Ricerca personalizzata

lunedì 4 maggio 2009

Una terapia d'urto in 10 punti per la Juventus

Riceviamo e pubblichiamo da Ju29Ro

Lo Ju29roTeam ritiene che per la Juventus non ci sia molto tempo da perdere. E' necessaria una correzione di rotta. Per salvare il salvabile e per ripartire da quello che ancora è rimasto di spendibile in Corso Galileo Ferraris. Ecco dunque l'importanza di individuare 10 punti fermi da cui partire per la rinascita del club e della sua leggenda.

LA PROPRIETA': John Elkann e la sua corte stiano lontani dalla Juventus. Ripristinare gli accordi che furono stipulati, purtroppo solo verbalmente, nel 1994 tra Umberto e Gianni Agnelli. La Juventus venga supervisionata e gestita dal ramo umbertiano della Famiglia. Si prenda in considerazione l'ingresso di un socio "industriale", che possa portare risorse finanziarie fresche da destinare agli investimenti sulla gestione sportiva allo scopo di ritornare velocemente a primeggiare in Italia e in Europa, con il conseguente miglioramento della percezione del brand verso sponsor e tifosi.

LA SOCIETA': Cambiare gran parte del Consiglio di Amministrazione. Portare il CdA da otto a nove (o a sette) elementi, di cui almeno due esperti di calcio e almeno uno espressione degli azionisti di minoranza. Sostituire Cobolli&Gigli, Secco, Fassone, Gattino. Ultima chance per Blanc, ma solo come Amministratore Delegato. Pensi alle carte e allo stadio e stia al suo posto, cioè dietro la scrivania. Assumere un Direttore Generale ESPERTO, che sia anchesso membro del CdA, e che si occupi di mostrare denti e muscoli all'ambiente esterno e interno all'occorrenza. Una persona non arrogante, ma con le palle. In tutti i sensi.

I BILANCI: Appoggiare Platini e la sua battaglia contro il doping amministrativo. Richiedere a gran voce che le valutazioni di merito per le iscrizioni alle competizioni, nazionali ed internazionali, vengano fatte anche con criteri che pongano sotto la lente eventuali episodi di finanza creativa. Creare un dibattito intorno alla necessità che le squadre di calcio non debbano spendere più di quanto incassano, anche se le perdite fossero sostenute, in ultima analisi, da ricchi babbei. 

LO STAFF TECNICO: Assumere un tecnico vincente che abbandoni il low profile e i camaleonti solidi di Ranieri. Accertarsi che il suo staff sia all'altezza di una squadra come la Juventus. Cacciare Castagnini e ricomporre un network di osservatori che non siano scarti del Piacenza. Se dovesse rimanere, Secco si dia da fare per imparare a fare il Direttore Sportivo. Qualcuno lo avvisi che per parlare con Moggi non c'è solo il telefono.

LA COMUNICAZIONE: Assumere urgentemente un Responsabile della Comunicazione che sappia cosa significa comunicare. Riunire TUTTI i tesserati e IMPORRE il divieto di pronunciare frasi che ricordino la circostanza che "solo due anni fa eravamo in B". Istruire i dirigenti, attuali e futuri, sul fatto che alla Juventus si può ridere solo in vacanza e dopo aver vinto qualcosa. Ridurre al minimo le interviste sia degli atleti che dei dirigenti. Parlare meno e concentrarsi di più. Evitare assolutamente di mostrarsi in atteggiamenti subalterni verso squadre di pari o inferiore rango. Cancellare la parola ESPIAZIONE, sostituirla con ORGOGLIO. Abolire la distribuzione allo stadio della Gazzetta dello Sport prima delle partite casalinghe. Querelare immediatamente i giornalisti o chiunque pronunci falsità o concetti lesivi della reputazione della Juventus e dei suoi tifosi.

IL MERCATO: Evitare le trattative estenuanti, riportate da tutti i giornali. Riservatezza sugli obiettivi. Tenere a distanza i giornalisti sull'argomento. Comprare campioni affermati, oppure giovani di grandissimo potenziale. Stare lontani da atleti convalescenti oppure logori. E, nei limiti del possibile, anche dai parametri zero. In pratica prendere un Direttore Generale che sappia di calcio e lasciarlo lavorare tranquillo. 

I CALCIATORI: Punire pesantemente i giocatori che vìolino il segreto dello spogliatoio, o che si rendano protagonisti di episodi di intolleranza nei confronti del tecnico o dei dirigenti. Chiarire ex-ante che TUTTI possono essere sostituiti e che un gesto di stizza significa farsi 5 giornate in tribuna. Imporre ai giocatori più contegno nell'imminenza delle partite e soprattutto nei rapporti con tesserati di altre squadre. Chi ostenta risate e scherzi dopo una sconfitta va punito: non è lo smile il problema, ma lo diventa se si ride quando c'è da piangere. Evitare tassativamente che i tesserati vadano in trasmissioni televisive di intrattenimento durante tutta la stagione ufficiale. Multe, pesantissime, per chi parla troppo e si allena poco. Forte multa per i tesserati che si fanno espellere per proteste o atti irriguardosi nei confronti dell'arbitro, fino ad arrivare alla risoluzione del contratto nei casi di recidiva plurima.

GLI ARBITRI: Pretendere l'applicazione imparziale dei principi base del regolamento del gioco del Calcio. Non aver paura di alzare la voce per sostenere gli interessi della squadra e indirettamente degli azionisti. In casi estremi, minacciare il ricorso alla magistratura ordinaria.

LA MEMORIA: Ripristinare la memoria storica degli anni dal 1994 al 2006. Riabilitare mediaticamente i signori Moggi, Giraudo e Bettega. Attrezzarsi psicologicamente e amministrativamente a richiedere la restituzione dei due scudetti sottratti con un procedimento anticostituzionale nel 2006. Togliere i due asterischi dalla bacheca del Sito Ufficiale. Rimuovere dalla sala trofei la Coppa Zaccone e fonderla, facendone attaccapanni per il nuovo stadio.

I TIFOSI: I tifosi non abbiano paura di contestare. Non accontentarsi di una JUVINESE. Pretendere la VERA JUVENTUS. Non dimenticare mai quello che è successo nel 2006. Informarsi su quello che è accaduto, su quello che sta accadendo e su quello che accadrà. Pretendere il merchandising con il numero 29. Evitare anche il solo contatto fisico con la Gazzetta dello Sport. Testa alta e risposta pronta. SEMPRE.

Ju29Ro redazione@ju29ro.it

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati