Ricerca personalizzata

mercoledì 1 ottobre 2008

I tre contenziosi del Bari con il Comune per gli stadi

La società pugliese e l’ente pubblico hanno una serie di reciproche pretese risarcitorie e creditorie per l’utilizzo del “della Vittoria” e del “San Nicola”, il cui esito è al momento ancora incerto

«Allo stato attuale sono in essere tre distinti contenziosi con l’amministrazione comunale per la gestione dello stadio della Vittoria e dello stadio San Nicola». La notizia è stata riportata dal Bari nella parte “fondi per rischi e oneri” nella nota integrativa al bilancio 2007. E’ una vera e propria partita a “ping pong” tra la squadra di calcio della famiglia Matarrese e il Comune, il cui esito è al momento ancora incerto. La società biancorossa ha giocato gli incontri dei campionati nello vecchio stadio della Vittoria, costruito negli anni ’30, fino al 1990: in quell’anno si trasferì al nuovo impianto San Nicola, realizzato per i mondiali di calcio.
I giochi sono stati aperti alcuni anni fa dall’amministrazione del capoluogo regionale pugliese. «Il primo contenzioso nasce a seguito della richiesta avanzata dal Comune di Bari – raccontano i tre Matarrese componenti del consiglio di amministrazione – per il pagamento del corrispettivo relativo alla concessione in uso dello stadio della Vittoria nel periodo settembre 1979/settembre 1984, parzialmente soddisfatta con decreto ingiuntivo». A questa pretesa, i “galletti” pugliesi replicarono chiedendo «un risarcimento dei danni per la riduzione della capienza dello stadio disposta dalla Commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo a decorrere dal 1° dicembre 1986».
Invece, per l’uso del nuovo impianto cittadino c’è un primo contenzioso. «Da una parte la pretesa creditoria avanzata dal Comune di Bari – proseguono i Matarrese – a titolo di pagamento dei canoni di concessione e di rimborso dei consumi per l’utilizzo dello Stadio San Nicola nel periodo maggio 1990/giugno 1994, per un importo complessivo di euro 726mila». Neanche in questo caso si è fatta attendere la risposta del club biancorosso. «Dall’altro, la pretesta creditoria avanzata dall’As Bari spa a titolo di pagamento del corrispettivo per la manutenzione dello stadio e degli impianti nel periodo 1° luglio 1991/30 giugno 1992, per un importo complessivo di euro 565mil (iscritto nei crediti)». Riguardo a queste pretese contrapposte «esiste un provvedimento giudiziario esecutivo, costituito dalla predetta sentenza del Tribunale di Bari n.113/2006 del 9 marzo 2006, con cui è stata parzialmente riconosciuta quella avanzata dal Comune per 181mila, oltre agli interessi legali a decorrere dal 2 marzo 1993».
Ma non è finita qui: il presidente Vincenzo e i due Salvatore Matarrese passano a illustrare l’ultima contesa con l’ente pubblico. «Esiste infine un ultimo contenzioso relativo alla corresponsione del canone di manutenzione dello stadio San Nicola. Il Comune di Bari richiede la restituzione della somma di euro 542mila, oltre interessi e maggior danno da svalutazione e spese processuali, corrisposta alla Società quale corrispettivo per la manutenzione dello stadio e degli impianti nel periodo 10 settembre 1990/30 giugno 1991. La Società avanza una pretesa creditoria per il medesimo importo, a titolo di ingiustificato arricchimento». Nel documento contabile si specifica che «è opportuno peraltro precisare che la pretesa creditoria del Comune di Bari è fondata su un titolo esecutivo (costituito dalla sentenze di 1° e 2° grado)».
Secondo la società calcistica «come evidenziato dai nostri consulenti legali, le pretese creditorie allo stato riconosciute in favore del Comune di Bari non risultano assistite da provvedimenti giudiziari definitivi e vengono quanto meno contrastate dalle pretese contro-creditorie avanzate dall’As Bari nel contenzioso insorto o in via di insorgenza». Di conseguenza è «difficoltoso prevedere l’esito del contenzioso – concludono i Matarrese nella nota integrativa – e quindi effettuare una stima attendibile di una eventuale passività potenziale».
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile soltanto dietro citazione della fonte)

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati