Ricerca personalizzata

martedì 10 novembre 2009

Moggi: «Perché Carraro e Collina non sono imputati come me?»

Franco Carraro e Pierluigi Collina, perché non sono qui, sul banco degli imputati come me? E' stato questo il senso delle dichiarazioni spontanee rese oggi da Luciano Moggi all'inizio dell'udienza, davanti alla nona sezione penale, collegio A, del tribunale di Napoli dove è in corso il processo Calciopoli che vede l'ex dg della Juventus Moggi indagato insieme ad altre 24 persone. Moggi, nell'atto di accusa dei pm Filippo Beatrice e Giuseppe Narducci è indicato come il promotore di un'associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. Leggendo «le intercettazioni - ha detto Moggi in aula dove ha parlato per la prima volta da quando è cominciato il processo - si trova una telefonata di Collina il quale dice al dirigente del Milan Meani che avrebbe voluto parlare con il presidente della Lega Galliani allora anche vice presidente del Milan. Il tenore della telefonata era piu' o meno questo: "Vorrei parlare con Galliani però dovremmo arrivare al tuo ristorante in un giorno di chiusura a mezzanotte perché possa entrare dalla porta di dietro affinche' non mi veda nessuno". Questa intercettazione non è stata inserita nel processo e addirittura Collina oggi è il designatore capo degli arbitri. Mi domando e vi domando: se un arbitro in attività - ha continuato Moggi - può fare una cosa del genere e se effettivamente come ha detto "incontrare Galliani per un discorso esclusivamente per il futuro della sua carriera" non poteva farlo nelle sedi opportune della Lega dove Galliani era presidente evitando il giorno di chiusura del ristorante, la mezzanotte e la porta sul retro per non farsi vedere? Signor presidente a pensare male si fa presto ma spesso si indovina». Poi Moggi ha tirato in ballo Franco Carraro, all'epoca presidente della Figc. «Sono stato anche accusato - ha detto l'ex dg bianconero - di aver fatto retrocedere il Bologna, quando poi si va a leggere di un'intercettazione dell'allora presidente federale Franco Carraro nella quale dice al designatore Paolo Bergamo che bisogna aiutare Lazio e Fiorentina a evitare la retrocessione. Guarda caso retrocedono Bologna e Brescia e si salvano Lazio e Fiorentina. L'intercettazione del presidente della Figc passa inosservata». Per la cronaca, Carraro è stato prosciolto da ogni addebito con sentenza della Corte di Cassazione da Calciopoli. Collina non è stato mai iscritto nel registro degli indagati. Moggi si e' poi lamentato del trattamento che ha subito rispetto ad altri e in particolare del dirigente del Milan Leonardo Meani che, a detta del teste Manfredi Martino, ascoltato in aula il 6 novembre scorso, riceveva gli sms con i nomi degli arbitri assegnati ai rossoneri anche 20 minuti prima di Moggi. «Martino - ha detto Moggi nella sua dichiarazione spontanea - lo trovo qui come testimone e non come imputato». Durante la sua testimonianza Martino parlò di uno strano colpo di tosse da parte del designatore Pier Luigi Pairetto durante il sorteggio dell'arbitro per Milan-Juve, partita che decideva il campionato 2004-2005, mentre il giornalista indicato dall'Ussi pescava le palline nell'urna dove c'erano le palline con le schede delle partite: «Se quel colpo di tosse era diretto al giornalista - ha detto Moggi in aula - allora questi era parte della combine. Non lo so. Allora tutti i giornalisti e i notai che hanno partecipato ai sorteggi arbitrali dovrebbero essere interrogati, indagati». L'intervento fuori programma di Moggi ha distratto l'attenzione sul teste previsto in udienza, il maresciallo dei carabinieri Michele Di Laroni, uno dei tre militari del pool dell'Arma che ha lavorato alle intercettazioni telefoniche e in particolare sulle 31 utenze di telefonia mobile di una compagnia telefonica svizzera che sarebbero state utilizzate dagli indagati. «Erano come utenze citofoniche - ha detto in aula il teste -. Venivano usate per parlare tra loro». In aula è stato anche affermato che gli indagati avrebbero utilizzato inoltre anche 385 utenze di una compagna di telefonia mobile del Liechtenstein che però erano tutte prive di riferimenti anagrafici.
Fonte: Ansa

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati