Ricerca personalizzata

venerdì 5 dicembre 2008

Corte federale respinge ricorso Moggi per squalifica Calciopoli

Accolto invece il ricorso del presidente della Reggina, Pasquale Foti, contro l'inibizione ricevuta per aver svolto operazioni di calciomercato fuori sede

La corte di giustizia federale della Figc ha ritenuto inammissibile e quindi respinto l'appello avanzato da Luciano Moggi avverso i cinque anni di inibizione con multa ad 50.000 euro inflitti all'ex-dirigente della Juventus a seguito dei deferimenti del procuratore federale. Moggi aveva presentato l'appello dopo avere rinunciato al tesseramento presso la federcalcio. Nella stessa riunione tenuta oggi, accolti invece i ricorsi del presidente della Reggina Pasquale Foti, contro i 45 giorni di inibizione per avere svolto operazioni di mercato in sede non autorizzata, del direttore sportivo del Chievo, Giovanni Sartori (45 giorni), e del suo collega al Lecce, Guido Angelozzi (un mese). La commissione disciplinare ha quindi respinto la richiesta di deferimento avanzata nei confronti di Bruno Conti ed Aldo Bartolomei, per il loro coinvolgimento, quando erano rispettivamente responsabile del settore giovanile della Roma il primo e della segreteria il secondo, per la vicenda legata al tesseramento del calciatore Gennaro Falzarano, a sua volta invece squalificato per 20 giorni a seguito della richiesta di patteggiamento. Multa di 5.000 euro invece per la Roma.
Fonte: Apcom
Leggi anche Bolelli: "Io paragonato a Moggi? Adisco vie legali"
Statuto Figc: Moggi non può più tesserarsi

Nessun commento:

il pallone in confusione

Registrazione n° 61 del 28 settembre 2009 presso il Tribunale di Napoli
Sede: corso Meridionale 11, 80143 Napoli
Editore e direttore responsabile: Marco Liguori
email marco_liguori@katamail.com

Si prega di non intasare le caselle di posta elettronica con spam pubblicitario e di altro tipo (come appelli politici). Questo sito tratta solo di calcio, finanza del calcio e di argomenti affini. Ogni abuso sarà punito.

Le foto presenti su "il pallone in confusione" sono state in gran parte prese da siti Internet: dovrebbero essere di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo a uno dei due indirizzi email sopra indicati