Ricerca personalizzata

mercoledì 16 luglio 2008

Alla scoperta del Panionios

La formazione greca prossima avversaria del Napoli in Intertoto gioca con un 4-5-1 trasformabile in 4-4-1-1 con rapide folate offensive sulle fasce. I giocatori più rappresentativi sono Choutos, Makos e Kumordzi

Domenica prossima alle ore 18 il Napoli giocherà il primo decisivo incontro del terzo turno delll’Intertoto nel catino da 12mila posti del Panionios. Il Napoli ha incontrato finora due squadre greche nelle competizioni internazionali: l’Olympiakos Pireo e il Paok Salonicco. Entrambe sono state affrontate in Coppa Uefa ed eliminate dagli azzurri. Gli azzurri incrociarono nel primo turno dell’edizione 1979-80 l’Olympiakos: l’andata si svolse al San Paolo e finì con un netto 2-0, gol di Damiani e Agostinelli. Il ritorno si svolse in un clima da corrida allo stadio Karaiskaki del Pireo (la città dove sorge il porto che serve Atene) e il Napoli perse 1-0 con gol di Karavitis, ma passò il turno. L’altro precedente riguarda il primo turno della Coppa Uefa 1988-89 contro il Paok: fu l’inizio dell’esaltante cammino che portò gli azzurri alla conquista del trofeo. L’andata al San Paolo terminò 1-0 con un gol su rigore di Maradona: al ritorno si concluse 1-1 con reti di Careca e Skartados.
Il Panionios è tra i club della Grecia meno celebri e meno dotati tecnicamente. Il suo tipo di gioco è molto atletico, volto più a distruggere la manovra avversaria che a impostare quella propria. E’ una formazione giovane e ha pochi giocatori di rilievo: il più importante è l’attaccante Lampros Choutos, vecchia conoscenza del calcio italiano che ha militato per alcuni anni nella Roma e tra il 2004 e il 2007 nell’Inter. Nel giro della nazionale greca è il centrocampista Grigorios Makos: è stato nell’Under 21 e ha esordito in quella maggiore nel febbraio scorso nella vittoriosa (1-0) amichevole contro la Repubblica Ceca. Altro nazionale è il ghanese Bennard Kumordzi, esterno offensivo di 23 anni.
Non avendo a disposizione giocatori che possono fare la differenza, l’allenatore tedesco Ewald Lienen schiera la squadra con un 4-5-1, che è incentrato sulle folate offensive sulle fasce, eseguite soprattutto dai due cursori Skoufalis a destra e da Kumordzi a sinistra. Insomma, è una manovra rapida e ficcante in contropiede, che è molto efficace: domenica scorsa l’Ofk Belgrado, squadra molto lenta e impacciata, è stato messo in grande difficoltà da questo tipo di gioco. Spesso lo schieramento nel corso della partita si trasforma in un 4-4-1-1, con Barkoglu che è una sorta di jolly. Spesso si sgancia dalla sua posizione di centrocampista centrale per svolgere il supporto a Choutos in fase offensiva, effettuando assist soprattutto nella parte centrale della metà campo avversaria, oppure per svolgere il ruolo di seconda punta effettiva. Molto probabilmente la partita si deciderà a centrocampo, con il duello tra i cinque centrocampisti del Napoli e quelli del Panionios. Gli azzurri dovranno bloccare il gioco del Panionios soprattutto sulle fasce. Probabilmente Blasi potrebbe tamponare le eventuali sgroppate di Barkoglu in attacco.
Altro pericolo per il Napoli sarà il gran caldo, tipico della fine di luglio in Grecia. Inoltre, ci sarà il tifo infernale dei Panthers 1983, gli ultras del Panionios. C’è da scommettere che molti tifosi napoletani si recheranno allo stadio di Nea Smyrni a incitare i propri beniamini.

Dove si trova Nea Smyrni
Lo stadio del Panionios è situato nella città di Nea Smyrni (vedi il punto C segnato nella cartina posta in basso), un comune indipendente situato tra Atene e le cittadine di Kallithea (in italiano Bella vista) e Paleo Faliro (Porto vecchio). Per fare un paragone con il circondario di Napoli, Nea Smyrni potrebbe essere simile a Portici, Ercolano o un’altra delle cittadine poste nelle vicinanze del capoluogo campano.
Per chi giungesse a Nea Smyrni dalla capitale greca in automobile, la strada più veloce è il grande viale Leoforos Syngrou. I tifosi non devono preoccuparsi per la segnaletica stradale: oltre ai caratteri greci è indicata anche in quelli latini. Occorrerà percorrere il viale sino a raggiungere l’indicazione “Nea Smyrni - Exit 2". Una volta presa questa direzione, bisogna scendere attraverso un sottopassaggio: al primo semaforo successivo si vedrà sulla destra l’insegna di un ristorante “Pizza Hut”. Dopo aver oltrepassato la pizzeria, occorrerà svoltare subito a destra Vyzantiou Street. Dopo 500 metri, si girerà a sinistra in Kairi Street: si è arrivati allo stadio.
Invece, per i tifosi che giungeranno dall’aeroporto internazionale “Eleutherios Venizelos”, sito a Spata (cittadina posta a circa 40 km a sud ovest di Atene), il collegamento più rapido ed economico è costituito dalla metropolitana extraurbana (vedi cartina in basso) al prezzo 5 euro in direzione Syntagma, ossia la fermata della centralissima e omonima piazza (che vuol dire costituzione in italiano). Giunti a Syntagma occorrerà cambiare per prendere la linea rossa: si scenderà alla fermata Panepistimio. Lì i sostenitori azzurri potranno prendere l'autobus 106 alla fermata di Sina street che li porterà nei pressi dello stadio del Panionios. Per ulteriori informazioni, si può vedere il sito del metrò di Atene http://www.ametro.gr/page/default.asp?la=2&id=4.
Il sito ufficiale della squadra è http://www.panionios.gr/. L’e-mail: contact@panionios.gr
Marco Liguori
(Riproduzione riservata, possibile solo dietro citazione della fonte)

(Per chi volesse recarsi a Nea Smyrni a vedere la partita e informarsi sui biglietti, si legga http://marcoliguori.blogspot.com/2008/07/panionios-napoli-800-biglietti-per-i.html)











Visualizzazione ingrandita della mappa


Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati