Ricerca personalizzata

giovedì 19 marzo 2009

Marotta: la crisi economica travolgerà il calcio

''La crisi economica mondiale? Le proprietà delle società sono in mano agli imprenditori ed essendoci questa crisi, gli stessi imprenditori, sia che italiani che stranieri, hanno meno disponibilita' perche' il sistema calcio non dà utili, ma dà dei bilanci in negativo''. E' l'opinione del direttore generale della Sampdoria Giuseppe Marotta, che intervenendo ai microfoni di Radio Kiss Kiss, spiega: ''Ci sarà maggior attenzione nell'affrontare certe tematiche, anche per rispetto nei confronti della gente che e' meno fortunata di chi opera nel mondo del calcio, visto che parliamo di un fenomeno sociale. Nel calcio - aggiunge il dirigente blucerchiato - esistono diversi modelli: esiste il modello Inter, che è legato ad una forma che definirei di vecchio mecenatismo, dove il presidente ripiana le perdite. Ci sono dei club, come Milan, Inter e Juventus, che fino a poco fa miravano principalmente ad ottenere l'obiettivo sportivo per poi ripianare il bilancio''. ''Poi - continua Marotta - ci sono modelli, come dovrebbero essere le societa' medio-piccole, nei quali prima bisogna dare un certo equilibrio di bilancio, e poi il risultato. Noi abbiamo un azionista molto forte, che però ha raccolto una Samp in grande difficoltà sette anni fa. E' stato un impegno morale nei confronti della città, ma non può andare oltre certi limiti che lo portano a sostenere la Sampdoria'', conclude Marotta.
Fonte: Asca

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati