorentina all'esterno dello stadio Luigi Ferraris. ''La societa' Genoa vuole esprimere la sua vicinanza al ragazzo ferito nella speranza che il quadro clinico possa progredire verso il meglio'' ha detto il dirigente rossoblu', che gia' era stato vicino alla famiglia nel corso della notte. ''La posizione della societa' - ha proseguito - e' molto chiara da ieri, quando il suo massimo dirigente, il presidente, ha cercato di stemperare gli animi al termine di una partita sportivamente molto accesa, presentandosi da solo in sala stampa, anche per evitare possibili dichiarazioni a caldo che avrebbero potuto alzare i toni''. Fabrizio Preziosi ha ribadito che ''anche visionando le immagini dell'incidente, non riesco a capacitarmi per quanto accaduto: si e' trattato di una tragica fatalita', un tragico destino'' ed ha confermato quanto accaduto a livello di tifoseria organizzata ieri sera. ''Chi e' rimasto fuori dallo stadio - ha detto - non faceva parte del tifo organizzato, che dopo un colloquio con il presidente ha abbandonato la zona. Quelli che sono rimasti a contestare possono essere definiti cani sciolti, e non erano piu' di 20 o 30. Anche per questo non pensiamo che ci possano essere conseguenze a livello sportivo nei confronti del Genoa''. Il dirigente rossoblu' ha voluto poi ringraziare anche la societa' Fiorentina con cui e' rimasto in contatto sin da ieri. ''Sia il presidente Della Valle che il direttore sportivo Corvino mi hanno telefonato e siamo in continuo contatto telefonico per seguire l'evolversi della situazione medica, con l'auspicio comune che le condizioni di Gabriele possano migliorare''. ''Ci tengo ad elogiare - ha concluso - il comportamento e la sportivita' della societa' Fiorentina''.
Fonte: Ansa

CALCIO: TIFOSO GENOA; DOMENICI, EPISODIO NON DEVE RIPETERSI (ANSA) - FIRENZE, 16 FEB - ''Sono rimasto molto colpito da quanto accaduto ieri a Genova, dopo la partita: dobbiamo esprimere, anche come citta', la nostra vicinanza ai familiari del tifoso genoano gravemente ferito. Speriamo che presto possa essere dichiato fuori pericolo''. Lo ha detto il sindaco di Firenze, Leonardo Domenici, alla tv 'Canale 10'. ''Dobbiamo lavorare perche' il mondo calcio non debba piu' soffrire di questi avvenimenti drammatici. A Marassi c'era molta tensione dopo la gara e questo non deve mai piu' accadere, ma ora dobbiamo far sentire la nostra solidarieta' a chi sta soffrendo''. Per Domenici l' episodio e' solo ''un tragico incidente'', ''ma ora vorrei trasmettere anche al sindaco di Genova la vicinanza della citta', perche' non resti niente che possa rappresentare conseguenze negative nel rapporto tra le tifoserie. Non dovranno esserci conseguenze pesanti che turbino incontri di calcio o le trasferte dei tifosi''. Per Domenici ''l'impegno delle autorita' locali, delle forze dell'ordine, dei tifosi e delle societa' deve essere indirizzato verso la possibilita' che i nostri stadi, fuori e dentro, siano realta' sicure, altrimenti il nostro calcio restera' sempre un po' malato, vittima di episodi di violenza che faticosamente si e' cercato di arginare dall' attivita' sportiva''.
Fonte: Ansa

CALCIO: TIFOSO GENOA; VINCENZI,PROFONDO DOLORE PER INCIDENTE (ANSA) - GENOVA, 16 FEB - ''Sono profondamente addolorata per il drammatico incidente che si e' verificato ieri nei pressi dello stadio Ferraris, dopo la partita Genoa-Fiorentina, in cui e' rimasto gravemente ferito il trentaseienne Gabriele Amato'': e' quanto dichiara il sindaco di Genova Marta Vincenzi in una nota. ''Sono vicina alla famiglia del tifoso rossoblu' e seguo con apprensione l'evolversi del quadro clinico delle sue condizioni di salute. Mi auguro che simili episodi non abbiamo a ripetersi - prosegue Vincenzi -. Il calcio, come ogni altro sport, deve essere soprattutto un gioco e costituire per tutti un'occasione di svago e di sana a aggregazione''
Fonte: Ansa

CALCIO: TIFOSO GENOANO FERITO, SINDACO FIRENZE SCRIVE A VINCENZI = ''SONO SGOMENTO, SIAMO VICINI A VITTIMA E FAMIGLIA'' Firenze, 16 feb. - (Adnkronos) - Il sindaco di Firenze, Leonardo Domenici ha inviato una lettera alla sua collega Marta Vincenzi, primo cittadino di Genova, all'indomani dell'incidente che ha coinvolto il pullman della squadra viola e un tifoso genoano. ''Cara Marta - scrive Domenici - voglio esprimerti la mia vicinanza e lo sgomento per il tragico incidente avvenuto ieri, fuori dallo stadio di Marassi, dopo la partita Genoa-Fiorentina. Mi auguro che il tifoso genoano Gabriele Amato, rimasto gravemente ferito, riesca a superare questo momento cosi' critico e difficile. Siamo vicini a chi, in queste ore, soffre accanto a lui, a cominciare dai familiari. Tutto cio' voglio manifestarti nel segno del profondo legame di amicizia che unisce le nostre citta'''.
Fonte: Adnkronos

CALCIO:TIFOSO GENOA; BURLANDO, GRANDE SFORZO CONTRO VIOLENZA (ANSA) - GENOVA, 16 FEB - Vicinanza a Gabriele Amato ed ai suoi familiari e' stata espressa dal presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, che ha sottolineato il grande sforzo fatto insieme da istituzioni, tifoserie e societa' di calcio genovesi per allontanare la violenza dallo stadio e far si' che il calcio genovese diventasse sempre di piu' a portata di tutti, famiglie e bambini compresi. Burlando era sindaco di Genova quando, dopo gli scontri del '93, fu creata proprio tra tifosi genoani e sampdoriani la cooperativa Genova Insieme che tuttora si occupa della pulizia e manutenzione dello stadio di Marassi. E poi il presidente della Regione Liguria ha ricordato l'iniziativa Genoa for Children che consente a 800 giovanissimi di assistere gratuitamente alle partite dei rossoblu' o la recente Music for Peace che allo stadio raccoglie beni di sostentamento per le popolazioni africane. ''C'e' stato un grande sforzo da parte di istituzioni, tifoserie e societa' - ha ribadito Burlando - per tenere lontana la violenza dagli stadi. Occorre proseguire questo lavoro affinche' il calcio sia sempre piu' a portata di tutti''.
Fonte: Ansa

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati